mercoledì 22 luglio 2009

Questo, mi ci vuole.


Un bel film di fantascienza vecchia maniera, senza bullet-time e senza Will Smith a ciondolare in giro.
Diretto dal nordafricano Neill Blomkamp è prodotto dallo stesso Peter Jackson del Signore degli Anelli e King Kong.
Prroprio Jackson ha di recente rivelato a Rolling Stone qualche dettaglio interessante sul film:
Gli alieni sono arrivati circa 20 anni a bordo di un’astronave grande come dieci campi da calcio, rimasta attraccata sopra la città di Johannesburg. In un primo momento i nuovi arrivati si sono accampati in una sorta di baraccopoli, vivendo come potevano e  frugando tra i rifiuti. Poi le autorità, viste le numerose lamentele da parte della popolazione, hanno deciso di intervenire ed hanno confinato gli alieni in un campo di concentramento a circa 200 chilometri dalla città.
Insomma, gli alieni sono sulla terra da più di trent'anni, ma non sono né i benvenuti, né integrati, né accettati dalla popolazione. Con lo status di rifugiati sono stati rinchiusi nel Distretto 9.
Quello che è interessante da vedere è come la società aliena si sia adattata a quella terrestre. Con uno stile da documentario osserviamo la cultura aliena, le gang che si sono formate al suo interno, ma "non saranno gli effetti speciali l’elemento centrale del film", promette Jackson.
Ringrazio Sauro che mi ha segnalato il bellissimo trailer.
E ora mi tocca pazientare fino ad ottobre.

20 commenti:

Christian ha detto...

Trailer fantastico, peccato che da noi esca con così tanto ritardo rispetto gli USA...

Maura ha detto...

Sembra buono! E mi piace anche l'idea del taglio documentaristico...
L'unica cosa che mi viene in mente, vedendo queste prime immagini è: ma esiste ancora il concetto di “fotografia” nel cinema? Sembra che da Black Hawk Down in poi tutti i film d’azione siano stati illuminati allo stesso modo… Una volta potevi distinguere il regista di un film dal taglio delle inquadrature, spesso si poteva perfino intuire il direttore della fotografia (artisti come Jordan Cronenweth o Jost Vacano dipingevano letteralmente un film con il loro genio)… Oggi chi distingue la steadycam traballante di Peter Jackson dalla steadycam traballante di Ridley Scott dalla steadycam traballante di (urgh) Micheal Bay? Come mai ci sono sempre gli stessi colori slavati? Ho paura che gran parte del problema sia dovuto al passaggio alla ripresa in digitale.

Frank ha detto...

@Maura: dire che sono tutti uguali è un’assurdità, perchè non lo sono. Gli stili sono molto diversi anche quando usano la stessa tecnica. E comunque per la cronaca Michael Bay filma tutto in 35mm e 70mm e poi convertono da pellicola in Digital2K o Digital4K.

Lotus ha detto...

ehm.. Maura
la steadycam non traballa.. è fatta apposta per non traballare. Quello a cui ti riferisci è la camera a mano.

Maura ha detto...

@Lotus Per “traballante” intendo semplicemente “mossa a casaccio per creare un effetto drammatico”, penso che usino abbondantemente la steadycam, che è più fluida, tanto quanto la camera a mano (ma non conosco le abitudini dei singoli registi: scopro ora grazie a Frank che Michael Bay usa ancora la pellicola, ma in maniera tale da nasconderlo egregiamente).
@Frank Sono aperta a qualsiasi obiezione, ma è facile dire che gli stili sono diversi, più difficile è argomentare. Se puoi dirmi esattamente in cosa si differenziano, chessò, lo stile di Michael Bay in “Transformers”, lo Spielberg de “La Guerra dei Mondi” e McG in “Terminator Salvation” e la relativa fotografia di quei film cominciamo a ragionare. A me sembra che ci sia un appiattimento generale, anche dovuto all’abuso di una CGI che non è mai realmente migliorata da Jurassic Park: è incredibile quanto siano finti i recenti film d’azione. Guardate l’alieno in CGI di District 9 e ditemi se vedete un cartone animato o una presenza fisica… è una cosa inguardabile.

Gloutchov ha detto...

Notevole... avevo sentito parlare della pellicola ma non avevo visto ancora alcun trailer.

Bello Bello

CyberLuke ha detto...

L'uso della CGI nella fantascienza è quasi d'obbligo, anche se esistono esempi quali Gattaca o Equilibrium che dimostrano come si possa fare dell'eccellente fantascienza senza usare praticamente nessun effetto speciale.
E, in effetti, già Jurassic Park aveva un grado di realismo sconvolgente, e stiamo parlando di una pellicola con quindici anni sul groppone.
Come a dire: migliorare ancora in quella direzione non è la strada giusta, a mio avviso, per produrre della buona fantascienza cinematografica, troppo spesso bollata come "ammucchio di effetti speciali e computergrafica", proprio perché ci si concetra troppo poco sui soggetti e le sceneggiature e troppo sugli aspetti visivi.
È il motivo per cui ho cassato film come Terminator Salvation e del tutto snobbato luna-park movie quali Transformers.
Spero molto in questo District 9.

