giovedì 17 dicembre 2009

Ringraziate il cielo di non essere lui...

...e intanto io ringrazio Barbara che me l'ha fatto scoprire.
Mr. Wiggles è - senza ombra di dubbio – la striscia più irriverente, offensiva e politicamente scorretta mai realizzata.
Ha per protagonista il tenero orsacchiotto che vedete qui sopra... solo che l'orsacchiotto in questione è un essere abbietto, psicotico, tossicodipendente e con la morale di uno sciacallo.
Mr. Wiggles sputa sopra ogni aspetto della quotidianità, rompendo qualsiasi tipo di tabù immaginabile. Gli fa da spalla il suo compagno d'appartamento, un ometto sociofobo che si lamenta continuamente.
Le strisce sono una serie dialoghi allucinanti tra i due che mettono a nudo in chiave grottesca gli aspetti più crudi della vita, indagando le perversioni ed i lati più oscuri della psiche umana.
Le battute sono incredibilmente ciniche, perfide e spassosissime.
Qui sotto potete leggerne qualcuna... letta una, si vorrebbe andare avanti all'infinito.
L’autore, il 31enne newyorchese Neil Swabb è un autentico genio.
È geniale lo stile, un semplice bianco e nero che abbozza personaggi inquietanti dall’espressione impassibile nonostante i tremendi argomenti di conversazione.
È geniale la scelta di esplorare la religione, le relazioni personali, il sesso e i vizi contemporanei attraverso gli occhi di un orsacchiotto, simbolo dell’infanzia, del gioco e della purezza.
È geniale la freddezza dei due protagonisti, e le reazioni dei personaggi che gli ruotano malauguratamente intorno –come la psicanalista di Mr. Wiggles – e che rimangono basiti di fronte tanta bestialità.
Mr. Wiggles è pubblicato su numerose riviste americane ed europee, ed è arrivato in Italia nel 2005 sulle pagine dell'Internazionale.
È appena stata pubblicata la sua seconda raccolta: la trovate a un prezzo eccezionalmente modico in libreria e in edicola.
Io vi ho avvisati... non perdetevela, oppure usatela per un regalo alternativo.
Non sarete dimenticati.

18 commenti:

Sogno ha detto...

Mi hai fatto scoprire un piccolo capolavoro Luke.
E non conoscevo neanche "L'internazionale" (sono ignorante, comprendimi), mi sembra una bella idea.

Taka ha detto...

mah, a me sembrano semplicemente brutte. -.-'

proprio come testi intendo...

Sogno ha detto...

Forse, e dico forse, un po' risentono della traduzione dallo "slang Niuiorchese" all'italiano.

Simone ha detto...

L'ho appena scoperto pure io da qualche giorno.

Meglio leggerlo (in originale) con wikipedia già aperto: ci sono riferimenti a pratiche sessuali di cui ignoravo l'esistenza.


;D

Ernst77 ha detto...

Meraviglioso!! :D
Qui ho scoperto altre sue strisce tradotte in italiano:
http://mrwiggles.awardspace.com/

Angel-A ha detto...

Bwahahahah che cattiverie gratuite!!!! ^ o ^
Mi hai convinto, oggi lo cerco!!!

claudia ha detto...

uaaaah, vedo che il natale ti aispira ad essere sempre piu' buono ;-))

Maura ha detto...

Conoscevo Mr. Wiggles, lo leggevo sull'Internazionale, che centellina le sue strisce una la settimana: ad ogni nuovonumero la prima cosa che leggo è la sua striscia (addirittura prima della copertina!
A me piacciono molto... sono caustiche ma in modo intelligente.
Dopo due settimane la raccolta di strisce del nostro simpatico orsetto è scomparsa da ogni libreria di Bologna...

Davide ha detto...

L'ho comprato la settimana scorsa, e l'ho divorato in poco tempo.
E l'ho anche riletto, perché a me non cessa mai di far ridere.
Unica pecca, forse leggermente un gradino sotto al volume I ma solo perché soprattutto nella II parte del volume, essendo un lettore di Internazionale, me ne ricordavo diverse.

Neil: durante una visita di controllo ho scoperto per caso di avere una leggera forma di polmonite, a quanto pare ce l'ho da una settimana. Pensavo fosse stanchezza e invece...
Mr Wiggles: ma come hai potuto pensare che fosse normale essere così stanco?
Neil: sai ultimamente ho passato molto tempo con la mia famiglia...
Mr Wiggles: be' allora capisco, tutto quel sesso devasterebbe chiunque.

OniceDesign ha detto...

Ho un amico che è IDENTICO a Mr. Wiggles.
A parte il pelo.

Roberta la Dolce ha detto...

Mazza che cattivo... Avrei una persona perfetta a cui regalarlo... ;-)
Grazie della segnalazione, giusto oggi parte la caccia al regalo, lo cercherò alla Feltrinelli più vicina...

PS Ma i cattivi ci piacciono di più perché a leggerne le gesta noi ci sentiamo migliori o cosa??

Nihil ha detto...

@roberta:
credo che il cattivo ci piaccia perchè è vincente, è migliore.

Una persona buona può essere stupida, un cattivo no: altrimenti si chiamerebbe stronzo.

Anonimo ha detto...

si puo' fare di meglio, decisamente... anzi, lo trovo pure soft... :D

Larsen

Matteo ha detto...

Il cattivo attrae (da fuori, voglio vedere quanto piace poi realmente frequentare i cattivi) perché dice ciò che tutti lasciano sottinteso. Afferma la propria identità a dispetto delle regole, appare quindi egli stesso un fenomeno da rispettare.
Piace per ipocrisia e codardaggine, sopita ambizione all'imitazione.

@Nihil: in base alla tua descrizione, tu devi essere la persona più buona del mondo...

Io - Ettocecco ha detto...

Bene Luke... se hai attuato un programma di affiliazione per la vendita di questo fumetto, sappi che oggi ne ho comprate due copie, una per me e una da regalare... Quindi fatti dare la tua percentuale... ;)

L'ho quasi finito di leggere tutto. In alcuni punti l'ho trovato ben fatto e in altri un po' meno... Trovo che certe battute siano scritte in "italiacano" e non solo girano male, ma la mia maestra delle elementari avrebbe da ridire... Per il resto non c'è che dire... Bella segnalazione, se non altro un'idea diversa...

Nihil ha detto...

Il cattivo [...] dice ciò che tutti lasciano sottinteso. [...]
@Nihil: in base alla tua descrizione, tu devi essere la persona più buona del mondo...

Matteo, ti ringrazio: hai supposto io sia la persona più buona del mondo, ma non hai specificato se sono stupido o meno... l'hai lasciato sottinteso.
Quindi vai a confermare proprio la mia teoria: per essere cattivi bisogna essere intelligenti, altrimenti si è solo stronzi.

Piss and love

Matteo ha detto...

Nihil se tu sia stupido o no io non posso saperlo, ma di certo lo è, e molto, quello che hai scritto.

Se pensi che le persone stronze non possano essere (anche) intelligenti, allora buona fortuna, ne avrai bisogno.

Nicla ha detto...

Spassosissimo! Grazie per la segnalazione! Il mio moroso e io stiamo ancora ridendo ;-)!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...