mercoledì 2 febbraio 2011

Idee per un vestito.

Magari già sapete del Survival Blog innescato (non trovo una parola migliore) da Alex dalle pagine del suo blog sull'orlo del mondo, e di quanto il progetto abbia coinvolto, a domino e del tutto spontaneamente, decine di altri blogger che hanno fornito il loro corposo contributo, soprattutto letterario (ma non solo) nel corso delle settimane.
Ora, Alex – molto saggiamente, a mio avviso – ha posto un termine ultimo per il Survival Blog, che chiuderà i battenti e vedrà disegnarsi una conclusione per fine febbraio.
Quando tutto sarà finito e anche l'ultimo blogger avrà inviato il suo contributo, cosa succederà?
La mia opinione, che credo rispecchi quella di parecchi, è che sarebbe un peccato sprecare tutto questo lavoro.
Mettendo da parte qualsiasi velleità di pubblicazione "regolare" da parte anche del più scalcinato degli editori, credo sarebbe una buona idea raccogliere ed organizzare il tutto in un volume, nella duplice versione elettronica (distribuibile gratuitamente attraverso i soliti canali) e cartacea.

E qui entrerei in gioco io (che ho scritto sì e no venti righe del Survival Blog, essendo un ben svogliato appassionato di tematiche survivaliste... ma che ho guardato con interesse al progetto fin dal momento della sua nascita), che mi occuperei di dare una veste grafica alla mole di scritti, fotografie e altro materiale che, da novembre a febbraio, sono piovuti da ogni parte.
Qui sotto vedete solo un paio di idee (ma abbastanza vicine a quella che potrebbe essere una versione finale) di come potrebbe apparire il volume una volta stampato (anteprime ingrandibili con un click).

Gran parte sarebbe stampato in un solo colore, ma inframezzato da quartini in quadricromia demandati all'inserimento di grafica e fotografie, il tutto in una confezione editoriale con copertina rigida da produrre rigorosamente on-demand... a un prezzo che non supererebbe i costi vivi della stampa digitale e, naturalmente, della spedizione.
Da parte mia, ho già dichiarato ad Alex che presterei la mia collaborazione a titolo del tutto gratuito (non avere alcuna pressione derivante dal dover affrontare il mercato e non dovermi preoccuparmi di vendere per sostenermi è già una ricompensa), quindi la questione "dare un bel vestito all'oggetto" è risolta.

Che poi l'operazione possa avere una ricaduta mediatica (con risvolti commerciali) di qualche tipo, è sempre possibile, anzi, auspicabile... ma secondo me, non è questo lo spirito con cui procedere.
In Italia, nel settore della scrittura (ma non solo), non ci sono troppe teste in grado di comprendere una cosa del genere. Non solo non si pensa mai fuori dalla scatola ma la scatola la si butta nel fiume, chiusa in un sacco, con dentro delle pietre.

ADDENDUM. Ho fatto una ricerca sui vari stampatori digitali on-line, e ho isolato tre preventivi, modulati su una prima tiratura di venti copie.
Sono tutti indicativi, in quanto non ho ancora idea dell'effettiva foliazione del volume: diciamo che, per semplificare, mi sono tenuto su un formato 15x21 centimetri, 132 pagine su carta patinata intorno i cento grammi, copertina rigida con plastificazione lucida.

Ilmiolibro.it è il service appartenente al gruppo editoriale L'Espresso e permette, a richiesta, di commercializzare il proprio libro anche sul sito lafeltrinelli.it e nelle librerie Feltrinelli, anche se per ora non ho approfondito le modalità.
Il preventivo è il più alto in assoluto (circa 17 euro a copia), ma consentirebbe di avere ogni pagina stampata a colori... il che, se apre il campo a nuove possibilità creative, rischia di spostare il volume fuori mercato.

Quelli di Pixart.it sono affidabili e velocissimi. È poco chiaro, dal loro form, se facciano o meno distinzioni tra stampa a colori o in bianco e nero, e i loro preventivi variano a seconda dell'urgenza. Se non si ha fretta, venti copie vengono a costare 12 euro l'una. È la proposta più economica tra quelle che ho trovato.

Grafimage ha sede in Brianza, ed è specializzata in stampa digitale di piccole e medie tirature.
Sembrano piuttosto rifiniti, e chiedono di specificare con precisione quante pagine saranno a colori e quante in bianco e nero. La rilegatura che ho selezionato è una classica McCain a filo rete, quindi molto solida e di bell'aspetto. Il costo copia è di 14 euro.

