venerdì 7 agosto 2009

Dance, Vader dance!

Quando uno entra nell'immaginario collettivo, deve prepararsi ad ogni genere di possibile parodia e sfottò.
Come forse ho già avuto modo di dire, Darth Vader, che pur occupa il primo posto nella classifica dei più cattivi di sempre del cinema (QUI trovate le altre posizioni) mi è sempre sembrato più un grosso sfigato che si è fatto raggirare da un vecchio furbastro che non un Re del Male.
Tuttavia, vederlo ridotto in questo modo un po' mi stringe il cuore.

7 commenti:

Licia ha detto...

Sacrilegio.

Roby ha detto...

La cattiveria è virile e gli uomini, In&Out docet, non ballano. Mai. Quale dissacrazione. Luke... Lui NON è tuo padre...

Christian ha detto...

Diciamocelo... dentro ognuno di noi c'è inesorabilmente una parte che ci attira verso ciò che è oscuro e malvagio!! (muahahahah)

Prendiamo come esempio i vari sasuke, pein, light, mello, eneru, lucci, grifis e ci metterei anke lo stesso frieza in dragon ball... sarà una mia impressione ma li trovo meglio caratterizzati dei protagonisti...
ahahah ognuno con delle manie di grandezza incredibili!!
E il povero protagonista è costretto a batterli ogni volta..
Ma per quale motivo risultano + accattivanti e affascinanti?? XD

Maura ha detto...

Il fascino del cattivo sta nella sua psicologia, spesso distorta, nel suo aspetto che nasconde una cattiveria che rende deforme il suo animo... I suoi atteggiamenti sempre ben caratterizzati... ma è la mente quella che più attrae, i suoi moventi, i suoi obiettivi, che a noi potrebbero sembrare terribilmente sbagliati, ma nel "cattivo" diventano, tramite un contorto processo psicologico, permeati di una strana giustizia.
Anche il voler andare contro le regole di una società, il "coraggio" di non essere buono puo affascinare perchè ci sembra lontano, diverso...o semplicemente perchè "incarna" un lato di noi che riteniamo bene nascondere.
il cattivo, inoltre, ha spesso un passato tragico, una storia,alle sue spalle, che lo rende ancora più unico.
E cmq, il primo posto di Vader in quella classifica mi sembra immeritato... davanti Hannibal Lecter e Lord Voldemort? Via, non scherziamo...

Angel-A ha detto...

E' vero li troviamo più affascinanti, proprio come dici tu...ma penso che sia così perché non conosciamo quello che stanno per fare o non conosciamo i suoi pensieri.

Il personaggio buono invece è troppo banale, cioè quello che noi ci aspettiamo che lui faccia poi lo fa veramente invece il cattivo pensa una cosa e 1000 ne fa ^__^

Ma ci sono delle eccezioni come il famoso cap. Jack Sparrow in una sua battuta: “Io sono disonesto. E un disonesto puoi sempre confidare che sia disonesto. Onestamente, è dagli onesti che devi guardarti. Perché non puoi mai prevedere quando faranno qualcosa di incredibilmente… stupido.”
XD

Roberta la Dolce ha detto...

Dart Vader che balla con gli stormtrooper non l'avevo ancora visto... :-D
Parlando di supercattivi, nel mio caso diciamo che sono affascinata dal più intrigante, acuto, originale, interessante....e in genere, almeno al cinema, queste qualità vengono date al cattivo di turno e non al buono, salvo rari casi.
I buoni in genere sono noiosi, estremamente e inutilmente buonisti, poco stimolanti.
E' anche vero che di uno cattivo e basta, ce ne facciamo poco, perché sarà cattivo pure con noi... Diciamo che prediligo il "bisbetico domato" ahahah! Quel personaggio che sembra sempre il peggiore, poi si rivela migliore di molti altri...pur restando particolare e scostante.
C'è una frase di Nietzsche, in "Così parlò Zarathustra", che riassume bene il tipo di personaggio (e anche di persona reale, nella vita) che mi piace e mi attira: "E' vero io sono una foresta e una notte di alberi scuri: ma chi non ha paura delle mie tenebre, troverà declivi di rose sotto i miei cipressi." Ecco, esattamente questo. ;-)

Micaela ha detto...

Ehi, in quella classifica non c'è Attila, il flagello di Dio di Abatantuono!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...