martedì 12 maggio 2009

Segnali d'allarme.

In Italia sta (da un bel po') succedendo qualcosa, qualcosa di molto brutto.
Molti non se ne stanno accorgendo.
Molti se ne accorgono, ma fanno finta di niente.
Moltissimi altri gridano al complotto.
Molti altri banalizzano.
E a pochi, invece, la cosa sta più che bene.
Indovinate chi è fra tutti questi che ha la mano sui pulsanti.

Poi, vi può anche stare sulle balle la Borromeo, ma quello che è accaduto sabato scorso all'Era Glaciale dalla Bignardi per quanto mi riguarda è solo un altro segnale che l'Italia sta diventando un posto in cui i «dissidenti» hanno e avranno vita sempre più difficile.
Poi, fate voi.
Un'ultima cosa. Scopro che siamo il paese occidentale più in basso nella classifica di Freedom House dei Paesi con stampa libera, retrocedendo nell'ultimo anno nella lista dei Paesi dove la libertà di stampa è «parziale»... in controtendenza col resto dell'Europa e, viceversa, in compagnia di Israele, Taiwan e Hong Kong (gli unici altri Paesi ad essere scivolati in basso nella classifica).
E datemi pure del banale e del qualunquista, ma credo di sapere chi devo ringraziare per questo... e sapere che le mie conclusioni sono simili a quelle tratte da Freedom House non mi rende più allegro.
Nemmeno un po'.

21 commenti:

Simone ha detto...

Per me il problema principale è che i giornalisti non dicono la verità ma solo notizie rigirate per compiacere l'uno o l'altro schieramento.

Per me non è questione di libertà di informazione, ma al contrario viene violata la libertà dei cittadini a essere informati in maniera onesta.

Poi questa storia dell'era glaciale non la conosco, è un programma che non guardo.

Simone

Roberta la Dolce ha detto...

Il caso Borromeo, anche se lo stanno minimizzando (com'è ovvio) è inquietante e per niente banale.
E lo è ancora di più la storia di Freedom House che è stata snobbata da TG e giornali, in questo modo autoconfermandola.
È chiaro che sta succedendo qualcosa di poco bello, quello che temo è che quando ce ne accorgeremo sul serio sarà tardi per tornare indietro. :-(

Simone ha detto...

Purtroppo è vero, l'Italia ha una copertura mediatica allineata da molto tempo al Potere, ma succede in molti Paesi.

IMHO il problema serio è che, comunque, il popolo italico non ha più i mezzi culturali per distinguere l'Informazione dalla lavorazione/manipolazione della stessa.
Tutto è una melassa di politici ignoranti e paraculi, di veline con calciatori e microscandali che nascondo i macroorrori.
Un monoblocco che serve a obnubilare lo spettatore ed resettare la memoria.

Non so se questo impoverimento culturale sia stato premeditato oppure sia il risultato dato dal ritiro dall'attualità degli intellettuali e dall'avanzare contemporaneo e devastante negli anni ottanta di un modello di lifestyle basato unicamente sulla ricchezza economica, ma per me il cittadino italico medio è pigramente incapace di approfondire ogni stimolo e si abbandona alla voce dall'alto come un fedele alla messa.

Se poi si aggiunge che l'italiano non legge quasi nessun quotidiano (no, la Gazzetta non conta) affidandosi per la sua conoscenza dei fatti quasi unicamente alla tv, e se si considera che la gente non crede all'informazione televisiva, si ottiene che ormai la maggioranza del Paese ha deciso di non volersi informare su quello che accade.

Che dal punto di vista prettamente pratico, è stupido oltre che immorale.

CyberLuke ha detto...

È in condizioni come queste che si trova terreno fertile per la nascita delle dittature.
E non lo dico io, ma la storia.

Simone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Simone ha detto...

Io non credo proprio che ci sia il pericolo di un regime.

A parte questo, non capisco perché la gente s'incazza se la trasmissione è stata tagliata, ma non s'incazza se per l'ennesima volta c'erano persone di un partito intervistate dall'amico che parlavano male del nemico.

Cioè quello andava bene perché ormai è la norma, e se l'amico del nemico taglia qualcosa allora c'è il regime.

Sinceramente, a volte mi sembra che davvero si sragioni vedendo sempre e solo 1000 buoni contro l'unico cattivo. Qui è solo un branco di stronzi che si sta scannando per prendersi i nostri soldi e non dovremmo parteggiare per nessuno.

Simone

CyberLuke ha detto...

