venerdì 4 dicembre 2009

I sogni dei tuoi sogni.

Qualche tempo fa, Seth Kaplan ebbe questa fantastica idea per la rubrica Artifacts from the Future, tradizionalmente pubblicata sull'ultima pagina di Wired USA.
Non ho resistito alla tentazione di aggiungervi qualche ritocco personale e di autocollocarmi come testimonial di un gadget che cambierebbe la vita di molti, se mai fosse messo in commercio...
In tal caso, mi offro fin da ora come beta tester.
QUI in alta risoluzione.

18 commenti:

Angel-A ha detto...

NE VOGLIO ASSOLUTAMENTE UNA... O___o

Elena di Troia 09 ha detto...

Sarebbe bellissimo poter decidere cosa sognare... ho letto di alcune persone che hanno questo..dono (piu' che sognare cio' che vogliono, riescono nel sogno a far accadere quello che vogliono, ma anche questo non avviene sempre) :D
Si chiamano sogni lucidi e ci sono addirittura diversi studi scientifici a riguardo: http://spazioinwind.libero.it/sogno_lucido/Copy%20of%20index-bak.htm

Maura ha detto...

Cito il Dalai Lama: "Chi controlla i sogni, controlla la morte".

Sogno ha detto...

In Rant(Rabbia) di Palahniuk c'è qualcosa di simile. :D

Leonida ha detto...

Sarebbe interessante... mi chiedo però se non avrebbe, come effetto collaterale, che l'umanità finirebbe per non vivere più, rifugiandosi nei propri sogni, così accuratamente "programmati"... direi che è un ottimo spunto per un racconto di fantascienza!

Uapa ha detto...

Preferisco l'effetto sorpresa nel sogno! :-D
E controllare un sogno non è difficile, basta un po' di allenamento ;-)
Però è vero, non sempre ci sono riuscita... Come quando ho sognato che degli appestati mi inseguivano per attaccarmi la peste! X-O

Christian ha detto...

Io non vedrei l'ora che arrivi sera per andare a letto. :)

Taka ha detto...

qualcuno ha mai provato a dormire con addosso un cerotto alla nicotina?
pare che provochi sogni particolarmente vividi e malati...
ho letto testimonianze interessanti.

qualche volontario?? ^o^

Io - Ettocecco ha detto...

Devo ammettere che l'idea di programmare i sogni mi rattristerebbe perché un sogno è qualcosa che va al di là del reale e raggiunge luoghi della mente che da svegli non è possibile esplorare... Se si programmassero da svegli si limiterebbero...

Però mi è sempre piaciuta l'idea di fare il contrario, ovvero di poter registrare su dvd, magari in full HD, i miei sogni... Sarebbe bellissimo rivederseli...

Qualcuno potrebbe essere benissimo scartato (soprattutto quando si vive in coppia :D ) ma mi piacerebbe...

Uapa ha detto...

@Io-Ettocecco: condivido!!! Ho scritto i miei sogni, alcuni sono diventati fumetti, ma sarebbe davvero bello poterli registrare su dvd! *.*

Roberta la Dolce ha detto...

Be, si potrebbero combinare le due cose... programmare i propri sogni e poi registrali!
Se non mi sbaglio, c'era un film in cui si faceva addirittura un commercio dei propri sogni... erano registrati su un dischetto, e c'era una specie di mercato nero per riviverli realisticamente... qualcuno se lo ricorda?

Yeeshaval ha detto...

Sarebbe un'opportunità meravigliosa.
Ho già pronti gli ingredienti x il mio prossimo sogno artificialmente indotto: ambientazione fantasy, un paio di draghi, un cavaliere con la faccia di George Clooney, un sacco di sesso e la colonna sonora dei Queen.
Yeah.

CyberLuke ha detto...

Ia dipendenza dai "sogni programmati" potrebbe in effetti rivelarsi pericolosa, e costituire una vera e propria fuga dalla realtà.
Funzionerebbe come una droga, probabilmente, anzi, soppianterebbe tutte le altre.
Leonida, hai ragione, lo spunto c'è... non ho letto Rant, ma sono certo che qualcuno ha già scritto su un tema simile. Del resto, il recente Surrogates affronta un tema molto simile.
@Uapa: immagino che ci siano moltissimi fattori casuali nei sogni programmati... la macchina si limiterebbe ad introdurre certi elementi (luoghi, volti, etc), e il tuo cervello farebbe il resto... almeno, io la immagino così. ;)
@Etto: eh sì, anche registrarli sarebbe fantastico. Magari.
@RLD: credo tu ti riferisca a Strange Days, dove però c'era un mercato nero di esperienze realmente vissute registrate da altri e che tu potevi rivivere in prima persona utilizzando una specie di walkman sensoriale. Non era malaccio, e c'era una splendida Angela Bassett.
@Yeeshaval: di certo, si tratterebbe di sesso sicuro.

Uapa ha detto...

La mia opinione non cambia (blush), preferisco sia il mio cervello a fare tutto, persino farmi inseguire dagli appestati :-)
Vuoi mettere la soddisfazione di dire "Ah, era solo un sogno!" ;-D

Simone ha detto...

In effetti sarebbe fantastico: magari una "dreamstation" con cui giocare nel sonno. Poi però ci stresseremmo pure lì... e pensa se ti becchi qualche virus che ti fa fare un sogno assurdo che t'intrippa il cervello! ^^

Simone

Io - Ettocecco ha detto...

Qualche mese fa ho visto un servizio al tg in cui si parlava di scienziati (penso nipponici) che hanno creato una macchina in grado di disegnare ciò che un individuo pensa... In pratica è in grado di tradurre gli impulsi del nostro cervello in immagini... Al momento si fermava all'individuazione di una carta numerata su dieci... ma penso che di questo passo andremo velocemente verso la traduzione in immagini di pensieri più complessi e quindi anche di sogni... per arrivare al movimento e al sonoro... Dopotutto ci sono i videogames in 3d e Arnold Schwarzenegger è Governatore...

Però son convinto che, come dice Luke, diventerebbe una vera e propria droga, altro che internet, videogames e droghe vere... Staremmo tutti in casa a sognare e a rivedere, o a programmare sogni...

Se poi ci aggiungiamo la tecnologia 3d alla fine potremo addirittura riabbracciare i nostri cari o la pupazzona più fiG* del mondo... (questa l'ho scritta per Luke)... ;)

mcnab75 ha detto...

Questa sì che sarebbe un'invenzione...
Pura fantascienza, ma non troppo. Gli studi sui sogni lucidi, segnalati da Elena, sono reali e spesso efficaci...

Licia ha detto...

Strange days mostra i risvolti pericolosi di una simile idea...ma la possibilità di registrarli mi farebbe impazzire...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...