martedì 6 ottobre 2009

Chiamare le cose col loro nome.

Uno dei segnali più inquietanti dell'attuale situazione politica italiana, è che ci siamo disabituati alla realtà pura e semplice: al punto che quando qualcuno osa chiamare cose e persone con il loro nome, si grida all'eversione.
Ed è inquietante in quanti siano rimasti in pochi, nel nostro Paese di assoggettati ed abituati, a urlare in un microfono: "Ma vi siete tutti rincoglioniti?"
Lo scudo fiscale? "Un provvedimento criminale di un parlamento mafioso".
Ecco, qualcuno ce l'ha fatta a sintetizzarlo in poche parole, e soprattutto a dirlo senza mezzi termini: tanto ci voleva?
Evviva la faccia.
Il Lodo Alfano? Uno stratagemma dei più ipocriti per parare il culo a un uomo che sarebbe costretto a dimettersi in quanto imputato in almeno tre procedimenti penali (che, per i teledistratti, sono il processo che coinvolge l'avvocato inglese Mills già condannato per falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari a favore di Silvio Berlusconi, un processo sulle irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi di Mediaset e un procedimento penale per istigazione alla corruzione di alcuni senatori eletti all'estero).
Da stamattina c'è una sentenza che autorizza a chiamare il premier col suo nome, senza troppi giri di parole: un criminale.
Solo che questa parola, che ben definisce il personaggio, è ancora sussurrata dai più, e tocca sempre a qualcun altro gridarla nei microfoni, perché le parole sembrano fare più paura dei fatti che esse descrivono.
C'è davvero da stupirsi che il programma più sensato provenga da un uomo di spettacolo che non esita ad accostare il nostro presidente della Repubblica a Ponzio Pilato?
Una volta di più: ma viva la faccia.
PS La vignetta in apertura viene da QUI.

20 commenti:

zaXon ha detto...

Purtroppo caro Cyberluke non tutti la pensano come te. Ho avuto diversi scambi di idee su questo argomento con molte persone. Tanta gente è realmente convinta che per governare il PRIMO MINISTRO non deve essere "disturbato" con problemi giuridici. La cosa che è difficile far capire è quello che la nostra mamma e il nostro papà ci ha insegnato e cioè la differenza tra IL BENE E IL MALE. Lasciamo stare il solito discorso tra destra e sinistra, ognuno può giudicare con la propria testa e decidere cosa è giusto è sbagliato. Ma se la legge è uguale per tutti perchè il lodo Alfano!? Non dovrebbero proprio i politici dare l'esempio per primi, non dovrebbero rappresentare l'eccellenza coloro che ci governano, di qualunque parte politica essi siamo. A questo proposito consiglio a tutti di guardare questo servizio sulla TAV (a favore o contro che siate) per capire il marcio che c'è in Italia: da PRESA DIRETTA, LA STANGATA puntata del 04/10/2009
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-03d93a6e-7b31-4102-832f-fbe279715b1b.html

Anonimo ha detto...

francamente grillo (e i suoi amici) sono una cura peggiore del male...
chi grida al fascismo, al regime, e al totalitarismo (in italia?? ma dove?? mha...) e poi osanna certi personaggi (non tu nello specifico luca, ma in generale) dovrebbe essere un tantino piu' lungimirante e pensare a cosa questi elementi sarebbero veramente in grado di mettere in piedi se, per qualche congiuntura astrale particolarmente sfavorevole, dovessero andare al governo.
diffida dei messia, sempre e comunque...

Larsen

CyberLuke ha detto...

Lars, peggio di così c'è solo la dittatura.
L'opposizione ha fatto vedere cosa è in grado di fare: quasi peggio.
A questo punto, mi sento pronto per una Terza Via.
Tu no?

Uapa ha detto...

Non posso scrivere ciò che penso dei politici Italiani, tutti senza distinzioni, perché rischio seriamente il carcere a vita.
Ma continuo a sperare che, nonostante svariati trattati che lo vietano, un qualche altro paese del vecchio continente decida di invaderci e fare della povera Italia un paese funzionante. E allora sì che sarebbe davvero un Bel Paese, perché non ci manca davvero nulla, caspita.
E continuo a sperare che sia la Svezia ad invaderci :-)

Matteo ha detto...

