giovedì 11 settembre 2008

Guarda & impara, 3

Campagna stampa Converse.
Assolutamente non italiana.
Cliccateci sopra per ingrandire.
Non fatemi ripetere cosa penso del livello medio delle campagne italiane.
E non perché abbiamo mediocri creativi: tutt'altro.
Perché...
bah, ditemelo voi.

4 commenti:

datzebao ha detto...

sai apprezzo la creatività, ma qui mi sembra una creatività troppo "spinta", forzata.
Non mi piacciono molto, esteticamente...

CyberLuke ha detto...

La decontestualizzazione surrealistica dell'oggetto pubblicizzato è un artificio praticamente sconosciuto in Italia.
Ed è un peccato, perché porta a dei risultati spesso straordinari.
Se ho tempo, posto un altro esempio, una campagna che ho realizzato l'anno scorso per Saab.

DAMA ARWEN ha detto...

Di sicuro sono interessanti... un po' inquietanti anche...


il Che... vabé lassamo stà...

Vero è che in Italia non si "osa" mai.
A volte i cleitni a noi chiedono innovazioni, nuovi fotografi e nuovi stili di ambientazione, oppure di rinnovare lo stile grafico ecc ecc... e poi, tornano sempre indietro sulle loro scelte... -.-

CyberLuke ha detto...

Almeno a voi ve li chiedono!...
A noi, i grossi giganti (Enel, Telecom, Wind, Renault e via elencando) manco quello.
Ci inviano le loro immagini e quelle dobbiamo usare.
E, ah, sì, abbiamo anche i manuali d'uso delle corporate images che dobbiamo seguire come le Dieci Tavole della Legge.
Evviva la creatività.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...