martedì 16 novembre 2010

Tutto sommato...

Ok, svelato il mistero.
Dopo anni di attese e battaglie legali legate a noiosissime questioni di lana caprina sui diritti d'autore, arrivano sul catalogo digitale di iTunes i Beatles.
Il loro intero catalogo è già disponibile per il download. Oltre alla possibilità di acquistare singoli brani (1,29 euro) e gli album (12,99 euro cadauno), è disponibile il The Beatles Box Set che contiene tutti gli album registrati in studio, più la raccolta Past Masters.
Il che, ai miei occhi ma credo anche a quelli dei milioni di fans sparsi per il mondo, cambia poco o nulla. Allo stesso prezzo, si comprano i cd (la sola esclusiva di iTunes sembra essere una ripresa live del concerto al Washington Coliseum del 1964), il che fa apparire questo "grande evento" non poi degno di tutto questo hype.
Ma ormai ho imparato a non sottovalutare nessuna mossa commerciale di Apple, che ha comunque imbastito un battage pubblicitario sostanzialmente a costo zero che avrà, a breve o lungo termine, i suoi bei ritorni economici.

Ora ho cose un po' più interessanti a cui badare, ma prima di lasciarvi ecco la mia personale Top Ten dei Fab Four... che, per inciso, giudico i più grandi scrittori di canzonette mai esistiti (prendete questa definizione come meglio credete).

1. Norwegian Wood (da Rubber Soul)
2. Ticket To Ride (da Help!)
3. Eleanor Rigby (da Revolver)
4. With A Little Help From My Friends (da Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band)
5. Nowhere Man (da Rubber Soul)
6. Here Comes The Sun (da Abbey Road)
7. Blue Jay Way (da Magical Mistery Tour)
8. Magical Mystery Tour (da Magical Mistery Tour)
9. We Can Work It Out (b-side di Day Tripper)
10. Back in the U.S.S.R. (da The White Album)

12 commenti:

Marcus ha detto...

Già me lo vedo Steve Jobs sottolineare l’evento al prossimo Keynote vantandosi di quanti brani dei Beatles hanno venduto.
Poi, se uno è un loro fan penso che abbia già i cd, e di certo non ha aspettato l’introduzione nell’itunes store per metterseli nell'iPod.
Tanto rumore per nulla.

Leonardo ha detto...

Che delusione.
La vera novità sarebbe stata l’introduzione di musica in formato FLAC o Apple Lossless, ma per tutti gli artisti presenti su iTunes store!

ps Condivido una buona metà dei brani presenti nella tua Top Ten... anche se ci sono degli esclusi per me irrinunciabili!

sekhemty ha detto...

Si è trattato di una manovra pubblicitaria, che come sempre è ingannevole e mirata al vantaggio dell'azienda che la propone più che al cliente.
A me Apple piaceva molto di più quando faceva solo computer, da quando ha deciso di buttarsi nel mercato di "tutto ciò che fa figo" ha perso un bel pò di punti, almeno secondo me.

Yeeshaval ha detto...

Aple.com mi sembra la pagina personale di Facebook di Steve Jobs.
Che magari sarà anche un grande imprenditore e un genietto del marketing, ma pure un filo megalomane.

PS Non amo particolarmente i Beatles, ma Let it be è uno dei miei pezzi preferiti di sempre.

bit4 ha detto...

Beh, va detto che il cofanetto "fisico" con cd e tutto costa 249 euro (scontato si trova a 199 da alcune parti). Se acquisti dallo store apple hai il tutto a 107 euro, con quel concerto e altro materiale extra... quindi non mi pare un prezzo brutto. Poi io non comprerò dato che ho tutti i vinili, ma comunque, per chi non ha neanche un loro disco e vuole avvicinarsi a una band storica è una buona opportunità.

claudia ha detto...

Ehm... sono l'unica a cui non frega niente dell'aspetto apple e punto tutta sulla top five ?!
1.fool on the hill
2. yesterday
3. eleanor rigby
4. magical mistery tour
5. let it be
e si', sono tuttora i piu' grandi creatori di canzonette mai esistiti sulla faccia della terra

Simone ha detto...

Direi di non sentirmi particolarmente impressionato ^^.

Simone

Simone ha detto...

Che poi, per farti capire, l'hype me l'hai creato te mentre itunes in genere manco lo apro (che scatta). Sei mejo de Steve Jobs! ^^

Simone

Larsen ha detto...

hihiih :D la solita bolla di sapone :D

DaZeroADieci ha detto...

Non la chiamerei solo una bolla di sapone: i Beatles non sono solo una band musicale.
Negli ultimi dieci anni, a discografia ormai congelata, i Beatles hanno venduto più album di tutte le popstar in attività, escluso solo Eminem. Parliamo di centinaia di milioni di copie: una buona fetta di storia della musica, che il catalogo digitale più ampio al mondo si lasciava scappare con un certo imbarazzo. Fino a oggi.

Inoltre, In tutti questi anni sembra che Steve Jobs abbia fatto di tutto per ammiccare ai Beatles. Ha chiuso la causa legale con cifre (pare) astronomiche. Ha mostrato con orgoglio di ascoltare la band di Liverpool sul suo iPod. Ha detto, in un comunicato, di amare i Beatles. Finalmente, dopo anni, Apple ce l’ha fatta. Dopo aver fatto capitolare Madonna (e anche a lei, non dimentichiamolo, era stata persino dedicata un diretta durante il keynote di Jobs), ora anche l’ultimo simbolo della musica è scivolato ufficialmente nel mondo digitale. Il passaggio è completo e, forse, Apple ha scelto proprio l’anno migliore per togliere il CD dal simbolo del suo software musicale.

Nicla ha detto...

La mia top 10 è leggermente diversa ma molte canzoni coincidono con le tue. Io aggiungerei:

Mmmmh....ora che ci penso praticamente tutto il white album!! ^__^

...e molte altre ancora...
No, non riesco a fare una top ten.

ps l'hype è deludente sia per l'aspetto Apple che per l'aspetto Beatles...

Matteo ha detto...

Scusate, ma voglio dire. A me sembra che abbiano messo una pezza a una carenza clamorosa no? È come se io andassi in un negozio di articoli di cancelleria e avessero finito le penne. Poi quando finalmente gli arriva il carico esponessero tronfi un cartello "ABBIAMO ANCHE LE PENNE. DA OGGI!"

A me che interessa della loro battaglia legale e di tutte ste manfrine? Quel che conta è che hanno riparato con anni di ritardo a una loro grave mancanza, capirai che notizia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...