A questo punto... feedback e suggerimenti sono quanto mai bene accetti, per sapere se e come procedere. E deve ancora farsi vivo Alex, che del progetto Survival Blog è mente ispiratrice.
Batti un colpo.

53 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Sarebbe stupendo. L'aspetto grafico di un libro è importante, e già i campioni che mostri in questo post denotano subito il valore aggiunto di qualità che daresti al prodotto finito.
Inutile aggiungere che, per quanto mi riguarda, sono più che d'accordo.

Fra ha detto...

Io non ho partecipato al progetto, ma l'ho parzialmente seguito.
Direi che la tua idea è splendida e mi piacciono molto anche la copertina e l'idea dei quartini in quadricromia da e prospettati...
E secondo me avrà pure qualche ricaduta mediatica.
:)

Matteo Poropat ha detto...

Stupende :! Un volume del genere sarebbe da acquisto istantaneo.
Peccato che il costo di una stampa con interni a colori credo sia parecchio elevato.
Magari ci si informa bene...

Gloutchov ha detto...

FA-VO-LO-SO!!
Sarà sicuramente un volume memorabile e... il costo, se il prodotto finito sarà di grande qualità, è secondario.

@Matteo:
Su lulu, in quadricromia, il mio libro per bambini (200 pagine e oltre) raggiunge i 30eu per copia, con un guadagno personale di 60 cent!

Uapa ha detto...

Mannaggia la peppa, mi sono persa per via, ma questa è proprio una bella idea!
In effetti sarebbe un peccato lasciarlo morire così :-)
Dai dai dai :-)

Davide Mana ha detto...

Splendido.
Da vecchio amante del cartaceo, per il quale il design del volume conta, desidero questo volume, ora, assolutamente.
Facciamolo.

elgraeco ha detto...

Bellissimo.

Matteo ha detto...

Non conosco il progetto (ovviamente :D), però la grafica è davvero bellissima, soprattutto la copertina, che riesce a essere ficcante nella sua sinteticità.
Complimenti davvero.

Matteo Poropat ha detto...

@Glaucho: 200 pagine con quella qualità (nelle foto di Luke) a 30€?!?!?!? OTTIMO!

Matteo Poropat ha detto...

PS - e come ben sa Alex io sono dispostissimo a impaginare il tutto via InDesign, con questa o altre grafiche!

CyberLuke ha detto...

No, no, trenta euro è una follia.
E pochi lo comprerebbero, mentre voglio riuscire ad arrivare a un prodotto stampato bene a un prezzo accessibile per quanti più utenti possibile.
Sto aspettando dei preventivi, ad ogni modo ilmiolibro.it fa prezzi alti ma – dopotutto – non così alti.

Gianluca Santini ha detto...

WOW! *__*

Bellissima grafica, come dice Matteo è da acquisto istantaneo! *__*

Anonimo ha detto...

Questi prewiew sono una gran figata!Solo guardarli mi fa già venire la smania di acquistare il libro.
Il vampirologo che ride

sekhemty ha detto...

Ti faccio i miei sinceri complimenti, hai realizzato una veste davvero bella e suggestiva.
Fra l'altro l'eventuale pubblicazione mi darà la possibilità di leggere approfonditamente tutte le storie dei sopravvissuti, che fino ad ora ho letto solo saltuariamente e in maniera sparsa.
Favorevolissimo al progetto!

Gloutchov ha detto...

@Cyberluke:
Ma come??? Ilmiolibro, del racconto x bambini, mi aveva fatto un preventivo di 38 euro!!

Boh!

Larsen ha detto...

a sto punto, visto quanto e' bello, crepi l'avarizia e la copertina la si fa in lamierato arruginito! :D

30€ al pubblico mi pare cmq poco per un volume stampato in quadricromia... senza contare che la carta, se non e' almeno decente, rischia di farlo diventare un pasticcio inguardabile...

elgraeco ha detto...

Non me ne intendo molto, però preferisco Pixart e Grafimage. Anche immedesimandomi in un possibile acquirente. Io 12-14 euro li spenderei volentieri.
;)

Gianluca Santini ha detto...

Sono d'accordo con elgraeco. I 17 euro de Ilmiolibro forse sono troppi. Non conosco pixart e grafimage: sono semplici stampatori o servizi di print on demand?

Novokane ha detto...