No, la Svezia no!

Anonimo ha detto...

luca, appunto...
se il "buon" beppe, ed i suoi "grillini" intendono essere democratici cosi' come lo sono sul loro blog, in confronto il fascismo e' stata una ventata d'aria fresca.
un gruppo che e' strutturato come una "chiesa", che venera in modo acritico il suo messia, e che non accetta la minima critica, anche quando espressa in modo civile ed argomentata, mi spiace, ma mi fa' molta piu' paura di sti buffoni che abbiamo ora.
"loro" conoscono la via, "loro" sanno dov'e' la luce...
dico solo una cosa: ocio...
e lo dico da quando quel capellone pieno di soldi e con l'azienda in svizzera ha ventilato l'idea di entrare in politica.

Larsen

Maura ha detto...

@Larsen: son due le cose: o la tua conoscenza del movimento di Grillo è limitata al luogo comune del "capellone pieno di soldi" o la tua è pura e semplice (e classica, devo dire) propaganda atta a screditare le voci fuori dal coro.
Grillo sbraita? Ha le imprese in Svizzera, che taccia.
Di Pietro accusa? Ha i suoi scheletri nell'armadio pure lui, si vergogni.
E lo status quo viene mantenuto.
Restaci tu, col Nano.

Alex McNab ha detto...

Nikita Sergeevic Chruscev, che comunista lo era per davvero, disse: "Ci interessa sapere come il culto della persona di Stalin sia andato continuamente crescendo e sia divenuto, a un dato momento, fonte di tutta una serie di gravissime deviazioni dai principi del partito, dalla democrazia del partito e dalla legalità rivoluzionaria. (dal discorso al XX Congresso del PCUS"
Sostituisci il Baffone col Nano, ed ecco spiegato il perchè del 90% dei problemi politici italiani.

Simone ha detto...

Io la penso come Larsen. Purtroppo i nostri politici non sono certo i migliori del mondo (per fare un eufenismo) ma su questa situazione di incertezza c'è gente che ha costruito strutture e organizzazioni che davvero mi danno i brividi.

La gente vota Berlusconi perchè la trova l'alternativa migliore, specialmente quando dall'altra parte l'unica argomentazione politica è "Berlusconi è pelato, è nano e va a mignotte".

Qualcuno si ricorda come è nato il fascismo, e come si è arrivati alla marcia su Roma? La gente non è tutta stupida, eh!

Simone

Simone ha detto...

Lo so, si dice "eufeMismo". Credo ^^.

Simone

Christian ha detto...

Che Berlusconi abbia una concezione "fascistoide-populista" del potere è una cosa certa, ma non dimentichiamoci che questo signore governa grazie alle stronzate dell'"opposizione" che negli anni gli ha fatto dei regali incredibili, anche in questi giorni, basta vedere le incredibili assenze sui banchi dell'opposizione durante il voto sul rientro dei capitali dei mafiosi (bastavano 23 deputati...)
E poi questa cosa che i giornali cattolici scoprono solo adesso che berlusconi sia una merda solamente perché va a troie, francamente mi lascia senza parole.
Giusto guardare altrove quindi, ma prima prendiamocela con chi ha permesso e permette ancora questo scempio che si chiama berlusconi,
altrimenti non cambierà mai niente e che cazzo!

Maura ha detto...

Screditare gli accusatori è una tattica tanto antica quanto efficace.
Qualcuno attacca qualcuno?
La prima cosa che si fa non è rispondere alle accuse, ma frugare nel passato dell'accusatore cercando irregolarità, tresche, multe non pagate, qualunque cosa, in modo da poter poi dire "guardate da che pulpito vien la predica".
Scusatemi, vado a vomitare.

Simone ha detto...

Maura: sarebbe da capire che scredita e chi accusa chi, a questo punto ^^. Poi io ho solo invitato a guardare come sono andate le cose in passato, visto che è un meccanismo identico. Se poi il passato non conta e l'importante è essere "contro", fai bene a votare chi vuoi, e io lo rispetto.

Simone

Maura ha detto...

La tua posizione è chiara.

