mercoledì 22 settembre 2010

Inception... o quello che ne ho capito.


Vorrei che il mio inglese fosse migliore.
Non ho troppe occasioni di esercitarlo, e chi vi dice che guardare sei stagioni di Lost in lingua originale coi sottotitoli aiuta, sta solo cercando di dare un senso a troppo tempo trascorso a lambiccarsi il cervello cercando parentele nascoste tra il fumo nero e il bambino di Claire.
Insomma, solo un mese fa ero lì che passeggiavo per Londra costruendomi i miei itinerari ora per ora, e a poca distanza dal mio albergo c'era un Imax... che, per chi lo ignorasse, è un particolare tipo di cinema, con uno schermo di 22 metri di lunghezza per 16 di altezza (quasi tre volte uno schermo standard cinematografico), ed è il più avanzato sistema di proiezione di pellicola ad alta risoluzione.
Negli USA l'Imax sta gradualmente sostituendo i multisala classici, ed è, assieme al 3D – che personalmente continua a sembrarmi una feature più da luna park che da cinema – la più grande scommessa del futuro delle sale cinematografiche.
Per girare un film nel formato Imax servono cineprese speciali e negativi di grande formato. QUI trovate parecchie altre informazioni se voleste approfondire gli aspetti tecnici... altrimenti, vi basti sapere che vedere un film in una sala Imax fa sembrare la più moderna delle sale del Warner Village una saletta parrocchiale con l'audio mono.
Se ve lo state chiedendo, i film girati finora in questo formato sono ancora pochissimi: Il Cavaliere Oscuro, Transformers 2, Star Trek XI, This Is It, Avatar, Tron Legacy, Shrek 4, Toy Story 3, Eclipse, Prince of Persia, Iron Man 2, Harry Potter e i Doni della Morte.
E buon ultimo, l'ultima fatica di Christopher Nolan, Inception (di cui parlai brevemente QUI).
Non ha i sottotitoli, ma posso farcela, mi dico, entrando nella gigantesca sala ad anfiteatro.
Si spengono le luci, parte il trailer dell'Imax e poi il film vero e proprio.
Dopo due ore e mezza ne esco fuori.
Ma non completamente.

Devo assolutamente rivederlo doppiato (da noi esce questo venerdì) perché, anche se si tratta sostanzialmente di un thriller fantascientifico, i dialoghi sono numerosi, sfaccettati e complicati... e, anche a causa del forte accento giapponese di uno dei protagonisti, ho perso il senso di intere conversazioni che rendono cruciale la comprensione della storia.
Inception è completamente basato sul sogno e su come è strutturata l’architettura del nostro subconscio.

Nella prima mezz’ora del film non capisco quasi nulla. Dopo cinquanta minuti, collego qualcosa tra i personaggi, luoghi e parole chiave. Non ci provo neanche a spiegarvi la trama.
Nolan porta lo spettatore letteralmente da un subconscio ad un altro, dove non valgono le regole, luoghi, nomi e definizioni del precedente, e costringendo lo spettatore ad uno sforzo mnemonico del tutto inusuale durante la visione di un film.

La regia mescola i toni filosofici con quelli del thriller, l'onirico e il reale, e la cosa che più gli si avvicina finora è The Matrix (il primo e solo quello), anche nella fotografia che riesce a starle dietro alternandosi tra ricercatezze tecnologiche a sequenze di pura delizia visiva.
Le singole scene, prese da sole, sono quasi tutte memorabili (le mie preferire sono quelle con Di Caprio e Ellen Page che camminano per le strade di Parigi che si arrotolano letteralmente sopra di loro) anche se forse, la somma delle parti, fornisce un risultato meno eclatante di quanto si è portati a concludere una volta usciti dalla sala.
Quello che però conta davvero è che anche se non tutto è perfetto, il film è visionario oltre ogni dire, straniante ed estraniante.
Questo è grande cinema, senza discussioni.
Ah, sì... il cast è fantastico e la colonna sonora (Hans Zimmer) pure.
Un film da vedere per innamorarsi di alcune sequenze e per riflettere su quello che dovrebbe ancora significare la parola cinema.
Altro che Avatar e 3D.