Questi sì che è un volume che comprerei al volo.
Vuoi per la veste grafica che per i contenuti, che – da quello che vedo – mi sembrano intelligentemente fusi in un unico coerente.
Ancor più, è la dimostrazione che basta solo avere un pizzico di talento e voglia di darsi da fare per realizzare un prodotto editoriale degno di rispetto aggirando le solite dinamiche autore-casa editrice (che mica necessariamente garantiscono la qualità del prodotto, come ben sappiamo).

Mi aspetto di vedere questo volume in "vendita" (si può dire?) il prima possibile, ho seguito il Survival Blog e avere tutto raccolto in una confezione così curata mi stuzzica assai.

Ettone ha detto...

ti avrei consigliato Blurb, ma dato che non da la possibilità di fare un mix tra b/n e colori, dovendolo realizzare tutto a colori sarebbe un costo folle per l'intento che avete...

La cosa buona di Blurb è che avendo il negozio interno autogestito ti da la possibilità di metterci un sovrapprezzo...

Ma soprattutto potresti stampare solo le copie che uno richiede e paga... Zero scarti...

Cmq il progetto sembra molto interessante e mi scuso se non ho ancora letto nulla a riguardo...

Riguardo all'editoria, concordo con il Cyber pensiero... ma purtroppo non è un virus che colpisce solo l'editoria ma tutti i settori... Si guarda al guadagno facile a discapito di creatività, innovazione, originalità, etc...

BlackBox ha detto...

Tematiche survival a parte di cui magari non sono una grande fan, questo progetto mi piace e, se non per uso "personale", certamente potrebbe essere un ottimo regalo per un paio di personcine che conosco. ;-)

Poi quello che un po' mi stupisce è come mai non sento parlare di prodotti simili in circolazione, specie negli ultimi anni dove la creatività è finalmente slegata dalle solite logiche di mercato e ci si può autoprodurre (e con qualità) senza troppi problemi.

Ah, Pixart li ho usati più di una volta, bravi, veloci ed economici. Io punterei su loro. ;-)

DaZeroADieci ha detto...

Bellissima grafica e bellissimo progetto, che dovrebbe aprire gli occhi a molti.
15 euro è un prezzo onesto (oltre comincerebbe ad essere una spesa non proprio indifferente), e io lo comprerei sicuramente. Trovo inoltre interessante per gli autori coinvolti la possibilità di poterne ordinare più di una copia per veicolare così i loro scritti, più efficacemente che col solito ebook.
Complimenti a tutti quelli che ci hanno lavorato su.

Alex McNab ha detto...

Eccomi!
Come sempre in questi giorni di delirio lavorativo (ebbene sì: devo anche lavorare, mio malgrado), ho meno tempo per dedicarmi al Web. Ma, a ogni modo, poi arrivo.

Dunque, intanto ringrazio tutti per l'entusiasmo e per le promesse di appoggio/aiuto etc nel realizzare un compendio del Survival Blog.

Ovviamente, ebook a parte (quello si farà al 100%), la versione cartacea invoglia anche me, eccome! Sarebbe innanzitutto un bel ricordo da esporre, e poi anche un prodotto che nell'editoria italiana non esiste né esisterà a breve, visto la gerontocrazia che la domina.

Premetto che io, a differenza di tante leggende urbane, di Print on Demand ne capisco poco :)
Nel senso che i costi di spedizione etc etc sono sempre stati troppo elevati, e quindi io stesso ho utilizzato solo raramente Lulu e Blurb per stampare qualche mio romanzo.

Mi piacerebbe che gente più esperta, come Luca, Matteo e Glauco, riuscissero nel tempo a concordare un nome, un print on demand (o simile servizio) che risulti come la scelta migliore per ciò che ci serve.

A questo punto pongo però anche delle domande pratiche (perché so già che altri le porrano poi, e in tono assai poco amichevole):

1) Quanti SB dovrebbero essere compresi nell'antologia?
2) Escludere qualcuno sarebbe giusto (ai fini della qualità, sì), o ingiusto?
3) Il libro dovrebbe essere commercializzato online, ce ne stampiamo tipo 50 copie e poi uno o due persone si occupano di spedirlo a chi ne fa richiesta?

Direi di stabilire nel mentre le tempestiche:
Questo week end io ed Hell chiudiamo i nostri SB, come ha fatto Davide in questi giorni.
Settimana prossima aprirò una discussione ufficiale sul "post survival blog", per capire chi potrà fare parte del progetto e chi no.

