giovedì 5 marzo 2009

Invaders must die!


Se i Prodigy fossero un odore, sarebbe quello dei circuiti elettronici caldi in sovraccarico.
È uscito Omen, il primo singolo che vede, dopo dodici anni, il ritorno alla line-up originale.
L'ho sentito per caso in radio.
È potentissimo.
È una scarica di energia pura.
Impatta come una scarica di colpi in Tekken3.Nessuno come loro riesce a fondere assieme elettronica, techno e punk rock.
D'accordo, è solo il singolo, e non posso pronunciarmi sul resto del disco (Invaders Must Die, bellissimo titolo, peccato per la brutta copertina), ma se tanto mi dà tanto, siamo tornati ai fasti di Music for the jilted generation (che è l'album più innovativo di tutti gli anni novanta, non venite a tirarmi fuori quegli straccioni dei Nirvana).
Mi sta esaltando.
Sentitelo anche voi.

10 commenti:

maui ha detto...

Sì, molto Prodigy. Ma dai tempi di Fat of the land un po' di cose nel mondo e nella musica sono successe.
Mi sembra molto 1997.
Mi pareva più moderno Girls.
Ormai so' vecchiarelli, ammettiamolo.
So' rimastoni.

Anonimo ha detto...

Confermo, grande album, molto sporco e potente, sicuramente il migliore dopo the fat of the land, ma bisogna dire che sono differenti

Anonimo ha detto...

A me piace molto Colours.. bella ritmata.. Anche il resto ovviamente non è male, anzi :)

Damiano

Antonella ha detto...

Uhm.. non so.. non mi ha convinto del tutto. Attendo l'album e un ascolto in condizioni acustiche migliori.

Francesco Sternativo ha detto...

io quest'estate li sentiró al global gathering ^_^

Anonimo ha detto...

Ma davvero ti piace 'sta roba?
Sinceramente, li trovo patetici.
Si sono fermati al '96, sembra una raccolta dei peggio outtakes di "Fat Of The Land".......
E la cosa più incredibile e che sono primi in G.B. con 150.000 copie vendute ad una settimana dall'uscita..........una vergogna!!
O il mondo si è fermato, o io sono troppo avanti.......non riesco ad andare oltre i 15 secondi di ogni brano, quei synth, quei ritmi, quella voce, irritanti e fastidiosi come una mosca che ti entra nell'orecchio..........
Liam Howlett? must die!
Saluti
Hermitage
P.S. = Gran blog. Complimenti. Già inserito nei preferiti.

Roberta la Dolce ha detto...

Ballavo come una matta "Voodoo People"... le mie prime uscite in discoteca... quanti ricordi!!!
Ammetto di non possedere i loro dischi, ma mi sono sempre piaciuti moltissimo... hanno un sound inconfondibile ed effettivamente hanno portato una bella ventata di novità.
Poi, si sa, i gusti son gusti... chi ascolta i Nirvana o la Callas dubito che può apprezzarli! ;-)

CyberLuke ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
CyberLuke ha detto...

È qualche giorno che lo sto ascoltando a ripetizione.
Lo sto assimilando, poi ne scriverò ancora... merita.
@Francesco: You must die.

Anonimo ha detto...

Io ascolto Bach, Mozart, Beethoven e...........I PRODIGY!! CAPPERO!! LA MIGLIORE MUSICA CHE IL VENTESIMO/VENTUNESIMO SECOLO ABBIA MAI PRODOTTO!!!! E INVADERS MUST DIE NON è INFERIORE AI LORO ALBUM PRECEDENTI!! MA C'è CHI NON PUO' CAPIRE LA LORO MUSICA, UNA MUSICA PRIMITIVA ED ARCAICA CHE HA FATTO RITORNO ALL'USO DEL SUONO PURO, GREZZO E TALVOLTA AGGRESSIVO E CAOTICO. RAGAZZI, MA VI RENDETE CONTO? E' L'ARCHETIPO DELLA MUSICA....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...