lunedì 8 settembre 2008

13 Settembre 1999


Non c’è trucco e non c’è inganno, la serie televisiva di fantascienza più bella mai prodotta è Spazio: 1999.
Ne furono realizzati 24 episodi per stagione, per un totale di 48.
Spazio: 1999 fu trasmesso in Gran Bretagna e negli USA a partire dal 1975, (ma il primo episodio era stato realizzato come pilota nel 1973). In Italia e nel resto d’Europa la serie arrivò nel 1976.
Spazio: 1999 nacque dal progetto abortito - nel 1970 - di una seconda stagione della serie UFO. Gerry Anderson aveva in mente un sequel di detta serie, in cui il comandante Straker sarebbe riuscito a realizzare una base lunare della SHADO ben più grande di quella operativa nel 1980. La serie avrebbe dovuto chiamarsi UFO: 1999 ma non trovò mai il favore di chi avrebbe dovuto finanziarla, per cui il progetto venne prima accantonato e in seguito ripreso e trasformato drasticamente.
Fortunatamente, aggiungo io, visto che UFO non aveva mai brillato per la simpatia dei protagonisti, e anche perché il plot narrativo era stato del tutto sviscerato - a mio parere - negli episodi girati.
Spazio: 1999 è rimasto profondamente radicato nella memoria di chiunque, da ragazzino, abbia seguito le vicende dei sopravvissuti della base Alpha alla deriva nello spazio.
L'atmosfera che permeava la serie era cupa e priva di ironia, ma proprio per questo incredibilmente realistica e coinvolgente.
Grande attenzione era stata posta dagli scenografi e dai costumisti per realizzare ambienti e mezzi scientificamente credibili, un'operazione analoga a quella compiuta da Kubrick per 2001, e che ha consentito alla serie di invecchiare molto lentamente, eccezion fatta per i pantaloni a zampa d'elefante delle uniformi, identiche per uomini e donne, che tradivano la moda dell'epoca in cui Spazio: 1999 fu concepito.
Nella seconda stagione, gli americani ci misero le zampe sopra, e snaturarono completamente Spazio: 1999, aggiungendo azione, flirt e battute ed eliminando personaggi-chiave senza fornire alcuna spiegazione allo spettatore.
Un disastro.
Preferisco (e la quasi totalità dei fans) ricordarne i primi fasti, che ci coinvolsero, stupirono, angosciarono e magari ci fecero dubitare di cose già da tempo accettate e catalogate come "normali".
Comprate i DVD, guardatevelo sul satellite, fate quelle cose che si fanno con il mulo... non importa.
Vedetevelo.

6 commenti:

Larsen ha detto...

mi permetto di consigliati anche "battlestar galactica", sia nella sua versione piu' o meno coetanea di "spazio:1999" sia nelle serie remake del 2003...
sono 2 stagioni originali (anni 80) e 4 stagioni del remake (la 4a stagione finira' il prossimo anno negli usa).
ci sono anche un paio di lungometraggi "stand alone"...
l'ho riscoperta l'anno scorso, e me la sono rivista tutta.

consiglio ovviamente la versione originale non ridoppiata... anche per questioni di linearita' dei personaggi: non si capisce perche' dalla versione originale a quella italiana hanno deciso di cambiare nomi a caso...

minimalist ha detto...

Alan Carter/Nick Tate... un vero mito!

spasquini ha detto...

Aquile 1 e 2 ... fuori!

Base Alpha, Base Alpha, rispondete!

Mitica serie. Ricordo da bambino che la guardavo e ne avevo paura, ma continuavo a guardarla.

In un episodio c'era un mostro fatto di organi sparsi, con occhi penduli e altri ammennicoli sanguinolenti, che non mi fece dormire per giorni.

E ricordo gli schermi portatili, rigorosamente in B/N con minischermo a tubo catodico ..

CyberLuke ha detto...

Battlestar Galctica mi manca...
devo recuperarla.
Se vieni al raduno, me ne porti una copia?
Ti offro una cena. :)

Larsen ha detto...

tanto lo sai che li salto tutti i raduni :D
manco sapevo ce ne fosse un'altro in programma...

purtroppo ho il "braccialetto elettronico" del lavoro, sono il primo auto.recluso al mondo :D

ti mando un pm sul forum va... ;)

CyberLuke ha detto...

Larsen, sei un uomo-sòla.
Rinuncia a qualcosa e raggiungici, sissèi n'omo. ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...