martedì 3 marzo 2009

Storie di grafici, 4 - La vendetta del .Sit

Sentivate la mancanza delle storie di grafici?
Beh, prendete questa.
Sto lavorando ad un manifesto per [gigantesca società produttrice di energia elettrica]. Leggo il brief: troverai immagini, loghi e guidlines a questo ftp (seguono password e nome utente per accedere).
Che palle, penso, non facevano prima ad allegarmi tutto?
Ma non mi illudio che il mio mestiere sia trovare la pappa scodellata, così vado sul loro ftp, entro, mi localizzo le cartelline con il materiale che mi serve. Dentro la cartellina “XPress” non trovo, come si aspetterebbe un essere umano normale, file di Quark Xpress, ma un archivio compresso .sit.
Va bene, lo scarico e lo decomprimo.
Peccato che i file non si aprano. Tutto ciò che ottengo è un desolante messaggio d’errore.
Così chiamo l’account.
“I file XPress decompressi dall’archivio della subdirectory dell’ftp sono corrotti”.
“Eeeeehh?”
“Non ti posso fare una beneamata ceppa”.
“Cosaaa? E perché?”
“Ah, questa l’hai capita, eh?”
“Perché non puoi?”
“Perché i file XPress decompressi dall’archivio della subdirectory dell’ftp sono corrotti”.
“Eeeeeeh?”
“Stiamo andando in loop, vedo”.
“Ti prego, parla italiano”.
“Accountese, vorrai dire. Insomma: i file che ho scaricato per [gigantesca società produttrice di energia elettrica] devono essere rimasti danneggiati nella compressione, non si aprono. Qualche idea?”
“Ma come può essere successo??” (con voce sull'orlo di un attacco isterico).
Guardo fuori dalla finestra. “Succede, alle volte. Lo conosci il detto: non tutte le ciambelle...”
“Ciambelle? Quali ciambelle?”.
“Non importa. Non importa. Importa che i file non si aprono. Fatteli rimandare”.
“Eeeerrr... ti richiamo”.
Dopo dieci minuti, squilla il telefono.
“Dammi buone notizie”, le faccio.
“Ho in linea la persona che può aiutarti!”
“E chi sarebbe?”
“Un tecnico di [gigantesca società produttrice di energia elettrica]”.
“Un tecnico... vabbè, speriamo bene”.
Attendo in linea e parte una terribile versione strumentale di Eleanor Rigby. Tengo duro finché arriva una voce ruminante.
“Ciao, allora, che problema hai?”
“I file XPress decompressi dall’archivio della subdirectory dell’ftp sono corrotti”.
“Eeehhhh?”
*sospiro*. “I file che ho scaricato per il manifesto non si aprono. Qualche idea?”
”Uhmm... ci provo io. Aspetta un attimino”.
Certino”...
“Cosa?”
“Niente...”
“Uhm... non mi si aprono neanche a me, effettivamente.”
“Grandioso”.
“Ma voi usate Mac, per caso?”
“Si dà il caso.”
“Forse dipende da quello.”
“Da cosa? Senti, se è un file XPress dovresti aprirlo anche tu col tuo PC. Hai provato ad aggiungere manualmente l’estensione?”
“C’è già un’estensione”.
“E XPress non te lo apre?”
“No”.
“Leggimi l’estensione, vuoi?”
“Punto sit”.

Un tecnico... mi hanno passato un tecnico, capite?....

15 commenti:

Dama Arwen ha detto...

Ma io non ho capito...
il .sit non era la preistorica compressione per mac (quando ancora esisteva il system 9?)

Io non ho più visti file compresi .sit da anni.

In ogni caso i file di Xpress sono quelli che si corrompono + facilmente.

