martedì 5 maggio 2009

“Il robot è quasi perfetto. Gli manca solo un’anima”. “Ti sbagli. È meglio senza anima”.

Ogni volta che lo riguardo, mi emoziono ancora.
Questo film è un capolavoro.
I veri brividi arrivano quando, a circa venti minuti dall'inizio, appare lei.
Bellissima.
Slanciata.
Indifferente.
Metallica.
I due uomini la fissano, e hanno lo storico scambio di battute sull'opportunità o meno di dare un'anima a quel simulacro umano.
Poi, lei si anima.
Si alza.
Ha una grazia assieme naturale e artificiosa.
Cammina.
Si ferma davanti i suoi creatori, e alza un braccio.
Io mi accorgo che sto trattenendo il respiro.
E penso che lei non respira.
Gli interpreti e gli autori di Metropolis sono morti da anni.
Anche il costume di scena del robot, di legno dipinto, è andato perso per sempre, distrutto durante i bombardamenti alleati della Seconda guerra mondiale.
Ma Metropolis e il suo spirito sono sopravvissuti, e lo saranno per sempre.
Se non l'avete ancora visto, recuperatelo.
È un'emozione che riempie gli occhi e il cuore.
E, ah, anche la versione ricolorata e musicata da Moroder nel 1984 va bene. Non è affatto male.
E se vi stavate chiedendo da dove George Lucas ha tratto ispirazione per creare il suo C3-PO... ora lo sapete.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

piu' che ispirazione, credo sia un tributo :D

cmq questo e' il classico esempio di film impossibili da trovare per via ufficiale/tradizionale...
tornando al discorso che p2p, in riferimento ad opere come queste, senza piu' praticamente nessun interesse commerciale, e' criminale limitarne la condivisione e non il contrario...

larsen

CyberLuke ha detto...

In realtà, Metropolis si trova abbastanza facilmente in dvd, anche a poco prezzo.
Il problema è che non ne esistono due versioni uguali... i montaggi sono sempre diversi, per non parlare del commento sonoro, e spesso sono riversamenti di cattiva qualità.
Quello che però mi fa ben sperare in una nuova, definitiva edizione, è il ritrovamento, lo scorso luglio, di 30 minuti di girato che si credevano andati perduti per sempre (http://www.corriere.it/cinema/08_luglio_02/metropolis_trovate_scene_mancanti_argentina_44afe242-4856-11dd-b8f1-00144f02aabc.shtml) e che finalmente ci restituiranno una versione più completa di questo capolavoro. ;)

Anonimo ha detto...

mha guarda, qui nel raggio di 20 km c'e' un solo blockbuster, e ovviamente, non tiene titoli di quel tipo...
cmq concorderai con me che sono cose che ormai devono far parte della memoria collettiva e del patrimonio condiviso no?...

larsen

CyberLuke ha detto...

Lascia stare Blockbuster... Fortunatamente, on-line si trova di tutto e prezzi migliori di quella catena. ;)
Ad ogni modo, sì, Metropolis è il primo (e finora unico) film dichiarato dall’UNESCO “Patrimonio dell’umanità”.
Che dovrebbe essere reso disponibile per un download gratuito sarei anche d'accordo.
Ma che dicevamo tempo fa?
"Money, money"...

Planetary ha detto...

Quel (anzi quella) robot mi ha sempre inquietato e affascinato allo stesso tempo, fin da quando ne vedevo le immagini da bambino e non sapevo da dove provenisse.
E, ancora oggi, ha un mechadesign attualissimo (non so se per il fatto che fosse decenni avanti o perchè da lì in poi ci si sono ispirati tutti)

Roberta la Dolce ha detto...

Anch'io amo quel film... ne ho solo una versione su videocassetta, che in effetti non guardo da tempo.
Forse è arrivata l'ora di rivederlo, magari in questa buia giornata di pioggia.
Spero di provare anch'io i tuoi brividi. ;-)

Simone ha detto...

Io ho sempre visto solo spezzoni, perché non l'ho mai trovato "intero".

Comunque tra un po' faranno di sicuro il remake, col robot e lo scenziato che combattono facendo le mosse di Matrix e poi arriva qualche pupazzo fatto al computer che fa ridere.

Simone

Anonimo ha detto...

messaggio di servizio:
luca :D se mi mandi pm e poi hai la casella inbox piena (su psdr) mi spieghi come pretendi possa risponderti? :D

larsen

Dandia ha detto...

Qui è possibile il download gratuito di una delle tante versioni in circolazione:
http://www.arcoiris.tv/
La diffusione di opere di pubblico dominio dovrebbe essere non solo un diritto, ma anche un obbligo.
Comunque adesso non è più l'unico film inserito nella lista dell'Unesco. C'è sicuramente anche il Mago di Oz.

Angel-A ha detto...

Non l'ho mai visto... è grave??

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...