mercoledì 7 ottobre 2009

Guarda e impara, 18

Lo so, questa ci vuole un secondo o due in più per capirla.
Ma è fantastica. :)

13 commenti:

Uapa ha detto...

Purtroppo non mi fa venire in mente una bella cosa :-S

Matteo ha detto...

Eh nemmeno a me. Però la realizzazione autoironica forse può servire a liberarsi di questo "mito" :)

Fra ha detto...

Io evidentemente non sono abbastanza intelligente/attenta... non ho capito. Me lo spieghi?

Simone ha detto...

Una popolazione di mutanti vive nel sottosuolo, ma ovviamente porta i cani a passeggio all'esterno.

Il mostro di IT ha manfgiato un bambino che stava col cane al guinzaglio.

Non è un guinzaglio ma un filo con la calamita attaccata e il cane sta recuperando qualcosa.

Vabbe', la chiudo qui ^^.

Simone

Fra ha detto...

Le ipotesi di Simone mi piacciono!! Quella del mostro di IT mi ha fatto sganasciare dalle risate.
E io continuo a non capire... nel mio caso un secondo o due non sono bastati... nemmeno un'ora o due...

Planetary ha detto...

Le modelle sono talmente magre da passare fra le grate dei tombini :) (il cane è come quello di Paris Hilton)

Cattivella, non tanto contro l'anoressia che è una cosa seria, ma verso quel mondo che la sfrutta e sembra non riesca a sbarazzarsene nemmeno come immagine.

giardigno65 ha detto...

memorie dal sottosuolo !

CyberLuke ha detto...

Sono anni e anni che (a parole) viene condannato il mito della donna magra che causa disastri tra le adolescenti e non di mezzo mondo (quello che non si trova a dieta forzata, per intenderci).
E sono anni e anni che da vetrine, giornali e passerelle viene inesorabilmente riproposta la mannequin taglia 42.
Non se ne esce mica, eh.
La figura della top model è talmente stereotipata da essere entrata così nell'immaginario collettivo: mai abbastanza magra, così magra da scivolare attraverso la grata di un tombino.
Visto che non è possibile cambiare questa realtà, tanto vale scherzarci sopra.

Fra ha detto...

Io faccio parte di quelle a dieta forzata e non passerò mai tra le grate di un tombino, ma ne sono felice.
Comunque è assurdo che si dica che non è vero che viene pubblicizzata l'anoressia e poi in molti negozi se porti la 44 non ti entra nemmeno la XL (a me succede spesso). Tempo fa, che ero un po' più grossa, compravo i vestiti al reparto premaman (se resto incinta non devo comprare nulla!).

Nicla ha detto...

A me guardandola e capendola solo con le vostre spiegazioni mi viene da solamente da dire: poveri cani! Non possono scappare sono legati per sempre.
:(

Uapa ha detto...

Nicla e Simona, siete grandi! :-D
Settimane fa mi è capitata fra le mani una rivista. L'ho sfogliata. Pagine centrali: da una parte Naomi Campbell nel suo periodo d'oro, dall'altra una modella di oggi. E non c'è paragone. Una bellezza statuaria e ben tornita contro uno stecco. E la cosa peggiore è che per questo stupido "modello" ho rischiato di perdere qualcuno.
Speriamo davvero che l'ironia possa aiutarci contro questo mostro! :-S

Planetary ha detto...

Luca ma magari fosse la 42, ormai da anni s'è abbassata l'asta sulla 38!
A completezza d'informazione c'è da dire che le ragazze non diventano anoressiche per via del "modello offerto dalle modelle". L'anoressia è una malattia psicologica e riguarda la sfera degli affetti, dell'amore, e della volontà di controllo (detta molto velocemente).
Il punto è che molte modelle lo sono e finchè non raggiungono la soglia dell'1,80x40kg vengono bellamente "usate" come appendini ambulanti. E poi buonanotte al secchio.

Dama Arwen ha detto...

Ahahah!
Mi ci è voluto un attimo a capial ma poi ho afferrato. E mi p venuto da ridere, ma nn x disprezzo, ma proprio x quel senso di ironia che dice Datze che serve x superare questa situazione dell'eccessiva magrezza delle modelle.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...