Poi direi di dare il tempo ad altri survivalisti di completare il lavoro di scrittura (diciamo entro febbraio).

Fatto ciò dovremmo avere un'idea chiara e pratica di come e SE agire.

Intanto, lo ribadisco di nuovo, grazie a Luca che si sta sbattendo (e non poco) per avere dei preventivi su cui ragionare!

CyberLuke ha detto...

Per cominciare, dò io la mia risposta alle tue domande.
1) Quanti SB dovrebbero essere compresi nell'antologia?
Quelli che vuoi. Tu (Alex) hai meglio di chiunque altro il polso di quanto e cosa è stato scritto in merito il SB. Se la quantità di contributi è oggettivamente pazzesca, si screma. È doloroso, ma si screma.

2) Escludere qualcuno sarebbe giusto (ai fini della qualità, sì), o ingiusto?
Anche qui, devi accollarti le tue responsabilità :D e rivestire i panni, oltre che di ideatore/autore, di insindacabile giudice. Sempre che (vedi punto 1) ci sia bisogno di selezionare. Una possibilità potrebbe essere mettere qualcosa di tutti. O partire, ma fin dall'inizio, dall'idea che SB cartaceo sarà una selezione, la creme de la creme.
Qualcuno si offenderà comunque? Possibile. Ma non può venire fuori un tomo di 400 pagine, questo è chiaro a tutti.

3) Il libro dovrebbe essere commercializzato online, ce ne stampiamo tipo 50 copie e poi uno o due persone si occupano di spedirlo a chi ne fa richiesta?
La mia proposta è: raccogliamo le "ordinazioni". Anche in via informale: io ne voglio una, io due, io una cassa, grazie. Raggiunto un certo numero (che so, 20? 30?), si fa l'ordine allo stampatore, e lo scatolone arriva a casa tua. A quel punto, batti cassa e spedisci. Il basso numero di copie stampate alla volta riduce al minimo i rischi di defezioni e di copie "invendute" (ma IMHO, un prodotto così si dà via molto facilmente).

Altri contributi ben accetti.

Maxinga ha detto...

Mi sembra tutto piuttosto ragionevole (un plauso a Cyber per la capacità di saper gestire robe anche pratiche come questa oltre che di essere un designer coi controcaxxi), aggiungo solo che al prezzo della stampa l'acquirente dovrà aggiungere un 3-4 euro tra spese di imballaggio e spedizione. ;)

elgraeco ha detto...

A questo punto, tanto vale dire la mia:

1) Decide Alex.

2) Non vedo alternative. Si deve rincorrere la qualità.
È doloroso, ma necessario. Però anche l'idea di inserire "qualcosa" di ognuno non è male. A meno che la qualità sia oggettivamente "pazzesca"... :D

3) Quoto Luca. Prima di rivolgersi allo stampatore si deve avere in mente una quantità precisa.

Alex McNab ha detto...

@Luca: sì, sì, concordo con le prime due tue risposte (sulla terza ci devo pensare) :-) Per questo intendo sondaggiare il "popolo" tramite un post, per capire chi vuole far parte del progetto, chi è interessato almeno nei panni di lettore etc etc.
Settimana prossima lo farò senz'altro.
Un censimento è il modo migliore per iniziare questo pianificazione. Poi, e questo lo so, toccherà a me dire chi ne farà senz'altro parte, e chi invece dovrà smazzularsi un pesante editing, o rinunciare. E lo farò, non ci piove.

TIM ha detto...

Mi unisco ai complimenti per le idee che hai proposto. Ogni tuo lavoro è ottimo per cui alla fine per me va bene quello che deciderai tu. Così come acquisterei volentieri una copia dell'eventuale lavoro cartaceo, che sono sicuro sarà impeccabile se mettete insieme le forze tu e Alex. E' giusto che sia lui a sceglere, scremare, tagliare. Se poi qualcuno farà lo schizzinoso, non deve per forza essere inserito se non ha lo spirito giusto per l'operazione.
Temistocle

Davide Mana ha detto...

Quache idea per complicare le cose.
Premesso che non si fa un volume di 400 pagine, appoggio il suggerimento del padrone di casa, di fare una selezione, e di alcuni autori pubblicare solo degli stralci "significativi".
Poi, il materiale completo si lascia online, e chi è interessato va a legerlo lì.
O se ne fa una compilation scaricabile.
O si include un CD con il libro.

