lunedì 16 marzo 2009

La legge? Sono io

Leggo da qualche parte, non senza sorpresa, che stanno per iniziare le riprese di un nuovo film sul Giudice Dredd... ma scommetto che pochi di voi sanno di chi o di cosa sto parlando.
Judge Dredd (in originale) è un fumetto creato alla fine degli anni settanta da John Wagner e Carlos Ezquerra pubblicato sulla rivista inglese 2000 AD.
Le vicende si svolgono a MegaCity, una città futuristica iperviolenta dove, per mantenere l'ordine, la risposta ultima della società è stata l'istituzione di un ordine di giudici di strada in cui è stato accentrato il potere di poliziotti, magistrati, giuria e persino boia... potendo quindi arrestare, giudicare e, nel caso, giustiziare i criminali direttamente sul posto.
Potrebbe essere una risposta valida anche nel nostro paese di lungaggini e farraginosità burocratiche che hanno tolto ogni credibilità alla nostra magistratura, ma per stavolta lasciamo stare la politica.
Il protagonista della serie è il giudice Dredd, l'incarnazione stessa della legge: imparziale ed incorruttibile, è del tutto privo di elasticità e fa dell'applicazione scrupolosa dei codici la sua sola ragione di vita.
Judge Dredd non ha mai sfondato nel nostro paese, mentre ha conosciuto una gran popolarità oltreoceano oltre che, naturalmente, in terra natìa, grazie anche a qualche riuscito crossover con Lobo e Batman (da non perdere il primo, superbamente disegnato da un Simon Bisley in stato di grazia).
Ebbene, nel 1995, molto prima che esplodesse il trend dei film tratti dai fumetti, venne prodotto un film sulle vicende del Giudice Dredd, che uscì nel nostro paese con l'immancabile, italiota e inutile sottotitolo Dredd: la legge sono io e il nome a caratteri cubitali sul cartellone di Sylvester Stallone.
Naturalmente, la critica non aspetta altro che esca un film con/di Sylvester Stallone per scagliarvisi addosso e spolparlo vivo.
Dredd non fece eccezione, all'epoca, venendo bollato come un inutile fumettone tutto azione e zero elaborazione mentale... facendo finta di "dimenticare" che di film tratto da fumetto si trattava, per di più incentrato su una figura che ha la sua forza nell'essere volutamente intagliata con l'accetta e priva – apparentemente – di qualsivoglia spessore psicologico.

La verità è che Stallone era perfetto per quel ruolo.
Sembra che il fumetto sia tratto dal film e non viceversa.
E aggiungo che:
• le scenografie avrebbero meritato l'oscar. Dovunque si posasse l'occhio dello spettatore, non c'era un singolo dettaglio che non apparisse "pensato" e perfettamente coerente col fumetto. Architetture, insegne, display, targhe, veicoli, matte... Raramente in un film di fantascienza ho ravvisato una tale cura del particolare.
• il robot ABC aveva un design e delle movenze eccezionali. Niente CGI ma un modello in scala 1:1 motorizzato dal realismo impressionante.
• I costumi erano straordinari. Molto fedeli a quelli del fumetto, ma rivisitati da Gianni Versace in persona, non proprio l'ultimo degli sprovveduti in materia sartoriale, diciamo.
• Machine Man, sebbebe abbia una parte di appena una decina di minuti e i suoi dialoghi sembrano scritti da un ragazzino di sette anni, sembra uscire direttamente dalle pagine del fumetto.
• La corsa sulle moto volanti si mangia in insalata quella de Il Ritorno dello Jedi.
• Lo score musicale era firmato da Alan Silvestri, e apparteneva a quegli anni perduti in cui i compositori tiravano fuori ancora temi epici e memorabili. O qualcuno di voi rammenta il tema di Iron Man o di Capitan America? ecco, appunto.
Diane Lane, nel ruolo di una delle Giudici, è bellissima.
Poi, per il resto... va bene, la storia è quella che è.
Uno svolgimento rutilante e prevedibile, con i dialoghi che vi aspettereste in una produzione di questo tipo (e non vi aspettate né Shakespeare né Altman, giusto?), la solita dose di esplosioni, inseguimenti, scazzottate e nessun colpo di scena manco a cercarlo d'impegno.
Francamente, non ho idea che taglio sarà dato alla nuova versione cinematografica di Dredd... ma credo che qualsiasi cosa troppo diversa dalla pellicola di Cannon snaturerebbe il fumetto d'origine.
Qui sotto, i cinque minuti d'apertura del film: visto che tanto non ve lo andrete a rivedere ma forse vedrete quello nuovo, vi basteranno questi a capire di cosa si tratta.
Ma Sly non lo batte nessuno, in questo ruolo.
Non c'è storia.