Sauro ha detto...

Ero sicuro ti sarebbe piaciuto. Purtroppo IMDB lo da in uscita per Dicembre e non per Ottobre ... una lunga attesa ...

Simone ha detto...

Questo e sherlock holmes sono i miei must per l'inverno.

Richard The Rough ha detto...

Maura:
vuoi vederti un pò di cinema con della fotografia "autorale"?

Guardati:
SPUN di JONAS AKERLUND(che fa video musicali per Madonna e soci, ma con questo primo lungometraggio se ne fregò di tutto ed uscì con un film underground allucinante).

O sennò guardati film sempre di fantascienza ma con un'azione decisamente diversa (niente suite biomeccaniche e combattimenti ma campi lunghi e tempi più dilatati) come SUNSHINE di DANNY BOYLE.

E se vuoi parlare d'illuminazione non canonica prendi in considerazione :
- SKY CAPTAIN AND THE WORLD OF TOMORROW (boiata colossale di film ma esteticamente superbo),
- 300 (Chroma key 4 life),
- A SCANNER DARKLY (Rotoscope I love you),
- IMMORTAL AD VITAM(follia del Supremo Enki Bilal mescolando grafica cgi e realtà insieme n maniera surrelae)
- SIN CITY (che come esperimento di conversione fumetto-film non mi pare totalmente da buttare, a differenza del massacro cinematografico che hanno fatto con 30 GIORNI DI NOTTE, fumetto che ritenevo e ritengo non convertibile a film dato lo ste di Templesmith...)

E poi basta che sennò mi trasformo nello Sgarbi Cinematografico del web...

CyberLuke ha detto...

Jonas Akerlund non per nulla è stato preso da qualche anno sotto l'ala dei fratelli Scott.
Sunshine è piaciuto molto anche a me, fino alla "trovata" del superstite-killer nell'altra navetta...
Sky Captain e Immortal Ad Vitam erano visivamente notevoli, ma, come hai detto, puro zero sul versante storia.
300 non l'ho visto, né mai lo vedrò. Manco il fumetto mi era piaciuto.
A Scanner Darkly sto ancora cercando di capire che effetto mi ha fatto... interessante, ma non ha fatto presa sul sottoscritto.

Richard The Rough ha detto...

30 giorni di notte non guardarlo.
E' un consiglio.
Uno, perchè è brutto.
Due, perchè è un omicidio al mondo del fumetto underground.
Ma questo puoi farlo, cioè dare un'occhiata al fumetto originale.
Che magari ti fa schifo, però chissà...

(questo è il link del disegnatore)

http://www.templesmith.com/faze3/

(questo è il link della versione italiana del fumetto)

http://www.magicpress.it/php/mostra-33.html

CyberLuke ha detto...

@Richard: non c'è pericolo.
Il genere horror mi annoia a morte.

Richard The Rough ha detto...

Perchè gli horror solitamente sono film pacchettone senza trame decenti e fatti con meno soldi dei fratelloni film di fantascienza.

Se un horror ha una bella trama viene chiamato thriller.

Ecco perchè gli horror solitamente sono film di serie Z.

Comunque il sito di Templesmith un'occhiata anche solo come illustratore se la merita, è bravo.

Almeno secondo il sottoscritto.

Alex McNab ha detto...

Ovviamente attira molto anche me. Non vedo l'ora che esca in Italia.
Purtroppo la fantascienza è in coma profondo e quasi irreversibile.
Anzi, sul versante romanzi è proprio morta.
Al cinema sopravvive se veste i panni dell'action-movie (vedi il remake di Ultimatum alla terra).
Meno male che ogni tanto salta fuori qualche gioiellino.
Io aspetto ancora "Iron sky", ma ho capito che qui in Italia i nazisti alieni con la base sulla luna non arriveranno maio :(

Fra ha detto...

Gli alieni ghettizzati?! Da perfetta ignorante del genere, mi sembra una cosa inusuale e molto interessante. Mi ispira...

Roberta la Dolce ha detto...

Non è il mio genere, ma l'idea mi sembra buona.
Credo sia una metafora neanche troppo velata di tante nostre realtà di ghettizzazione... grazie della segnalazione! :-)

Sauro ha detto...

Il bello dei film di fantascienza è proprio questo. Il mettere lo spettatore su un piano di realtà che lo separa dai preconcetti, dalla propria struttura sociale, e gli fa guardare a problemi quotidiani, da un punto di vista diverso.

Probabilmente chi ha scritto la storia ha pensato a cosa succederebbe oggi, se gli alieni arrivassero sulla terra, inaspettati e non voluti, esattamente come succede a tante realtà di oggi.

Sarà curioso vedere cosa han tirato fuori.

Angel-A ha detto...

uahahahahah "senza Will Smith che ciondola in giro".... sei troppo un grande ^___^

mAs ha detto...

molto interessante! Grazie per la segnalazione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...