giovedì 10 settembre 2009

Molto fumo e poco arrosto.


Consueto report sull'evento Apple di ieri sera al centro Yerba Buena di San Francisco, che ha visto il ritorno sul palco di Steve Jobs, ritornato al lavoro a Cupertino a fine giugno dopo un intervento di trapianto di fegato al quale si era sottoposto in primavera.
Jobs è apparso piuttosto in forma, per il sollievo dei suoi fans e per il titolo borsistico di Apple.
L'evento ha visto – a mio giudizio – un gran spargimento di (coloratissimo) fumo a coprire poca sostanza, ma vediamolo in dettaglio.
Ecco le principali novità: rilascio del software 3.1 per iPhone e iPod Touch. Poca roba, Genius si farà ancora di più i fatti vostri andando a frugare nelle vostre canzoni e nelle vostre applicazioni per suggerirvi di acquistarne di nuovi che – secondo il suo algoritmo – potrebbero interessarvi. Altre migliorie sparse di poco conto (QUI l'elenco completo), ma niente che prolunghi l'assolutamente insufficiente durata della batteria.
L'update è gratuito per iPhone, ma hanno avuto il coraggio di venderlo a quattro euro per i possessori di iPod Touch.
Presentato iTunes 9. Apple sembra credere molto nella sua tecnologia Genius: le librerie inviate dagli utenti sono oltre 27 milioni, per un totale di 54 miliardi di brani. D’ora in poi, tuttavia, c’è Genius Mixes, una specie di dj intelligente, come una stazione radio personale.
Non ho mai attivato Genius, quindi non posso parlarne né bene né male, ma è una funzionalità che non mi attrae minimamente. 
Ci sono miglioramenti nella sincronizzazione (ora si possono sincronizzare solo certi autori o certe tipologie di brani), riorganizzazione visiva delle applicazioni iPhone (mah...), un affare che sfrutta la tecnologia Bonjour chiamato "Condivisione Domestica" attraverso il quale è possibile copiare canzoni e show tv con altri computer a casa, e altri ritocchi estetici nella sezione Store.
iTunes è un altro caso di software "maturo" al quale non sanno più cosa aggiungere: voglio proprio vedere cosa aggiungeranno nella versione 10. 
Resta tuttora inspiegabile l'impossibilità di attivare il Cover Flow nella libreria di un iPod.
Qualche novità sugli iPod Touch: ritocchi del prezzo del modello base (quello da 8GB) verso il basso, 279 euro per il modello da 32GB e l'introduzione di un nuovo taglio da 64GB, perfetto per tutti quelli che lo inzeppano all'inverosimile di film e musica. Assurdo che con tale disponibilità di spazio, il Touch non possa venire utilizzato come supporto di memoria di massa (in poche parole, non viene montato sulla scrivania del vostro computer come fosse un disco rigido o una pen drive) per copiarvi immagini, documenti di testo, pdf, suoni, o qualsiasi altra cosa.
I nuovi iPod Touch non sono stati dotati di fotocamera come molti si aspettavano, ma montano un processore più veloce e possono eseguire tranquillamente Open GL.
Il "vecchio" iPod classic, l'unico rimasto con il caro, vecchio hard disk, resta fortunatamente in listino. Nessun ritocco di prezzo, ma sono tornati i tagli da 160 GB. In due finiture metalliche, nera o argento, a 229 euro. Tutti sembrano già essersi dimenticati del cambio del processore sonoro del 5G con uno di qualità inferiore.

Il peggiore iPod mai messo in commercio, lo Shuffle di quarta generazione, è vivo e vegeto. E adesso è disponibile nei colori di Barbie. Una versione da 2GB a 55 euro e una da 4 a 75, più una "special edition" in acciaio lucido inossidabile a 95 euro, in assoluto l'iPod con il peggiore rapporto memoria/prezzo. Nessuna modifica al macchinoso controller sulle cuffie.

Probabilmente, la novità più succosa è il nuovo iPod Nano, che da oggi beneficia di una videocamera (attenzione, non fotocamera) da 6,2 mm e di un microfono integrato atto alla registrazione di video amatoriali. La videocamera include alcuni effetti video predefiniti, ed è stato aggiunto anche uno speaker per la fruizione immediata dei video appena girati: è più che evidente che il nuovo Nano è orientato verso i giovanissimi, che troveranno irresistibili le nuove funzionalità.
Apple ha aggiunto il podometro integrato con la possibilità di sincronizzazione con il servizio Nike Plus, uno schermo più grande (2,2 pollici) e – udite udite – un ricevitore radio FM... ci sono voluti anni e infinite generazioni di iPod, ma alla fine ce l'hanno fatta. Ora l'iPod include un chip da pochi centesimi che ci permetterà di ascoltare le nostre stazioni radio preferite senza l'utilizzo di accessori aggiuntivi.
Nove i colori disponibili e due i formati: 8GB a 139 euro e 16GB a 169 euro. Veramente un oggettino completo.

11 commenti:

Leo ha detto...

Report sintetico ma esaustivo, grazie.
Dopo questi "event" faraonici, è sempre difficile trovare un resoconto che non sia un copia e incolola delle agenzie di stampa e allora bisogna farsi strada tra i forum di appassionati e blogger non sempre obiettivi sul mondo Apple: tu la usi ma mi sembri un utente critico, continua così.

Gloutchov ha detto...

Beh... credo che questo big event sia stata una scusa per far vedere che Jobs sta bene. I rumors sul suo abbandono stavano cominciando a danneggiare il movimento delle azioni in borsa... c'era bisogno di rassicurazioni.

Comunque il nano-videocamera è sfizioso...

Mat@Mac ha detto...