13 commenti:

Simone ha detto...

Da ragazzino leggevo davvero qualsiasi fumetto mi capitasse tra le mani, e avevo qualche numero anche di questo... anche se devo dire che non mi ha mai preso molto.

Il film l'ho visto ma me lo sono già scordato... però con i filmoni sui supereroi che stanno facendo questo sarà sicuramente meglio. Speriamo... ^^

Simone

Angel-A ha detto...

Bhe non sembra bruttissimo!!! ^_^
E il costume di scena effettivamente e' bello...

Licia ha detto...

Io l'ho visto. Che ho vinto (in cibo, Luca, in cibo, mi devi pagare)? Non mi ha fatto impazzire la storia, ma non era da buttare, certo Stallone ha fatto di mooolto peggio.

Anonimo ha detto...

simon bisley!!! ho praticamente tutto cio' che riuscivo a comprare ai tempi di lucca in magazzino!!!

ovviamente dred e' tra quelli :D esattamente quell'albo :D

di bisley hai mai dato un'occhiata ai "lobo"?
assolutamente visionario e un tratto come non esiste piu'!

larsen

Anonimo ha detto...

per i patiti di bisley:
http://www.simonbisleygallery.com/?bisley=home.image&picid=152

:D
larsen

Sauro ha detto...

Ah! Il fumetto non l'ho mai letto, ma il film aveva tutto il suo perchè ... a me era piaciuto.
Certo, va preso per quello che è, cioè un fumetto animato, ma per il resto.

E concordo che meglio di Sly, per quel ruolo, non c'era nessuno.

CyberLuke ha detto...

@Larsen: Bisley è grandissimo. Anche il suo crossover Batman-Lobo era esilarante e disegnato in maniera unica. Lo metto senz'altro nella mia Top Five di disegnatori (a presto un post apposito).

@Sauro: sono contento che tu la pensi così... per più di un buon motivo. ;)

Kappa ha detto...

Concordo su tutto.
Dredd è un personaggio bidimensionale, e DEVE essere così, per cui Stallone (lo stallone pre-Copland) fu perfetto nella parte.
Forse al film manca quella dose di assurdo e follia tipica del fumetto (mi ricordo una storia su 2000 AD di una gara a chi scatarra più distante da un grattacielo di Mega City One che causa un gigantesco incidente stradale e l'arrivo dei Giudici. Demenziale.
Batman vs. Dredd di Bisley è un piccolo capolavoro.

Roberta la Dolce ha detto...

Ti ci vedrei bene con quell'uniforme! ;-)

Contessa ha detto...

Quoto Roberta XD

Dredd era un grande, comunque. Qualche sera me lo rivedo!

CyberLuke ha detto...

@Roberta & Contessa: sentirò il mio sarto.

100% FAKE ha detto...

Ecco.
Qui ci voleva il titolo "Come vi è venuto in mente di girare un sequel per Judge Dredd?"

Vergogna.

CyberLuke ha detto...

Se è solo per questo, sto tremando per il remake di Robocop... ce n'era proprio bisogno?
(ne parlai qui: http://cyberluke2008.blogspot.com/2008/12/sta-tornando.html)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...