martedì 19 gennaio 2010

Toccare per credere?

Giusto ieri sera Apple ha confermato ufficialmente l’evento che tutti i rumors avevano fissato per il 27 gennaio p.v.
Si terrà presso lo Yerba Buena Center for the Arts Theater a San Francisco alle dieci di mattino del posto, alle sette di sera da noi.
Sulla copertina dell’invito (potete trovarla in rete un po' dappertutto, ad esempio QUI) campeggia la scritta Come see our latest creation, vieni a vedere la nostra ultima creazione.
Se mercoledì sera non vi rispondo al telefono, sapete perché.

17 commenti:

claudia ha detto...

ovviamente l'argomento non mi "tocca" per nulla, non essendo fruitore aplle, pero'... dovevo assolutamente intervenire perche' appena ho letto yerba buena mi sono tornati alla memoria in un attimo i quartieri di mission e castro in quel di san francisco !!! gran bei posti, anche se non ho fatto a tempo a vedere lo y.b.c., e mi dispiace... vorra' dire che dovro' proprio tornare...

Christian ha detto...

Orpo!... mi hai fregato anche stavolta con la tua home page farlocca... :D
Cmq sarebbe divertente vedere cosa accade se la "creazione" di Jobs e soci non ha niente a che vedere col tablet (o iSlate, che dir si voglia)...
del resto, nessuna delle (migliaia) di illazioni in rete è stata mai minimamente confermata da Apple.

Maura ha detto...

Cioè, l'iSlate è tuo?... :D
Ho seguito un po' sta storia del fantomatico tablet... forse proprio sul tuo blog (ma non solo).
Devo dire che tra i tanti gadget sfornati da Apple questo è forse quello di cui si sentiva meno il bisogno... ma è risaputo che Apple è tra le poche società al mondo in grado di generarli, i bisogni. ;)

Davide Mana ha detto...

Non piangete, utenti Win e Linux - l'OLPC XO-3 costa 75 dollari e promette benissimo.

http://news.cnet.com/8301-17938_105-10421017-1.html

e in italiano...

http://punto-informatico.it/2777435/PI/News/olpc-xo-3-vedragrave-luce-nel-2012.aspx

FEDEmc ha detto...

Temo che quello di Apple farà le stesse cose ma costerà 1000 euro.
(beh, proprio le stesse no, avrà il multi-touch!)

Matteo ha detto...

Apple non solo riesce a creare i "bisogni", come sempre opportunamente e con grande precisione suggerisce Maura, ma come ben esemplificato proprio da questo post, redatto per altro da un uomo che va in sollucchero per ben poche cose al mondo, ormai è arrivata addirittura a generare i "bisogni dei bisogni".

Prima o poi inventeranno l'iTel, servizio grazie al quale per soli 1,99€ potrai telefonare ad Apple e sentirti dire "Complimenti, sei un nostro cliente".

Leonardo ha detto...

Sulla storia dei "bisogni indotti" mi trovate d'accordo. :)
Però io mi faccio una domanda: diciamo che apple ha una visione di come dovremmo essere NOI: persone a cui piace la tecnologia e che la usa perchè gli semplifica la vita (insomma no Windows ;D ). Ok, di cosa altro abbiamo bisogno? Lo so è un discorso alienante ma alla fine la apple lo fa quindi è lecito chiederselo.
Cioè io tutto bello felice me ne vado in giro con la mia tracolla con dentro il macbook da 13 pollici, in tasca l’iphone che fa anche da ipod e caso mai a casa un imac e, su, magari la apple tv (premetto che ho solo un imac XD).
Quale sarà il target del nuovo prodotto? Esclusivamente professionale? Non è da apple, che di “only for pro” fa solo sofware, quando lo fa.
Mah.

CyberLuke ha detto...

@Claudia: eh, beata te. :)

@Davide: carino, ma la prima cosa che dovranno fare sarà cambiargli il nome. E, mi spiace, ma iSlate suona molto meglio di OLPC XO-3. ;)

@Matteo: l'idea dell'iTel è tutt'altro che malvagia.

@Leonardo: in Apple (ma non solo) c'è gente pagata profumatamente proprio per farsi queste domande.
E, ti dirò, non è necessariamente un brutto lavoro.

Jackrussell ha detto...

Questo è un video realizzato da (o per? boh) "Sports Illustrated" per un possibile utilizzo (pratico) di un ipotetico tablet Apple:
http://www.youtube.com/watch?v=ntyXvLnxyXk&feature=player_embedded#
Sai, giusto a proposito di "costruire bisogni". ;-)

Roberta la Dolce ha detto...