24 commenti:

Gloutchov ha detto...

Se ho capito bene, il lato onirico è diviso in un certo numero di livelli. Ognuno dei quali ha delle caratteristiche distintive... Non vedo l'ora che di vederlo! :D

Fra ha detto...

Mi hai fatto venire una voglia pazzesca di guardarlo! :)

elgraeco ha detto...

Uhm... avevo intuito che nel poster ci fosse il tuo zampino. ;)
Chissà. Magari me lo perdo per riscoprirlo tra qualche anno.
O forse no. Il fatto è che, dalle mie parti, l'Imax più vicino è a 90 km.
E questo tipo di film si devono guardare in questo formato, c'è poco da fare...

CyberLuke ha detto...

Elgraeco, ti assicuro che il film è perfettamente godibile anche in una sala tradizionale.
Contrariamente a quanto possiate sentire in giro, Inception non si basa sull'abuso di effetti visivi, ma sull'intreccio di una trama cesellata con passione e raccontata con mestiere.

claudia ha detto...

ho paura che ci capiro' poco, pero' mi intriga quindi andro' a vederlo sicuramente, anche perche' ci sono tre innegabili punti di forza: la regia di christopher nolan, mai banale, leo di caprio, che con l'eta' ha perso l'aria del bamboccione per assumere ruoli sempre piu' impegnativi e convincenti (blood diamond su tutti), marion cotillard, una delle donne piu' belle in circolazione, di un'eleganza senza fine.

Matteo ha detto...

Per me "grande cinema" significa altro. Questo è il solito baraccone hollywoodiano di lucette e effetti speciali che mascherano la solita storia onirica. Il bello delle storie "oniriche" è che non serve una trama vera, perché tutto è sempre valido. Tra l'altro se si scava bene, si nota come alla fine dei conti film di 50 anni fa dicessero praticamente le stesse cose, magari in modi meno spettacolari ma forse più veri.
Poi certo, bravi attori e bella regia, ottima fotografia. Un bel pacco luccicante.

Larsen ha detto...

azz.. matteo :D me l'hai smontato...
devo dire che sono incuriosito anche io da questo film, ed e' gia' qualcosa, visto che ultimamente poche cose riescono a svegliare la mia curiosita'.
spero di riuscire a vederlo, sarebbe una novita' rispetto ai miei soliti standard (sparaspara, ammazzaammazza, corseinauto, gnocchepocovestite, esplosioniekungfu, meglio se tutto nello stesso film chiaramente) :D

Simone ha detto...

Oddio, sulle trame "oniriche" la vedo come Matteo. Praticamente una scusa per ammucchiare qualsi cosa e non preoccuparsi se la trama non ha molto senso.

E poi non ho sale imax vicine (cioè, non ne esistono a Roma, credo) e per me il 3D con gli occhialetti rovina tutti i film... insomma ammazza il cinema è riuscito proprio a farmi disinnamorare, una volta ne ero pazzo. :(

Però confido che questo sarà diverso, per cui spero di vederlo... e di uscirne contento.

Simone

CyberLuke ha detto...

Non è in 3D.
E l'Imax (il più vicino a noi credo sia a Vienna, ti sei scordato che siamo in Italianistan?) è solo un valore aggiunto la cui mancanza non pregiudica la visione del film. Fidati.

mAs ha detto...

ero già interessato, e adesso lo sono ancora di più ... ma la premessa su Londra serviva solo a procurar invidia, dì la verità!

Mr. Lunastorta ha detto...

Già volevo andare a vederlo, ora non vedo l'ora che esca! ;-)

Angel-A ha detto...