Per la tiratura - si sceglie uno stampatore, si segnala un range di prezzi, si fissa un target (200 copie, 200.000 copie, fate voi), e si raccolgono ordini tramite il web.

Intanto si avvia una lenta ma inesorabile campagna marketing virale sul web... ;-)

elgraeco ha detto...

Quoto Davide, in toto. ;)

Alex McNab ha detto...

Davide è saggio, quindi lo quoto ;-)
Settimana prossima preparatevi a un brainstorming epocale, eh eh eh

sekhemty ha detto...

La necessità di fare una selezione mi pare ovvia, se la mole di materiale è così ampia si andrebbe incontro a costi proibitivi.
Però vorrei anche prendere le difese del potenziale lettore (ovvero io in persona ;) ) e dire che sarebbe piacevole avere un compendio pressochè completo di questo progetto.
Se non è possibile raggiungere questa completezza col carteceo, sarebbe comodo ed utile avere perlomeno un (o più, perchè no) ebook che consenta di non dover navigare tra decine di siti e pagine diverse per poter seguire tutta la storia.
Forse è una soluzione che porterà meno visitatori ai blog dei partecipanti, ma non è nemmeno detto in realtà.

Ariano Geta ha detto...

lampidistampa.it, che è anche editore e fornisce il codice isbn, per un volume di 100 pagine formato tascabile (14 x 20,5), richiede 106 € per 20 copie in b/n, che diventano 251 € nel caso che le pagine interne siano a colori.
Non so se 100 pagine siano sufficienti vista la quantità dei contributi (anche facendo selezione come è stato proposto), e non so neppure la qualità della stampa poichè non ho mai provato questo servizio di p.o.d.
Comunque era per aggiungere qualcosa alle varie opzioni.

CyberLuke ha detto...

Grazie Ariano. Ho appena consultato Lampi di stampa.
Ha costi interessanti, ma è il più nebuloso in termini di ciò che otterrai. Non ho trovato alcuna opzione per la scelta del tipo di copertina, rilegatura, carta o finitura... ma magari non ho cercato bene.
100 pagine sono poche. Un preventivo di massima con loro, 130 pagine a colori, fa schizzare a 348 euro + spese di spedizione per 20 copie, come Il Mio Libro.

@Davide: un minimo di "lancio" pubblicitario è d'obbligo, anche se i mille e passa accessi giornalieri di Alex sono un ottimo trampolino. ;)
Allegare un cd aumenterebbe i costi e i tempi d'allestimento. Già mi vedo Alex che smadonna a scrivere gli indirizzi sulle buste e a incollare i francobolli. :D
Ma un link ad un compendio totale è facile da attuare... no?

Mauro ha detto...

Io prenderei il volume a qualunque dei tre prezzi detti; onestamente, anche a qualcosa in piú, perché il progetto mi ha preso e ci sono legato.

Per quanto riguarda il come: decide Alex e sí, si screma. Su questo sono totalmente d'accordo.

P.S.: vi odio tutti. Da quando ho iniziato a seguire Alex e il SB il numero di blog che seguo è tipo decuplicato.

CyberLuke ha detto...

Minchia quanto è fatto male il sito di Lulu.com.
Chi l'ha progettato non capisce una mazza di usabilità.
Ti fanno passare la voglia, ed è l'unico sito di print on demand che rende cervellotico anche la semplice creazione di un preventivo.
E poi, avete mai scaricato uno dei loro template?
Cazzo, da prenderli a calci.

Taka ha detto...

guardando la tua impaginazione mi è venuta in mente una cosa...
visto che pensavi a una stampa a colori hai pensato a qualche illustrazione interna per arricchire il tutto??
nei miei raid in libreria nel settore bambini/ragazzi ho visto alcuni libri molto carini con impaginazione con fondo e stampa monocromo come vedo sulla tua pagina. :)

credo che qualcosa qual e là a metà tra i tuoi "schizzi" di donne al tratto e questa (che è solo una bozza tonale di una immagine) non starebbe malaccio:
http://img547.imageshack.us/img547/5734/ashamono.jpg

se ti va se ne può parlare, anche se non saprei i tempi.

Taka ha detto...

perchè mi tronchi il link lì sopra non saprei, comunque basta aggiungere un jpg alla fine. -.-

MyADVlife ha detto...

