mercoledì 9 febbraio 2011

Voi che dite?...

Non sono tra chi divinizza J. J. Abrams, ma di sicuro guardo con occhio attento ogni sua produzione e ogni suo progetto televisivo e cinematografico, non fosse altro perché – almeno per ora – le case di produzione gli lasciano libertà quasi illimitata, visto che nel suo curriculum figurano cosucce come Alias, Lost, Fringe, Mission: Impossible III, Star Trek e Cloverfield e sul caminetto di casa sua ci sono a prendere polvere un Emmy e un Golden Globe.

Il teaser trailer di Super 8 (qui sotto), in uscita mondiale contemporanea il prossimo 10 giugno, non mi pare così dissimile da tanta roba che, più o meno nel momento in cui al cinema iniziano a scorrere i titoli di coda, si è rivela essere un'immensa cazzata... ma, come ho detto, a uno come Abrams sono (ancora) disposto a concedere il beneficio del dubbio.

Il fatto è che Abrams, in un modo o nell'altro, strizza spesso l'occhio (quando non pomicia sfacciatamente) con la fantascienza, ed è rimasto uno dei pochi a farlo.
Chi credeva che Avatar avrebbe fatto rialzare la testa al genere si è sbagliato, come abbiamo visto ad un anno dalla sua uscita nelle sale: quante pellicole fantascientifiche avete visto uscire negli ultimi dodici mesi? Tron Legacy, Splice, Predators (tutta roba che – tra l'altro – era già in avanzata fase di postproduzione ai tempi degli sfracelli di Avatar)? Qualcuno conta anche Iron Man 2?

Le ragioni di queste vacche magre sono molte ma io mi sento di indicare le cause nella mancanza di coraggio di produttori ma anche di autori di uscire dal "seminato" di quanto sembra tirare al botteghino (cioè vampiri, commedie a basso costo, eroi in calzamaglia, ancora vampiri e – qua e là – qualche thriller mutuato da un romanzo di successo), al "tradimento" del sogno di una nuova epopea spaziale che gli USA non ci hanno più regalato impegnati com'erano a combattere le Guerre Preventive e le Guerre del Petrolio, alla miopia di tanti registi che sembrano non riconoscere decine se non centinaia di potenziali validi soggetti in altrettanti racconti e romanzi di ottima fantascienza prodotta tra gli anni cinquanta e settanta e, naturalmente, a Will Smith e Tom Cruise, che per motivi che nulla hanno a che fare col cinema, hanno finito col monopolizzare coi loro faccioni fuori posto i (pochi) film di questo genere.

Di tutto lo scorso decennio, varrà la pena ricordare District 9, Moon, Cloverfield, Equilibrium, Sunshine, Natural City, e, forse, uno dei Cube.
Chissà che Super 8 non dia la spinta che serve a un genere per rimettersi in moto.

14 commenti:

Gloutchov ha detto...

chissà!

Alberto Camerra ha detto...

Adoro J. J. Abrams. Il suo stile inconfondibile ne fa per me un maestro da seguire con passione.

Matteo Poropat ha detto...

Il primo teaser era meno Spielberghiano di questo uscito per il super bowl.
Il che potrebbe pure essere un bene, che una fusion tra JJ e Spielberg chissà cosa può portare.

LUIGI BICCO ha detto...

Non sopporto troppo troppissimo Abrams, ma devo ammettere che è un grande uomo di marketing e che di regia, comunque, ne capisce eccome. Non aspetto con ansia i suoi nuovi film, di solito (a parte il prossimo Trek movie :)

E' vero! Il figlio di Bowie ha fatto un grande lavoro con Moon. E' davvero un bel bel film (in giro c'è già il trailer del suo secondo lungometraggio, Source Code, che promette nuove faville).

Tra i film del genere che rimarranno, ci infilerei dentro anche I Figli degli Uomini (che a me è piaciuto non poco) e Wall-E della Pixar (anche se è d'animazione).

Anonimo ha detto...

Io sono un po' pessimista. :-/
Magari sarà bello, le immagini ma il trailer trasmesso al Super Bowl, rispetto il teaser, è riuscito a farmi calare l'interesse, piuttosto che ad aumentarlo.
Le prime immagini, col bambino in bici, la musica tanto melodica e la scritta steven spielberg sembrano uscite dritte da ET... chissà.

BlackBox ha detto...

Intanto da grafica dico: il poster non è niente di che. :P

E poi, devo aver letto da qualche parte che è stato dichiarato da Abrams stesso che il film è proprio un prodotto per rendere omaggio ai film di Spielberg degli anni 70, come appunto ET e Incontri Ravvicinati...

Fox ha detto...

Condivido parecchio della ua analisi sulla crisi del cinema SF, ma in realtà qualcosa, oltre Super 8, si sta muovendo.
Abbiamo visto le scorse settimane uscire Skyline (brutto, lo riconosco), e nei prossimi mesi sono attesi "World Invasion: Battle Los Angeles" e "Cowboys and Aliens", con cowboy e indiani combattere assieme contro un invasore alieno... quest'ultimo, in particolare, sono davvero curioso di vederlo, credo che esca ad agosto negli USA.
Su "Super 8" condivido i timori di molti, l'impronta sembra spielberghiana e rischia di assomigliare più a un ET "cattivo" che a Cloverfield, però non per questo non lo si va a vedere... ;)

Simone ha detto...

Al cinema la fantascienza esiste ancora, anche se il livello non è sempre il massimo. Principalmente credo che la fantascienza "vista" attiri di più di quella "letta" per via di effetti speciali e scene d'azione che caratterizzano il genere.

Questo trailer non mi ha detto nulla, un po' troppo generico per capire anche solo di cosa si parla.

Simone

CyberLuke ha detto...

World Invasion ha un trailer che sa parecchio di già visto, ma chi se ne frega: l'idea di una specie di Guerra dei Mondi ibridato con Independence Day ma senza quell'idiota di Will Smith che prende a cazzotti gli alieni, mi intriga assai.

Cowboys and Aliens potrebbe essere una bella sorpresa. E Ford e Craig mi piacciono.
Peccato dover aspettare ancora dei mesi.

Alex McNab ha detto...

Abrams è bravo, anch a vendersi.
Il viral marketing per Cloverfield si è dimostrato assai più valido del comunque godibile film.
Spero solo che questo "Super 8" non puzzi troppo di ET.
Sono finiti i tempi in cui mi piacevano gli alieni buoni.

Francesco Sternativo ha detto...

ti ricordi quanto c'é piaciuto Alias quella volta a casa tua? :D

CyberLuke ha detto...

@Francesco: e come no. E comunque eravamo a casa di Matteo.
@BlackBox: ti quoto. Il poster è del tutto anonimo.
@Alex: a me sono i bambini che irritano nei film. Di qualsiasi genere. Dovrebbe esserci una legge che vieta di usare i bambini nei film. Specie quelli spocchiosi, iperviziati e petulanti.

Fra ha detto...

ti lascio un commento inutile, perché non guardo questo genere di film :))

La firma cangiante ha detto...

Io lo guarderei più per Abrams che non per Spielberg che pure ha fatto ottime cose in ambito diverso. Dirò un'eresia ma la sua fantascienza (quella di Incontri ed E.T.) mi prende davvero poco.

Invece Alias e Lost le ho amate... devo rimediare per quanto riguarda Cloverfield che ancora non ho visto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...