@Gloutchov: al di là delle news tecniche, spiace vedere come anche la vita di Steve Jobs debba diventare materiale di marketing.
Purtroppo non c’è occasione più ghiotta per un azionista, e per i media che speculare sulla salute dell’uomo immagine di Apple.... l’han fatto in Italia con i fatti privati del Premier e lo fanno tutti i giorni nel resto del mondo, e dobbiamo prendercela solo con i media.
Personalmente, ammiro Jobs, lo so per esperienza familiare che un operazione al Pancreas ti devasta non solo fisicamente ma anche cerebralmente, e sebbene abbia potuto godere delle migliori cure avrebbe comunque potuto bellamente defilarsi dalla sua azienda, andandosene tranquillamente in pensione e nessuno avrebbe potuto dirgli nulla.
Invece in poco tempo (pochi pochi mesi) ha ripreso ad apparire sul palco, cosa che provoca stress e tensione che di certo gravano sulle sue ancora labili condizioni.
Detto questo Cyber complimenti bella sintesi, come dice Leo è difficile trovare obiettività nei blog o nei forum dedicati ad Apple, troppo spesso sulle manchevolezze si passa sopra senza fiatare dando invece troppo risalto alle "lucine colorate".

Two ha detto...

Quello che è certo è che ad Apple la sanno lunga, molto lunga.
Aggiungere una misera fotocamera all'iPod Touch avrebbe fatto alzare il prezzo di solo 20-30 dollari (una fotocamera da cellulare costa al produttore sì e no $10, poi coi numeri che fa l’iPod probabilmente anche meno), il punto è che se avessero messo anche la fotocamera per gli utenti non ci sarebbe stata ragione di comprare l’iphone che è un iPod Touch che telefona (ok con altre feauture stupide in piu) a diverse centinaia di dollari di differenza e non a poche decine...
è solo una questine di marketing.
Oggi aggiungiamo le openGL, l’anno prossimo la fotocamera,
un po come ha fatto Nintendo con la DSi.
Solo che sinceramente non vedo giochi al livello della DS o della PSP, ok che ormai il mercato è al 60% dei casual game, ma avere 100.000 giochini un po' stupidi e niente al livello di Zelda non so quanto avvantaggi il Touch.
Oltre al fatto che la pirateria sul Touch è limitata solo dal costo praticamente nullo dei giochi.
Se comparissero giochi da 30/40€ il discorso cambierebbe, e non so quanto le Software house sarebbero dell’idea di usare una piattaforma con un livello di sicurezza nullo come il Touch.

Matteo ha detto...

Interessante la funzione della radio sul Nano. La videocamera andrà bene per i bulli-chic delle medie.
Ora me lo comprerò così userò la funzione podometro. In effetti, ho sempre avuto il dubbio se la mattina dal letto alla scrivania faccio 6 oppure 7 passi. Grazie Apple che mi svelerai anche quest'arcano!

Alex McNab ha detto...

A volte migliorare la perfezione si rivela improduttivo, se non dannoso.
Io sono contento col mio Touch 16 gb, già saturo di porcherie e applicazioni inutili ma sfiziose. Semmai, come dici tu, avrebbero potuto rendere i Touch accessibili come memorie esterne.
Per il resto tutti i vari aggiornamenti mi sembrano un po' inutili.
Comunque, discorsi tecnici a parte, sono contento che Jobs stia bene, anche se è dimagrito da paura (non c'era però da aspettarsi altro).

Maura ha detto...

Non ho niente targato Apple, e sento gli mp3 su un ottimo Samsung, che la radio ce l'ha da un bel pezzo... questo iPod nano è molto carino però, ma se avesse fatto le foto piuttosto che i video cretini da mettere su YouTube col bullo che frega la merenda al più sfigato o le ragazzette emo che fanno il verso a Twlight probabilmente l'avrei comprato subito...
Il resto, hai ragione Cyber, mi sembra fuffa ben presentata.

OniceDesign ha detto...

D'accordissimo con l'opinione generale: un evento tutt'altro che rivoluzionario, niente di così straordinario (salvo le opzioni video e radioFM sull'iPod).
L'unica vera notizia, diciamoci la verità, è stato il ritorno di Steve Jobs (e il sospirone tirato dalle azioni Apple in borsa).

Angel-A ha detto...

L'iPod nano nuovo è molto interessante... molto molto, se registrasse anche appunti vocali poi per me sarebbe un oggetto perfetto. ^__^
Cyb ma quanto ci fai con la batteria dell'iPhone?

dactylium ha detto...

Interessante il discorso sulla maturità dei software.
Una decina di anni fa (ma anche meno, per la verità) era molto più facile innovare perché i programmi erano essenziali e spartani.

Ora qualsiasi applicazione fa di tutto e di più, spesso vengono aggiunte funzioni inutili per il 90% degli utenti, esclusivamente perché il mercato impone il rilascio di una nuova versione.

Io uso ancora iTunes 7 e non sento neppure la necessità di aggiornarlo, e questo vale per altri programmi.

Anche certi dispositivi hardware hanno raggiunto una buona maturità. Lungi dall'essere perfetti, forse sarebbe più opportuno che venissero migliorati piuttosto che accresciuti in funzionalità.

Secondo me le evoluzioni stanno giungendo al capolinea in molti campi. Rivoluzionare è invece tutt'altra cosa.

Vedremo a ottobre che novità ci saranno in casa MacBook.
Per il momento, come già in molti hanno detto, un Jobs in buona forma è l'unico fatto di rilievo.

Ciao, dacty

CyberLuke ha detto...

@Angel-A: una giornata appena. Se smanetto un po' col wi-fi, arrivo a sera con il fiatone.
Una cosa inaccettabile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...