lunedì 1 marzo 2010

A questi, gli devi sparare per fermarli.


Tra i regali ricevuti per celebrare le mie 46 primavere, c'era anche Pandemonium, il dvd dei Pet Shop Boys che contiene la registrazione del concerto dello scorso 21 dicembre alla O2 Arena di Londra (nonché un cd aggiuntivo contenente una selezione audio delle tracce presenti nella tracklist, una formula che molti artisti dovrebbero copiare se proprio ci tengono a continuare a vendere qualche copia dei loro supporti "fisici").
Ed è stata una gran bella sorpresa.
Sinceramente, di un altro live dopo il confusionario Discovery Tour del 1994 e il piatto concerto al Mermaid Theatre di Londra (sotto richiesta della BBC) del 2006, io potevo farne a meno. Il loro ultimo album mi era parso una sequela poco interessante di episodi musicali mal o zero collegati tra di loro e non mi aspettavo granché da questo live... e invece mi sono dovuto ricredere.Sarà che la set designer (Es Devlin), la stessa del Fundamental Tour, ha abbandonato quel fottio di ballerini gay, trapeziste, fuochi artificiali e cotillons per resettare tutto mettendo in piedi una scenografia minimalista con cubi pixellati e luminosi che dal vivo funzionano alla grande.
Sarà che Neil Tennant, a suo modo, è un buon frontman e ha una bella voce (quando gli gira di tirarla fuori).
Sarà che hanno suonato, tra gli altri, pezzi come Two divided by zero o Why don't we live together? tratti dal loro primo album vecchio di ormai ventiquattro anni ma che suonano come se fossero stati scritti oggi... sarà che il concerto è stato concepito come un gigantesco megamix fatto di medley e canzoni che prendono in prestito campionamenti da altri pezzi, mash-up e brani che iniziano in un modo e terminano in un altro, saranno gli arrangiamenti di prim'ordine o i testi modificati per l'occasione. Ma c'è poco da fare, mi sono piaciuti tanto.
Non così tanto da andarmi a risentire il loro ultimo album, sia chiaro... ma abbastanza da comprare a scatola chiusa il prossimo, in qualunque momento decideranno di farlo uscire.

10 commenti:

Giancarlo ha detto...

In passato qualcuno li ha definiti "degli Smiths con i quali si può ballare", e per quanto paradossale la definizione dice qualcosa di vero, e non solo riguardo la naturale attenzione che i PSB hanno sempre avuto nei confronti delle parole, cosa questa che li accomuna senza dubbio alla band di Morrissey, che io venero. ;)
Non li seguivo da un po' e non sapevo di questo concerto... ora recupero sul Tubo! ;)

BlackBox ha detto...

A me piacciono abbastanza, però secondo me non vengono pubblicizzati abbastanza come dovrebbero (di questo disco non sapevo nulla, ad esempio) e secondo me non è giusto, visto che sono stati (e lo sono ancora) un gruppo anni 80 che ha fatto storia. Del ritorno dei Depeche Mode si è parlato abbastanza, ma di Chris Lowe e soci nessuno ne parla.
Come mai?

Emiliano ha detto...

Io li ho visti nel 2007 a Villa Arconate e fecero un concerto superbo! Poi solo vedere Chris Lowe che armeggiava impassibile dietro la sua tastiera come se manco si trovasse su un palco era uno spettacolo.
Ricordo che mi colpì parecchio l''età media del pubblico, la più variegata che abbai mai visto in un concerto.
Un bell'esempio di intergenerazionalità e poi quando si è bravi si è bravi, c'è poco da fare.
Ciao.
Emiliano

claudia ha detto...

ma quante ne sai porca miseria ? e si' che dovrei esserci abituata, pero' ogni volta rimango (abbastanza) a bocca aperta nel leggere che passi allegramente tra recensioni di libri, film, cd, concerti, telefilm, e quant'altro, tutto con assoluta competenza e sfoggio di termini ad hoc. in questo caso cio' che mi ha spiazzato e' stato l'uso di mash up, una roba che senti solo dai dj's piu' scafati!
mannaggia, a 46 anni riesci ancora a stupirmi.

Andrea Giovannone ha detto...

Sabato ho comprato Discography - The singles collection ne è valsa la pena anche se come tutte le collection hanno sempre qualche singolo "mancante".

Roberta la Dolce ha detto...

Non avevano fatto anche un disco con Robbie Williams?

CyberLuke ha detto...

@Roberta: sì.
E anche con Liza Minelli, Madonna, David Bowie, Johnny Marr, Elton John, Boy George, i Blur e Lady Gaga, se è per questo. ;)

Uapa ha detto...

*.*
Ho "sentito" il concerto per telefono e l'ho letto per sms XD
E il dvd aspetta anche me, in quel di Londra, impaziente come non mai! :-D
Purtroppo anche secondo me non sono pubblicizzati come dovrebbero... E purtroppo fanno troppo poco spesso canzoni come Two Divided By zero, sob :'(
Villa Arconati *.* Quante zanzare durante quel tour de force! Ma ne è valsa la pena! :-)

Yeeshaval ha detto...

Gli ultimi dischi non mi son piaciuti, e il genere non è il mio, anzi, però la voce del cantante ha sempre avuto un fascino assurdo su di me.

Angel-A ha detto...

Non li conosco bene, ma tempo fa mi regalarono una compilation con due loro pezzi, "Suburbia" e "West and Girls" che mi ritrovo spesso a canticchiare, non mi stancano mai. ^___^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...