Io da fotografa lo vedrei benissimo come un visualizzatore rapido di foto... il display della fotocamera è troppo piccolo, sia per me che per il cliente. ;-)
Certo, dovrebbe avere un card reader (ma questo lo dò per scontato) e soprattutto costarmi meno di un portatile, sennò non avrebbe molto senso.
Ma la possibilità di vedere subito i miei scatti, scorrerli con le dita velocemente, zoomare i particolari col multi-touch non sarebbe per niente male.

Matteo Poropat ha detto...

Stavolta ho capito che era una tua realizzazione perché c'era la biondissima Christina ;) non poteva essere un caso...

Gabriele ha detto...

Da felice possessore di Mac anch'io attendo da tempo l'uscita di questo nuovo gadget più per curiosità che per altro; le mie attenzioni sono rivolte alla ricerca di un valido ebook reader classico (in b/n).
Saluti dalla Svezia.

brickness ha detto...

Qualunque cosa sia questo tablet (grosso iphone o piccolo mac) di sicuro farà girare anche videogiochi ed ebook,
Le software house di videogiochi probabilmente si sono stufate di sviluppare versioni vomitevoli (dovute ai limiti hardware ovviamente) dei loro giochi da console per le console portatili (il ds può ancora trovare un suo mercato, ma la psp ormai ha davvero fatto il suo tempo), un device portatile abbastanza potente gli permetterebbe finalmente di rendere portatili i loro giochi.
Ma quelli veri, o almeno delle versioni molto più simili all’originale.
Leggevo che probabilmente potrebbe essere distribuito prima in USA e poi nel resto del mondo... tuttavia, se ci dovessero essere lunghi ritardi nella distribuzione dipenderà proprio dai carrier dei servizi telefonici.
Soprattutto in Italia hanno già dimostrato la loro incapacità a cogliere le occasioni al volo. Vi ricordate quando uscì il primo iphone? Ci misero un anno a capire che sarebbe stato un affare anche per loro…

Simone ha detto...

La Nintendo non ha mai sviluppato software per piattaforme non proprie. Sicuramente ci saranno giochi fatti da altre case, ma rispetto alla diffusione del DS (credo abbia venduto milioni di esemplari) è dura pensare che a qualcuno convenga rinchiudersi in un mercato più limitato.

Al limite ci gireranno i giochi del Mac, che già in genere comunque non sono tanti.

Mi piace l'idea di leggerci una rivista con filmati, animazioni e tutto il resto. Solo che così si mettono in competizione con i lettori e-ink in un mercato che fa già abbastanza schifo, vista l'offerta di troppe marche e troppi "standard" poco intercompatibili. Insomma ok, sicuramente vincerà la Apple, ma a questo punto addio all'E-Ink.

Io a questo punto vedrei bene un portatile di quelli piccoli con lo schermo che - volendo - si stacca. Così hai un computer normale, ma quando vuoi leggerti la rivista animata o l'ebook che ti accecherà a causa della retroilluminazione ti porti a letto solo la parte che ti interessa e stai più comodo.

Poi tanto quando Luca se lo comprerà farà 20 pagine di post e sapremo tutti quali sono gli usi migliori ^^.

Simone

n3m ha detto...

Con il Tablet siamo alla fine di questa strada…
o rivoluzionerà tutto, portandoci nel futuro, ci sono riusciti con l’iPhone rivoluzionando un settore che per molti era già all’avanguardia…
o sarà un flop mostruoso…
i tempi sono diversi, i tempi sono maturi… anni fa un tablet sarebbe stato già un partenza un flop.. ora con l’avanzare dei ebook reader .. ci siamo.
la mia curiosità è che questa volta, le altre aziende non stanno a guardare, HP è partita in QUINTA e le altre a seguirla..
Jonathan Ive questa volta deve superarsi e inventare qualcosa che porterà a tutti (non solo amanti della mela..) .. “diamine ma perché nessuno ci ha pensato prima?!”
vedremo…

Yeeshaval ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
BlackBox ha detto...

Non vedo l’ora che passi questa settimana. Di solito i rumors e le supposizioni su qualcosa di nuovo mi piacciono. Ma adesso basta, sono troppe e tolgono tutto l’effetto sorpresa.
Vorrei avere la forza di riaccendere il computer solo tra una settimana ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...