Io sono impaziente fin dalla prima volta che vidi il trailer, già la scorsa primavera ^_______^
Poi Nolan è un regista che mi piace molto e il cast artistico è davvero valido, a partire da Leonardo DiCaprio e Joseph Gordon-Levitt.

La cosa che più aspetto saranno rompicapi mentali a non finire.
Lo stesso Nolan ha detto che per capire il film, bisogna vederlo almeno due volte... ma solo da noi non è ancora uscito??

Alex McNab ha detto...

Ne diffidavo, e anche parecchio. Ora però mi hai incuriosito, visto che ti considero un esperto in questo particolare filone cinematografico...

CyberLuke ha detto...

Alex: ti piacerà. È un film personale e commercialmente rischioso, ma stavolta ha pagato.
È importante anche perché rappresenta un implicito consiglio ad osare per i tanti colleghi registi che quotidianamente combattono con le major di Hollywood per produrre roba il cui unico requisito è la vendibilità.
Angela: sì, l'Italia è l'ultimo paese al mondo dove Inception è stato distribuito. Mi auguro almeno che il doppiaggio sia valsa l'attesa.

Mauro ha detto...

Non sono un grande fan di Nolan ma credo proprio che non rimarrò deluso, finalmente una storia che non sia un prequel, un sequel o un adattamento da un fumetto o da un videogioco... quel che si dice una storia originale. ;)

Maura ha detto...

Uhmm... non guardo molti film di fantascienza, anche se Nolan è uno dei pochi registi che –al momento – possono permettersi di proporre qualcosa al di fuori dei soliti schemi.
A me l'osannatissimo The dark knight non aveva detto un granché, e in generale non sono troppo attirata da dosi eccessive di azione, ma tu che l'hai già visto sembri dirci tutt'altro.

CyberLuke ha detto...

The Dark Knight probabilmente non è il capolavoro che molti hanno detto, ma ha più di un momento notevole.
E Inception non è propriamente fantascienza.
I presupposti lo sono, ma si svolge nel presente e tutto ciò che si vede di fantascientifico è una macchina che sta dentro una valigetta e qualche tubicino.
È più una cosa – per capirci – al Michel Gondry di Eternal sunshine of the spotless mind.

ChiccaDeLincourt ha detto...

Altissime aspettative! E conoscendo Nolan sono sicura che non rimarrò delusa.
Non ho letto niente sul film, nessun articolo e intervista.. mi tengo tutta la sopresa ^__^
Non vedo l'ora!

Anonimo ha detto...

Luke , grazie per aver citato Michel Gondry ....
un genio che sinora è stato parco nella regia , ma quel poco che ha fatto è a dir poco memorabile ...

tornando in tema , leggo Film TV sul sito da tempo e da appossionato di cinema, oltre alla tua recensione ne ho lette altre discordanti , probabilmente alla fine il miglior giudice del film saremo noi spettatori.
io vado domenica a vederlo ...

Beppe

Matteo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Matteo ha detto...

Personalmente trovo che Eternal sunshine of the spotless mind fosse un film poeticissimo e meraviglioso. Questo può ricordarlo in alcuni passi, ma a mio avviso manca del tutto della poesia dell'altro.

Per contro The dark kight l'ho trovato un film bellissimo, che gettava le basi per delle riflessioni non scontate sul rapporto tra bene e male.

Mr. Lunastorta ha detto...

Visto. Non ha deluso per niente le aspettative. Da vedere. ^_^

Marco ha detto...

Visto ieri sera, anche e soprattutto grazie alla lettura di questo post. ...avrei già voglia di rivederlo.
Complimenti per il manifesto, è una sintesi eccellente del film!

Anonimo ha detto...

Sarà anche un bel film la verità però è che stenta a decollare guarda ( http://oknotizie.virgilio.it/info/39a14ad43c62be82/inception_con_leonardo_di_caprio_piu_di_750_milioni_di_euro_di_incasso_globale_record_-_guarda_il_trailer.html )

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...