giovedì 2 luglio 2009

You’ll never break me, ’cause I’m unbreakable!

Probabilmente è solo la consueta e prevedibile speculazione mediatica che Valex ha così ben fotografato nel suo post... e di cui forse io stesso mi sto rendendo se non complice, partecipe, ma è da quando ho visto le fotografie scattate a Michael Jackson appena due giorni prima della sua morte nel corso delle prove del primo dei suoi concerti londinesi che mi sto chiedendo... ma come diavolo è possibile?
Nelle foto vedo un Jackson dinamico e determinato che canta e si muove come ai vecchi tempi: sottopeso, certamente, ma lontanissimo dalla descrizione fornita dai patologi incaricati dell'autopsia che ce lo riconsegnano come una creatura pelle e ossa, martoriata dalle iniezioni di antidolorifici e senza capelli, una triste caricatura di essere umano allo stremo delle forze senza altro nello stomaco che i resti delle pillole non digerite.

Non riesco a credere, ecco il punto, che possa essere la stessa persona che 48 ore prima ballava e cantava sul palco da impressionare ballerini, fotografi e altri testimoni, tutti concordi nell'affermare che “erano anni che Michael non era così in forma e pieno d'energia”.

Ovviamente, tutto questo non significa nulla: le fotografie possono rappresentare una realtà come l'esatto contrario e dubito anche che le indagini avviate dalla polizia di Los Angeles nei confronti del medico personale di Jackson, Conrad Murray, getteranno mai luce sulle reali circostanze della sua scomparsa... ma ora che leggo che persino la cerimonia funebre che avrebbe dovuto tenersi a Neverland è stata cancellata, il mio animo cospirazionista torna a suggerirmi che Jacko se n'è andato, ma non nella maniera che vogliono dirci.

L'eventualità che Michael Jackson ci abbia beffati tutti è davvero troppo seducente per non gingillarcisi un po'.



Update. È stato appena reso disponibile questo video, girato durante le prove del concerto... sempre due giorni prima della morte di Jacko.
Piuttosto arzillo per essere un moribondo, direi.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Anche a me le immagini dell’ultima performance di Jacko poche ore prima del decesso hanno dato da pensare: nonostante tutto, lo ritraggono in buono stato fisico.

Quanto alle teorie complottiste, non saprei.
Ne sto sentendo parecchie.
La più fantasiosa sostiene che l’avrebbe ucciso Ahmadinejad per distogliere l’attenzione dall’Iran, ma non manca quella della morte simulata... un classico davanti ai miti che si spengono ma che si vorrebbero tenere in vita per sempre.

Come vorrei anch'io, del resto.

Maura ha detto...

Beh, da pensare ce n'è: aveva 500 milioni di debiti. Si era obbligato a fare 50 concerti di seguito a Londra, e non stiamo parlando di concerti di Ben Harper, che suona da seduto: per fare 50 concerti di quel tipo devi essere super allenato come Madonna, mentre leggiamo su tutti i giornali che MJ a malapena si reggeva in piedi.
Ma un milione di biglietti erano già stati venduti, ormai: roba da scappare, appunto.
Inoltre, è morto senza troppi testimoni intorno e consceva tutti i più grandi maghi degli effetti speciali.
E come se non bastasse, vediamo foto in cui il padre è felice, e la madre va a fare shopping, oltre che quelle che hai postati tu dove tutto sembra tranne che moribondo, devo ammettere.
Bisogna solo scegliere in quale isola collocarlo, poi scattare qualche foto opaca, raccogliere un paio di testimonianze e aggiungere il suo nome alla lista, capeggiata da Paul McCartney, l'unico vivo presunto morto.

Matteo ha detto...

Sono tutte osservazioni interessanti che accompagnano sempre e invariabilmente la morte (o presunta tale) dei personaggi più controversi e unici. Fa parte dell'essere "showman" a 360° vedere "spettacolo" anche nel proprio trapasso. Sia come sia, un'altra volta i Simpsons avevano visto con una lungimiranza ficcante le implicazioni della possibile scomparsa di MJ.

