martedì 9 novembre 2010

Dieci campagne pubblicitarie sessualmente implicite. Ma neanche tanto.

Il sesso è stato impiegato in pubblicità da sempre... essendo uno dei richiami – coscienti o meno – più potenti che esistano.
I richiami sessuali utilizzati negli annunci pubblicitari sono di molti tipi e usano una grande varietà di elementi, i più banali dei quali ricorrono alle solite modelle e modelli di bell'aspetto, più o meno svestiti, piazzati lì per farvi compiere la più elementare delle associazioni col prodotto reclamizzato.
Nella realtà, nessuna ragazza taglia 42 e dagli occhi felini verrà con voi solo perché impugnate un telefono cellulare liscio come vetro e che si collega alla vostra pagina Facebook, ma se questi meccanismi continuano ad essere usati, significa che funzionano.

Negli ultimi due decenni, l'uso di immagini sessuali sempre più esplicite nella pubblicità è diventato talmente comune da non fare più alcuna notizia... e naturalmente, non mancano i detrattori di tale scuola di pensiero, tra i quali i conservatori religiosi, che spesso considerano oscene le immagini proposte ai consumatori, femministe e maschilisti che sostengono che alcuni messaggi non fanno altro che rafforzare negativamente un certo tipo di il sessismo. Inoltre, veicolare sempre e soltanto un certo tipo di bellezza come modello "vincente" (non importa quanto poco realistico) può essere causa di frustrazione e disistima di se stessi, soprattutto tra i più i giovani.

Non so se sia un bene o un male, ma una cosa la so per certo: quando si tratta di creare un annuncio e le idee intelligenti tardano ad arrivare, i pubblicitari ricorrono a una vecchia regola generale: il sesso vende.
Alcune delle campagne pubblicitarie che vi propongo oggi reclamizzano prodotti strettamente legati al sesso (preservativi, biancheria intima, gel eccetera), altre lo utilizzano semplicemente come strumento di marketing... e finché non troveremo qualcosa che ci interessa di più o i costumi subiranno una brusca inversione di tendenza, questo tipo di comunicazione è destinato a durare ancora per parecchio tempo.

Playboy (2006)

Campagna stampa per i 31 anni del magazine Playboy.
E neanche una foto della solita coniglietta scosciata.


L'idea dietro questo annuncio è che le elaborazioni digitali della Orange Apple sono emozionanti per gli occhi... più che emozionanti. Almeno, secondo la DDB Canada di Vancouver, che ha realizzato la campagna.

Manix
King Size, recita semplicemente il claim di questa campagna firmata dalla francese CLM BBDO.
E, no, Manix non produce scarpe.

Omax lens
Omax, un'azienda che produce – tra l'altro – obiettivi grandangolari per fotocamere, ha visto incrementare le sue vendite del 400% dopo questa campagna, firmata India Publicis.

Durex
Sapete tutti cosa produce Durex, non è vero?
Ne hanno per tutti i gusti, e tutte le misure.
Extra Large? Non c'è problema.
Agenzia Jupiter Drawing Room, Sudafrica.

Nikon
La funzionalità face recognition di alcune fotocamere digitali Nikon riesce a localizzare automaticamente fino a 12 volti in un'inquadratura, e ad occuparsi della messa a fuoco. E ci riesce meglio di un essere umano, a quanto pare.
L'agenzia è la Euro RSCG di Milano.

Campagna sociale antifumo
La nicotina, tra i tanti effetti nefasti sul fisico umano, riduce gli appetiti sessuali, dell'uno e dell'altro sesso.
E questa campagna sociale per scoraggiare il vizio del fumo non è affatto male.

Boots body cream e Samantha feet cream
Sebene provengano da agenzie diverse (la prima a firma di McCann Worldgroup di Bangkok e la seconda della DentsuINDIO, Filippine) questi due annunci veicolano lo stesso tipo di prodotto e utilizzando lo stesso tipo di suggestione.
Un interessante caso di sincronia creativa a distanza.

Manix
Gel lubrificante.
E già.

New York fries
Questa è solo una declinazione della multisoggetto realizzata dalla canadese Zig (potete trovare le altre digitando il claim nel campo di ricerca) per assicurare il consumatore che, in un mondo di roba finta, queste patatine fritte sono assolutamente reali e genuine.
E, udite udite, nessuno squallido giochino con la parola "patata".

Wonderbra
I creativi che lavorano per Wonderbra sono fantastici.
Non c'è una loro campagna che sia anche solo lontanamente volgare.
Questa è della Publicis di Francoforte.

Aquaglide gel
Se devi produrre un gel per le parti intime, tanto vale che abbia un buon sapore.
Fragola, per esempio.
Durex
Ancora Durex.
Dopo l'Extra Large, cosa c'è? ma l'Extra Extra Large, naturalmente.
"Davvero grande". Tutto qua... il claim non dice altro.

12 commenti:

Luz ha detto...

Che carrellata... Complimenti!!

Ariano Geta ha detto...

Alcune sono geniali, tipo la Wonderbra o la campagna antifumo.
Altre mi sembrano un po' eccessive, comunque sempre accettabili, soprattutto se rapportate alle oscenità (queste davvero di bassissima lega) che si possono vedere su tutti i canali mediaset più o meno a tutte le ore del giorno, tiggì (si fa per dire) inclusi. Là davvero si assiste a una mercificazione del corpo femminile davvero indegna, molto più pornografica di un film a luci rosse.

Ettone ha detto...

Durex spiaggia e Nikon con palazzo di allupati sono le due migliori in assoluto... ;)

elgraeco ha detto...

Io trovo orribile la Orange Apple.

Simpatica quella di Playboy. Voglio dire, la rivista vende quello, dopo tutto, accanto alle interviste ai politici e vips. E i tempi cambiano...
Molto carina la Omax.

Intromat ha detto...

Non è facile pubblicizzare certi prodotti senza scadere nel volgare, ma in questo caso direi che ci sono riusciti appieno... con molta creatività ed ironia!

Anche le allusioni sessuali per altri prodotti (es. Nikon) sono sempre sobrie e mai di cattivo gusto.

Ottimo post, come sempre ;)

laFra ha detto...

punto di vista femminile: sembra quasi che le piu' "sobrie" siano quelle relative ai preservativi...la orange apple e' un po' "troppo".

Roberta la Dolce ha detto...

Tutte fantastiche.
Quella del gel Manix... beh... fortina. :P

Dama Arwen ha detto...

Ma sono cretina io, che le campagne della Omax, non le capisco?

GENIALI Boots body cream e Samantha feet cream

Gloutchov ha detto...

Fantastica quella della Durex... la traccia sulla sabbia è emblematica! :D

Simone ha detto...

Alcune sono talmente volgari da infastidire addirittura me! ^^ Carina quella del wonderbra che spacca il vetro, e mi piacciono anche quelle del grandandolo.

Simone

Nicla ha detto...

Quelle della Oman e della Manix lubrificanti non le ho mica capite: qualcuno me le spiega?

Nicla ha detto...

ps ho letto solo ora i commenti addietro...

@Damina anche io sono rinco perchè alcune non le ho capite pure io...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...