mercoledì 14 gennaio 2009

Guarda e impara, 10

Proseguono le mie segnalazioni di campagne pubblicitarie che in Italia non vedremo mai e poi mai.
DDB è un'agenzia di Amburgo, e per rilanciare i più celebri mattoncini per costruzioni del mondo, ha appena pubblicato questa multisoggetto per Lego.
Solo apparentemente fuori target.


Mi chiedo solo se sia stata usata computergrafica o sia stato coinvolto qualche virtuoso scultore di Lego, come Nathan Sawaya, che con otto vostre fotografie riprese ad varie angolazioni, venticinquemila mattoncini e sessantamila euro vi realizza la vostra statua di Lego.
(ecco, per la serie: inventarsi un mestiere. Io sessantamila euro non li vedo in un anno)

5 commenti:

datzebao ha detto...

Io credo sia computer grafica, almeno così mi pare.
In ogni caso li trovo geniali, perché affiancano alla classicità del Lego i nuovi linguaggi del web (il pixel) e della censura (la pixelizzazione), che stavolta passa però in modo naturale per l'elemento costitutivo stesso. Quasi il Lego di per sé creasse linguaggio... cosa che a pensarci bene, in effetti, è. Bravi!

Nicla ha detto...

La pubblicità mi piace molto.
Ha un che di geniale.
Comunque...io sessantamila euro forse li vedo in 10 anni ma nemmeno...uffi :(
però almeno fa un bel lavoro....e si sente soddisfatto...

Dandia ha detto...

Anch'io direi che è computergrafica. Ho scoperto che esistono programmi nati apposta per costruire modelli 3d con i mitici mattonicini, dei veri e propri cad per appassionati di Lego. Dubito però che permettano di creare modelli così complessi...
Se poi vi piace il linguaggio pixelizzato dei Lego date un'occhiata anche a questo video di Michel Gondry realizzato per The White Stripes:
http://www.youtube.com/watch?v=vBiN_yFKgno

Roberta la Dolce ha detto...

Bellissimo video, Dandia!! Me l'ero perso...
E molto bella anche la campagna Lego!
Solo mi chiedo... "non sarà troppo" puntare su un pubblico dichiaratamente adulto e maschile per pubblicizzare delle costruzioni per bambini?

fab ha detto...

comunque questa non è una pubblicità per Lego, hai preso un abbaglio.
sono foto fatte da Jean-Yves Lemoigne per amusement magazine
:)
ciao!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...