Angel-A ha detto...

Dice bene Matteo... dietro ad ogni star ci sarà sempre un alone di mistero figuriamoci su una figura come MJ....è probabile che le vere cause della morte non le sapremo mai...gli americani trasformano anche la realtà in un film, soprattutto se si parla della vita di un uomo che facilmente si può accusare, visto anche l'uso risaputo di antidolorifici! Ammetto che la notizia dell'improvviso arresto cardiaco mi ha lasciata fin da subito perplessa....strano fatto....era arrivato,dopo tanto, il tempo di riscattare quella meravigliosa carriera di cui tanti si sono approfittati...e muore....mah...

Roberta la Dolce ha detto...

Quel morphing che hai postato alla fine man mano che procede fa venire i brividi... per un attimo ho avuto paura che finisse con un teschio... brrr...

LaSintesi ha detto...

O__o Quel filmato è impressionante... come fa pensare il fatto che in tutte le fotografie, eccettuate forse quelle dov'era molto giovane, Jackson ha un'espressione perennemente malinconica e infelice.

Non so nulla della sua vita privata e poco della sua carriera artistica (però ricordo di essere cresciuta con Thriller e Bad nell'autoradio di mia sorella), ma la sua scomparsa ha scosso anche me.

Sto scoprendo su di lui più cose in questi giorni che non prima della sua morte, e credo sia stato un uomo che ha dedicato tutto se stesso all'arte e ai suoi fans, fino ad esserne consumato come da una specie di fuoco sacro.

A questo punto, morto o non morto che sia, a torto o ragione, direi che siede accanto altri miti moderni come Jimi Hendrix, Freddy Mercury o John Lennon.
I detrattori se ne faranno una ragione, e ai suoi fans non basterà per consolarli.

valexina ha detto...

@Maura: come vorrei fosse vero. Ne sono stata convinta finché non ho raccolto un po' della mia freddura...

Michael non 'si era' obbligato a tenere 50 concerti. Lui stesso non sapeva come avrebbe fatto.
Non è difficile immaginare che sia stato spinto dai creditori e manager...
Nelle sue ultime foto, seppur stava in piedi, io non lo trovo affatto tranquillo. Si vede lontano un miglio quanto fosse pompato di medicine per sostenere gli sforzi.

Il pensiero che più mi ha portato coi piedi per terra, è che Michael, oramai... valeva più da morto che da vivo.
E considerando che lui non avrebbe mai abbandonato i figli...
considerando che non avrebbe potuto contare neppure sulla complicità dei familiari (famosi per il loro, sempre vile, tentativo di sfruttare il nome del Jackso per emergere...),
ho iniziato a credere all'omicidio.


Infine: le foto del padre, che 'Repubblica', e solo 'Repubblica', ha sfacciatamente girato al pubblico... altro non sono che foto datate 2006 (leggere bene l'indirizzo URL).
Ma dal tipo (che non mi ispira bei termini) ci si aspetta questo ed altro, per cui è facile pigliarle per buone.
Si chiama manipolazione, lavaggio del cervello.

Le foto della madre, invece, mi sfuggono... ed è strano. Ho passato l'ultima settimana con 3 dirette streaming, seguendo le notizie come qualcuno che spera disperatamente in una smentita.
Ma il fango che gira in Italia non ha eguali.

Nick ha detto...

La morte di Jacko mi ha rattristato, nonostante non avessi mai comprato i suoi dischi e manco lo ballavo alle feste.
Anzi, mi stava un pò sulle palle con la sua aria da eterno ragazzino mai cresciuto e pure un pò tocco tanto da sdraiarsi ben ben 13 volte sul tavolo operatorio.
Ma adesso che non c'è più mi sento giù come se fosse morto Topolino.
Forse era l'ultimo degli innocenti, e c'è sfuggito via così.
RIP:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...