martedì 3 febbraio 2009

Non puoi cambiare niente...

Il tempo è come una strada, va bene?
Possiamo muoverci in avanti su quella strada, possiamo muoverci indietro, ma non possiamo mai creare una nuova strada.
Se provassimo a fare qualsiasi cosa di differente, falliremmo ogni volta.
Quello che è successo, è successo.
Non puoi cambiare niente. Non puoi.

E se lo dice Daniel Faraday, potete crederci.
È un po' che ci rifletto.
Fatelo anche voi.

7 commenti:

Dandia ha detto...

Ok, ho riflettuto.
Purtoppo non so nulla di Lost se non quello che hai scritto in qualche precedente post, quindi non posso capire in che contesto questo Daniel Faraday abbia fatto questa affermazione (oltre a non capire cosa ci sia di irresistibile in questa serie!).
Sarebbe bello poter tornare indietro, ma come si può escludere con certezza la possibilità di creare una strada parallela? Sono un po' perplessa... E poi non è vero che non si può cambiare proprio niente. Anche senza viaggi nel tempo, a volte basta modificare il proprio punto di vista per stravolgere il senso di quello che è successo. Mai capitato?
Beh, forse è meglio che me ne vada a dormire...

Anonimo ha detto...

sai come si dice: cambiare tutto per non cambiare nulla...

inoltre una visione cosi' "ristretta" della vita renderebbe superfluo programmare o lottare per qualcosa: tanto e' gia' tutto deciso no?
quindi che uno si sbatta o meno non cambiera' nulla?

credo nel destino, a maggior ragione mi "diverto" nel cercare in ogni modo di piegarlo alle mie esigenze... e pazienza se non ce la faccio sempre.
come dice un'altro (no, non fa tv :D): L'esperienza è quello che ottieni, quando non ottieni quello che desideri.

larsen

CyberLuke ha detto...

Faraday sostiene la teoria dell'immutabilità del passato.
In film come Ritorno al Futuro abbiamo visto come, compiendo scelte diverse, si modifichi anche pesantemente la nostra esistenza: in altre parole, si crea una nuova strada, una nuova linea temporale.
Molti fisici, invece, sostengono che questo non è possibile (ammettendo la possibilità di viaggiare a ritroso nel tempo): le nostre scelte, le nostre decisioni, sono avvenute, e hanno avuto le loro conseguenze: non è possibile cambiare più nulla.
Invece, la riflessione di Dandia è molto arguta: la nostra visione delle cose può modificare profondamente il nostro continuum personale. ;)
@Larsen: neanch'io credo al destino, così come non vi crede Faraday e la maggior parte degli scienziati indeterministi.
Ogni volta che compiamo un gesto, formuliamo un singolo pensiero, cambiamo il nostro destino e quello di tanti altri. :)

valexina ha detto...

Non si può cambiare neppure la natura umana (purtroppo o per fortuna): la reazione, come la sopravvivenza, è nella nostra indole...

Andrea_ZonaGrey_Hack ha detto...

...il passato è una "elaborzione" personale dettata dalla inconsistenza delle nostre ( temporanee ) sensazioni del momento...
...per fare un esempio più semplice il MIO passato non sarà MAI come il tuo se dovessimo raccontare di una nostra ipotetica esperienza chiusi insieme per 24 ore in un ascensore...

..elaboreresti TUE peronali sensazioni, che sono frutto di esperienza, ricordi, momenti talmente personali che è ( ed è un bene! ) impossibile che coincidano con le mie...tuttavia dovrebbere essere simili se si ipotizza di convivere in uno spazio così minuscolo un tempo così ( relativamente ) lungo.

Lo stesso per il futuro. Ogni strada ha la sua direzione, la sua consistenza, e vi ci cammina sopra un solo individuo, con le sue scarpe, il suo modo di camminare...il suo essere insomma!!

Be a man, be an Island!

CyberLuke ha detto...

Andrea, godo come un maccherone quando fai il filosofico. ;)

Angel-A ha detto...

"Godo come un maccherone"?!? :D :D :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...