sabato 17 luglio 2010

Andrea Pettini punto org.

Devo ammettere di non passare mai abbastanza spesso sul blog del mio ventennale amico Andrea... sarà l'oscura e orrida grafica che ha voluto dargli (ah, sono stato io?) o perché scrive cose molto più serie e documentate che non le mie, ma di certo non gli ho (ancora) dato il risalto che merita.
Andrea è particolarmente sensibile alla questione dei diritti umani, e grazie anche alla sua professione che gli concede un posto in prima fila, si dà da fare come nessun altro io conosca.
Sia chiaro, molti degli argomenti trattati da Andrea spaziano oltre tali annosi questioni e vanno dalle sottoculture pop ai movimenti musicali underground, dove mostra una competenza che io non posseggo minimamente... Poi, certo, il suo pensiero politico è - almeno apparentemente - parecchio diverso dal mio (ammesso io ne abbia uno degno di questo nome) ma, in linea di massima, è sempre una lettura interessante.
Oggi lo è in maniera particolare, con un'intervista al sottoscritto che risponde ad alcune domande sull'editoria elettronica, l'arte digitale e la libertà.

2 commenti:

CHristian ha detto...

Ormai sei una celebrità, ;)
Interessante il blog del tuo amico.

Roberta la Dolce ha detto...

La tua risposta sulla libertà è praticamente la stessa che avrei dato io... ;-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...