Cmq mi fai spaisciare: sei proprio bastard inside! ^_^

Anonimo ha detto...

nono, fidati, stuffit continua a mietere vittime...

a me arrivano 2/300 pagine di pubblicazioni compresse, e stuffit e' il peggio del peggio del peggio... ci vuole mezza giornata a scompattare, sperando di aver azzeccato la codifica (si, su pc puoi scegliere se estrarli con codifica mac o pc, cosa che ti permette di non perdere i font ad esempio... peccato che dall'altra parte qualcuno dovrebbe avvertirti circa la codifica usata...)...

cmq son problemi relativi al file :D nessuno sano di mente reagirebbe come quel "tecnico" :D

Anonimo ha detto...

ehm.. quello sopra sono, ero, e saro', larsen :D

Simone ha detto...

Potrei parlare ore di (non) assistenza che, non appena sente "mac", si va a trincera dietro un lapidario "allora è colpa di quel sistema" >:(

Comunque, pure io dopo anni di .sit mi sono deciso ad usare altri tipi di codifica per le mie icone, ovvero i .dmg, perchè pure l'Apple aveva diramato un comunicato in cui ne sconsigliava l'uso.

Però, con la nuova compressione, ogni tanto mi scrive un pcista che, incazzato, si lamenta che non riesce ad aprirlo (cercati il software, cocco).

Simone ha detto...

Ma creare un .zip era troppo difficile, vero? ^^

Simone

proud ha detto...

Diciamo la verità, senza account voi grafici stareste tutti a fare i commessi ai grandi magazzini, incapaci come siete di relazionarvi con l'umanità.
Quindi invece di fare tanto i saputelli, abbozzate e ringraziate che ci siamo noi che facciamo il lavoro sporco.

CyberLuke ha detto...

Grazie account, che fate il lavoro sporco. ;) (o è uno sporco lavoro?)
Grazie, grazie.

Angel-A ha detto...

Poco senso dell'humor questi account, eh? ^_^

proud ha detto...

No, scusate, ero ironico, e anche un pò sarcastico, solo che non si è capito perché non ho messo la faccina. La metto adesso, va bene?
;) ^_^ +)

PS: noi account siamo molto ironici, se no come faremmo a sopportare voialtri artisti mancati?

Anonimo ha detto...

un mondo senza account e senza commerciali sarebbe un mondo migliore! :D
niente piu' palle su palle per vendere a tutti i costi, ci si potrebbe finalmente lanciare in campagne innovative senza paura di "spaventare il cliente", nessuno con meno di 3 neuroni darebbe il suo parere (spesso non richiesto) sulle bozze da presentare al cliente...
niente piu' "colori inventati", niente piu' "facciamo ancora una prova, ti va?", niente piu' "tranquillo, questo lo spiego io al cliente" e puntualmente non avviene :D

si, ne sono convinto :D

vota anche tu a favore della campagna per un mondo senza account e commerciali: aiutaci a migliorare il mondo!

Larsen (con mooolta ironia :D)

Francesco Sternativo ha detto...

luca ma tu nn hai una finestra in studio!
o meglio, ce l'hai, ma é opaca e nn se vede 1 cippa! :D

CyberLuke ha detto...

Francé, ma allora ci sei!
Mi leggi!
Sei ancora in salute e hai persino una connessione internet!!
Giorno di gran letizia questo è. ;)

Alessandra ha detto...

Ti rispondo io va... È vivo e vegeto il ragazzo, solo troppo impegnato a giocare alla playstation (tra Street Fighter e Tekken ormai la sera l'ho perso...) neanche mi da una mano col blog comune...che devo fare? :P

Roberta la Dolce ha detto...

Consiglio x Alessandra: passagli avanti e indietro davanti il televisore, e ogni volta un pò meno vestita... Vedrai che dopo tre o quattro volte, avrai catturato la sua attenzione!! ;-)

Alessandra ha detto...

@ Roberta la Dolce: magari peccato che condividiamo casa con altri ragazzi e il televisore è in cucina che sembra sempre un porto di mare :S

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...