Io non parteggio.
Vedo solo che ci stanno togliendo lentamente qualcosa, abbastanza lentamente ma sempre più spesso che ci stiamo convincendo tutti che è normale e giusto così.

Matteo ha detto...

Sono d'accordo al 200% con Simone. È da tempo che il gioco delle parti della politica mi ha stufato e ormai è un segreto di Pulcinella. Portano avanti le querelle per garantirsi la sopravvivenza, a caro prezzo per noi.
Poi ha anche ragione Luca, questi (crisi economica, perdita dei valori) sono i periodi che favoriscono la nascita delle dittature. Ma la democrazia è il governo della gente. Se la gente se ne frega... le conseguenze sono ovvie.

Alex McNab ha detto...

Il fatto è che la maggior parte degli italiani sembra contenta di quello che sta succedendo.
In rete trovi pochissima gente che parla bene di Berlusconi, ma poi alle urne fa sempre la solita strage.
Purtroppo - senza offendere nessuno - il cav. conta su elettorato di anziani e adulti mediamente ignoranti, e quindi più facilmente influenzabili.
Chi è un po' più giovane e può accedere a canali non censurabili (internet, anche se ci hanno provato a censurarlo), non può che farsi almeno qualche domanda.
L'unica mia consolazione è che il cav. è vecchio.
Non durerà mica per sempre... e dopo di lui non vedo nessuno "degno" (mettici tutte le virgolette che vuoi) di raccogliere lo scettro littorio.

Licia ha detto...

Peccato che conosco una marea di giovani che ha votato lui o qualcuno che gli porta i voti. Anche amici di religione ebraica hanno votato a destra. E se questo non è assurdo, ditemi cosa lo sarebbe...

Dama Arwen ha detto...

Ame sti discorsi mi fanno solo girare i coglioni.
Sono diventata il peggio del disprezzabile di ciò che descrivono Simone e Datzebao.
ME NE STRAFOTTO DELLA POLITICA E DELL'IMFORMAZIONE del nostro paese.
Bollatemi pure per stupida per questo. E che per colpa mia e di quelli come me l'Italia va a rotoli.

Ah, sono di destra.
Estrema.

Sprecate pure stereotipi ache qui, oramai ci sono abituata.

Anonimo ha detto...

maremma, ma e' insopportabile questa qui...
annozero: una trasmissione schifosamente faziosa, pagata pure con i miei soldi...
e pure sta qui lo stipendio l'ha preso grazie a noi.

l'informazione in italia e' manipolata di sicuro, da quando questo paese e' stato fatto diventare una repubblica (e no, non sono monarchico, ma visto che si fanno tante dietrologie, ricordo a tutti che le votazioni che ci hanno fatto diventare una repubblica fanno parte delle pagine oscure di questo paese).

santoro, floris, questa qui, tutta gente che prende stipendi pagati da tutti gli italiani, per fare una presunta informazione che di fatto altro non e' che un manifesto di una certa parte politica.
cosi' come fa fede, ma almeno lo fa su una tv commerciale, non pagata dai cittadini.

chissa' perche' oggi, "informazione libera" deve essere per forza informazione di una certa parte politica?

a me sta gente sta cominciando a farmi girare prepotentemente le palle!
questi puntualizzano tanto, ma quando c'era il mortadellone pero' dove cavolo erano??? sempre a fare campagna elettorale...

e cmq in 10 minuti di intervista e' riuscita a non dire nulla, ma veramente nulla se non: "mi hanno censurata, cosi' non si fa, mi hanno censurata"...

bha... disgustato, Larsen

Alex McNab ha detto...

@Arwen: se sei di destra estrema, dovresti vedere il cav. come fumo negli occhi.
Un vero elettore di destra radicale non potremme mai votare un essere-entità come Silvione, che è la negazione di tutto ciò che c'è di sociale nella destra, quella vera.
Il PDL è un conglomerato monarchico (nel senso che lui è il Re) di gente comprata dalle più disparate esperienze politiche, dai comunisti ai pannelliani.
In altre parole, uno schifo.

Luca ha detto...

Freedom house (Casa della libertà...) ci aveva declassato da anni ed anni, ormai.

Simone: a quale opinione pubblica dovrebbero più dirla i giornalisti, ormai, "la verità"?

ALex Mc Nabb: completamente d'accordo su destra, estrema o meno, e berlusconi. ma anche tra destra moderata e berlusconi. anche tra liberalismo e berlusconi, tra capitalismo e berlusconi, eccetera. in una sana economia liberale e capitalista a berlusconi non gli avrebbero fatto mettere il naso fuori di casa.

arwen: tu te ne puoi anche fregare di "politica" e informazione, peccato loro non se ne freghino di te. ma ad occhio sei giovane e avrai tempo per pentirtene.

conclude la Borromeo: o ci svegliamo o siamo fottuti. purtroppo ci dovevamo svegliare anni fa. ormai siamo già fottuti da tempo.

