venerdì 7 novembre 2008

Non ci volevo credere...


...e ancora adesso ho qualche dubbio che sia tutto un gigantesco, ben orchestrato fake.
Quello che vedete nell'immagine è Bit Beat, il robot che, se non come aspetto come comportamento, più si avvicina ad un essere umano che abbia mai visto.
Assomiglia vagamente ad Asimo, il robottino prodotto dalla Honda, ma Bit Beat fa apparire quest'ultimo solo un costoso giocattolo.
La peculiarità di Bit Beat sembra essere la sua intelligenza artificiale (ogni volta che sento usare questo termine, è quasi sempre a sproposito, vedi il mio post Lo spirito nella macchina) con caratteristiche di autoapprendimento: una specie di bambino robotico, che non dimentica nulla di quanto gli viene insegnato.
Ripeto, se è tutto vero siamo ad una svolta epocale in questo campo.
I robot che conosciamo sono macchine piuttosto efficienti a svolgere un unico, ben preciso e dettagliato compito: verniciare un'auto, assemblare una scheda madre, disinnescare una bomba.
Al di là della loro specifica area di competenza, sono ferraglia inutile: non sanno fare nient'altro.
Bit Beat impara a fare qualsiasi cosa.
Questo video mi ha fatto cadere la mascella.



Update: grazie a Larsen, si è scoperta la verità: BitBeat è un abilissimo fake a base di After Effects, HDR Shop, Maya, Mental Ray e Photoshop.
Per i robot intelligenti dobbiamo aspettare ancora.

5 commenti:

datzebao ha detto...

A mio avviso è un fake, basta guardare i movimenti umani che un robot non avrebbe mai, almeno ad oggi. Però hanno inventato un robot in grado di risolvere il cubo di Rubik

CyberLuke ha detto...

Boh, può darsi.
In realtà, anche Asimo si muove in maniera fluida e semi-umana, anche se Beat Bit lo fa meglio.
Non so cosa pensare.

Anonimo ha detto...

sono sempre larsen :D

e' quasi sicuramente un fake, e non mi riferisco al cubo che e' "abbastanza semplice" da risolvere (ci sono parecchi "robot" sul tubo che fanno il cubo), ma sono proprio i movimenti.

per quanto si possa andare lontano con la robotica, al momento, cio' che premette i movimenti, sono sempre motorini passo.passo elettrici.
nessun problema in se, ma hanno la caratteristica di avere appunto poca fluidita' nei "cambi di direzione"...
l'unico modo per simulare il movimento umano e' usare componenti elastiche che riproducano il tipo di sforzo dei muscoli... ovvero attuatori idraulici o pneumatici...
ma, ovviamente, dentro quel coso non ci starebbero :D

Anonimo ha detto...

sempre larsen :D

c'e' poco da fare, son troppo un genio: http://forums.cgsociety.org/showthread.php?f=132&t=692667

;) viral marketing

e tra l'altro sono i bravissimi di edenlab di torino (spot citroen vari, le peugeot che giocano a tennis, ecc.ecc.) :D

CyberLuke ha detto...

Ok, ritorniamo sulla Terra. :(
Ammetto che ci avevo sperato...
Ottimo lavoro, in ogni caso, l'unica cosa che poteva tradirli era l'aspetto poco "tecnico" del sito e l'assenza di qualsiasi dato appena più approfondito.
Bene, Terminator è ancora lontano, dopotutto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...