Anonimo ha detto...

maura, non fai che confermare quello che gia' so, e si, conosco e seguo grillo da tempi non sospetti (tanto per dire, quando ancora faceva tv in italia, ovvero ere geologiche fa).
ho smesso di condividere il suo modo di comportarsi e di "fomentare" quando ha smesso di essere beppe grillo ed e' diventanto monsignor grillo.

non faccio dietrologie, mi baso su cio' che dice e cio' che fa, e un eventuale governo con grillo, dipietro e travaglio spero di non vederlo mai... oppure di guardarlo da mooolto lontano...

Larsen

Maura ha detto...

@Larsen: come a dire: parli senza sapere.
Ti sei fermato dove pensavi di aver sentito abbastanza, e magari senza neanche ascoltare e sprecarti a fare qualche verifica.
Devi solo dirmi una cosa. Tu, che a tuo modo gli pari il posteriore, cos'hai avuto in cambio in regalo dalle sue magistrature?
Da quello che leggo sul tuo blog e su FB, sei una delle persone più scontente e lagnose d'Italia.
Davvero non auspichi niente di meglio per te e per chi ti sta intorno?

Taka ha detto...

ma non si parlava di tette e culi da ste parti???

tanto ve la dico io LA verità: non cambierà mai nulla finchè questo paese non sarà affondato. :p

e i dibattiti politici son degni dei cori da stadio, manco si tifasse per una squadra di calcio.

scusate è tardi, ho mal di gola ed è meglio se vado a letto... -.-

Leo ha detto...

quanta gente c'è come larsen?



è questo il problema.

Matteo ha detto...

Leo, il tuo commento poco argomentato è abbastanza nazistoide (o comunistoide, mettila come ti pare). Non trovi? Non mi pare corretto far sentire qualcuno un infetto, tanto più che nella politica italiana la verità è lungi dall'essere rivelata... Penso che errori al voto ne abbiamo fatti tutti, visto lo stato delle cose. Stanti una maggioranza, un'opposizione e un Presidente della Repubblica concordi e anzi ansiosi di approvare il crimine legalizzato dello "scudo fiscale", non penso che qualcuno possa proclamarsi il Dr. House della nostra democrazia.

A mio avviso l'arrivo di Grillo può essere un bene per dare una scossa alla politica, ma non basterà a far cadere un sistema di potere che comprende sì Berlusconi come suo fenomeno mostruoso e gigantesco, ma che lo trascende in una miriade di pulviscolo politicante che pensa/agisce nella stessa maniera, pur non stando necessariamente dalla stessa parte.
Se non si presterà attenzione a questo pulviscolo, il post-Berlusconi sarà anche peggio, perché moltiplicazione del vizio in un vortice però meno visibile e quindi meno clamoroso, ma altrettanto dannoso.

Ecco, lo status quo è questo, a mio parere. Purtroppo non penso che Grillo abbia l'aspirapolvere per spazzare via questo sistema politico, l'unica cosa veramente auspicabile. Temo invece che, come già successo varie volte, possa capitare – se non a lui ai suoi accoliti – di cadere nella tentazione di farsi loro stessi "pulviscolo"...

Anonimo ha detto...

esattamente matteo... esattamente

quanto ai "grillini" qui presenti, e' proprio questo vostro atteggiamento che mi mette decisamente sul chi vive nei confronti di certi movimenti.

per inciso, non voto dal 94 (a parte le comunali, perche' sul territorio sul serio si vede quando qualcuno fa qualcosa o meno, e non guardo il colore, ma cio' che fa), e mi lamento degli italiani, non del governo.

l'esecutivo attuale, benche' non stia bene a sparute e rumorose minoranze, e' esattamente il governo che questo paese vuole, merita e ha cercato.
non ho scritto minoranze a caso eh... e' effettivamente cosi': alla maggioranza, che pero' sta zitta e si fa i suoi intrallazzi, questo governo sta bene.

e ripeto, non do' e non daro' mai fiducia a qualcuno che e' solamente "contro"...
dipietro esiste perche' e' "contro berlusconi", travaglio esiste perche' e' "contro berlusconi", grillo ancora non ho capito se e' pure "contro se stesso"...

essere "contro" non m'interessa, io voglio poter essere a "favore".
ma per essere a favore, qualcuno deve tirare fuori un progetto politico che sia diverso dall'essere "contro", oppure dall'essere a "favore" della sopravvivenza della propria parte politica (vedi l'attuale sinistra... scandalosa).

Larsen

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...