Attenzione a stampare su grafimage e pixart perchè rispetto ad altri servizi non ti danno in automatico i codici isdn
se trovate un piccolo editore potreste anche dare un codice al vosto libro e non dovervi preoccupare della commercializazione e spedizione in quanto può passare tramite i soliti canali tipo ibs o feltrinelli.

il vostro ruolo sarebbe solo diffondere il link all'ecommerce per promuovere il tutto.

Nick ha detto...

Innanzitutto vorrei fare i miei complimenti a Luke,visto così il volume sarebbe bellissimo.Mi fa già venire voglia di comprarlo.

Andrea ha detto...

Ho seguito il progetto nel suo svolgersi, una sola parola!!! SPETTACOLARE!!
Sarebbe un'eresia non provare a svilupparlo in senso editoriale.
Complimenti a tutti i protagonisti di questo "Survival Blog"

Cristiano ha detto...

Bellissimo l'aspetto grafico! Il vantaggio de ilmiolibro è che ognuno se ne puo' ordinare quante copie vuole e quando vuole senza costringere Alex a spedizioni multiple-
L' unica cosa che mi irrita è che quando SB...penso ad un altra cosa !

Mr. Lunastorta ha detto...

Ottima idea! ;-)

Messer Sottile ha detto...

Complimenti per la grafica. Ho seguito il progetto e mi piacerebbe avere la copia cartacea. Vi seguo in attesa della decisione definitiva.

Complimenti anche a tutti gli autori.

marina ha detto...

I prezzi sono interessanti, le due grafiche di prova, invece, sono da urlo!
Se lo comprerei? Certo che sì, lo comprerei anche se il mio SB dovesse rientrare solo in forma tronca (cosa che spero taaaanto non accada).

Il pregetto è nato in maniera strana, ha preso una piega bellissima e la conclusione cartacea e via e-book non può che fare piacere!
Can't wait for it!

Quanto alle grandi domande sullo scemare e tagliare, temo che la risposta debba essere sì, almeno per il cartaceo (l'e-book enciclopedico mi ispira molto, invece), e che la responsabilità (con meriti e ire funeste annessi e connessi) debba ricadere sul buon Alex, che ha dato il via a tutto.
Per la stampa invece quoto Davide (si sceglie uno stampatore, si segnala un range di prezzi, si fissa un target e si raccolgono ordini tramite il web).

Zeros

marina ha detto...

D'ho, non era "scemare" ma "scremare", ora mi perdo anche le r T.T

MAX (a.k.a. Massimo Mazzoni) ha detto...

Bellissima idea e ottima grafica. Per me andrebbe bene la selezione per il volume cartaceo ed edizione integrale su web tramite ebook o magari con un ipertesto per navigare tra tutte le storie in modo omogeneo.In questo secondo caso non sarebbe necessario un grosso editing, in modo da preservare l'idea di precarietà e l'urgenza di scrivere durante una apocalisse gialla.

Andrea Pettini ha detto...

...ancora una volta è lo spirito del Do It by Yourself che prende il sopravvento...e - al di la dei contenuti, che possono piacere o non piacere -, come si fa a non supportare un'operazione così punk?
Gabba Gabab Hey!!

Fra ha detto...

io lo comprerei il cartaceo e farei anche un post per pubblicizzarlo con i 10-20 lettori del mio blog... :))
dai, facciamolo!! (mi ci metto pure io anche se non c'entro!!)

Ferruccio gianola ha detto...

Non posso che quotare i commenti precedenti per quanto riguarda la grafica:-)

Ma forse sono superfluo:-)

CyberLuke ha detto...

@Ferruccio: no, certo che no.
Volevo(amo) dei feedback su questa cosa, quanto più numerosi possibile, e sono contento che anche tu dica la tua.

Angelo ha detto...

In estrema sintesi.
1) Il lavoro di cyberluke mi fa gocciolare bava, peggio di un
Giallo davanti a un umano sanguinante;
2) Per un libro fatto in questo modo e con i contenuti che già
conosco del SB, 20 euro non sono troppi. Al netto delle spese di
spedizione, of course;
3) Credo utile differenziare versione elettronica e versione
cartacea. L'e-book dovrebbe essere omnicomprensivo (come si possono
gestire i filmati?), il cartaceo selezionatissimo. Meglio meno
pagine e una qualità elevata;
4) Per quanto riguarda il pezzo che ho sviluppato io, Alex può
tagliarlo / escluderlo quando vuole. No problemo!

Alex McNab ha detto...

Lunedì continuiamo a fare un po' di brainstorming "dalle mie parti", per quel che concerne l'editing e il censimento dei partecipanti ;-)