Andrea_ZonaGrey_Hack ha detto...

...dai Luca!!! Adesso la Borromeo è una dissidente? Non credi di "banalizzare" questa parola ( che ha visto milioni di vittime nel mondo, morte nei campi di concentramento fascisti/comunisti, in Argentina, nelle carceri di anonimi regimi africani...) identificando come dissidente la Borromeo?

E credi davvero - insieme atutti i tuoi amici - che il nostro sia un paese senza informazione liberà? O, più semplicemente, non siamo in grado di gestire le nuove forme di libertà che il nuovo millennio ci offre!

Internet, la stampa digitale ( con 100 euri ti stampi un pamphlet....ma devi aver voglia di scrivere!)...la tv digitale ( sulla quale puoi vedere sia CCN che i TG della Somalia!)...e potri continuare per ore...

amico Luca...forse, ma dico forse, non abbiamo più voglia di impegnarci e "scaricare" responsabilità sul sistema è la nostra natura: "Piove Governo Ladro"...un'affermazione che non esiste in nessun'altra cultura!

Responsability means Freedom! E non è certo la Borromeo ( nè Vauro) la palidina della mia libertà...anzi! Lei è l'esempio del disimpegno della nostra società: Lei è la paladina della nostra inerzia!

Andrea_ZonaGray_Hack

CyberLuke ha detto...

Non lo credo solo io... ma un'organizzazione autonoma che da sempre promuove la democrazia nel mondo.
Poi, se vogliamo, possiamo bollare anche questa come "propaganda": dipende, una volta di più, da dove si guarda la faccenda e da cosa si vuole dimostrare.
Molta gente si è fermata al fatto che la denuncia è venuta da una come la Borromeo, che non piace neanche a me.
Il punto è che non ha molta importanza chi sollevi una certa questione... quanto se la questione è effettivamente degna di essere dibattuta, e direi proprio che in questo caso lo è.

Matteo ha detto...

Ma dov'è la novità? In Italia da sempre hanno voce solo i politici, si chiamino Berlusconi o Togliatti. Loro parlano, convincono, creano ad hoc ideologie basate sul nulla e prendono voti. E si arricchiscono. Mastella guadagna 470mila euro nostri all'anno. I loro amici sono nelle tv.
Devo però correggere Larsen. Fede lo paghiamo anche noi, e molto salato, visto che le multe della comunità europea per tenerlo sul terrestre ricadono sulle nostre spalle.
Ma come si fa ancora a scegliere un meglio? Ma se avessimo eletto Veltroni ci sarebbe più libertà? E che significa libertà di informazione? È una domanda seria, non provocatoria. Declinatemi una risposta... vedrete che non è semplice.

Anonimo ha detto...

matteo, se fosse stato eletto veltrusconi, semplicemente, certe notizie non arriverebbero...

sai come si dice no? un'albero che cade in mezzo alla foresta, lontano da chiunque possa sentirlo, non e' mai caduto...

Larsen

Matteo ha detto...

@ Larsen, non so se non arriverebbero. Forse farebbero meno scalpore, perché - diciamocela tutta - è evidente che Berlusconi è un gigantesco paradosso della democrazia. Il problema è che il cancro non è lui, ma il Sistema-Italia che lo ha generato e che va avanti con il contributo di noi tutti da sempre.
In ogni caso, io ho capito che schierarsi a favore di una parte politica fa solo il gioco di tutta la politica, che sinceramente non mi va più di fare. Pago le tasse, non trascendo socialmente, lavoro per finanziargli le vacanze a Forte de' Marmi... ma anche portargli l'acqua con le orecchie no...

Dama Arwen ha detto...

@ Alex McNab: non mi pare di avere detto di aver votato per Silvio o di averlo difeso.
Ho solo espersso la mia parte politica che, cmq, è agli antipodi rispetto a molti che scrivono qui.

Non mettetemi in bocca parole che nn ho detto, grazie.

valexina ha detto...

Non intervengo quasi mai a queste diatribe, alquanto inutili, imho, e ben lontane dal nocciolo della questione...

ma mi vergogno, e quando penso di non poter esserlo più di così - vergognata - arriva la smentita.


Me ne esco con una massima:
La strafottenza altro non è che la corazza atta a mascherare la non-curanza, l'ignoranza.

Dolci sogni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...