mercoledì 2 marzo 2011

Ciò che è veramente triste.


Alphadesigner (pseudonimo di Yanko Tsvetkov, designer che vive e lavora a Londra) ha, come tanti, un suo sito e una sua pagina Flickr dove espone le sue fotografie e le sue cose... dove sono finito per il solito rimbalzo di link.
Ma non è per le sue – peraltro discrete – abilità grafiche che voglio segnalarlo, no.
Il fatto è che dalla sua pagina Flickr si accede facilmente al suo blog, e lì ho trovato QUESTO, da cui è tratta anche l'infografica che ho malamente tradotto e postato qua sopra.

Sapete, è sempre interessante sbirciare come gli altri – con o meno il diritto di farlo, come mi ricorda Matteo – ci vedono.
E, al di là dei sorrisetti amari che può strappare la sua vignetta, a leggere il suo post c'è (ancora) di che riflettere.

Winston Churchill disse una volta che la Russia è un enigma avvolto in un mistero all'interno di un enigma. (...) Se c'è un paese in Europa per il quale oggi vorrei usare questa brillante definizione per la brillante, è sicuramente l'Italia. È un paese strangolato da controversie. È considerata una delle democrazie più avanzate del mondo, ma la sua vita politica assomiglia a una soap opera gerontofila, più adatta agli ultimi giorni della Roma Imperiale. È stata la culla del Rinascimento europeo, ma oggi è politicamente paralizzata dalla sua mancanza di unità e dal provincialismo soffocante.

L'Italia contemporanea sembra essere la proiezione di un'idea geografica (una nota, vecchia frase di Metternich, ndt), più che culturale... ma questo vale anche per Spagna e Belgio, però nessuno di questi paesi ha prodotto nulla di anche lontanamente simile a Silvio Berlusconi. È davvero unico, con specialità solo italiane. (...) La cosa scioccante è la sua mancanza di altre qualità tipiche italiane che possano compensare i tratti negativi: se solo avesse potuto, per esempio, ospitare uno spettacolo di buona cucina, o scolpire opere d'arte o scoprire qualche oscuro satellite di Giove.

Ma vi è un altro, ancora più sconvolgente paradosso: tutti gli italiani che conosco, se devo fidarmi delle loro parole, sono assolutamente contro di lui. Eppure il vecchio è ancora al potere, e non grazie ad un colpo di stato. È stato regolarmente eletto. Diverse volte. Probabilmente dalle stesse persone che, giurando sulle tombe delle loro madri, si proclamano suoi oppositori. La cosa triste è che la sua immagine pubblica è vicina a diventare sinonimo di quella dell'italiano, in tutto il mondo. E questo è triste, non importa da quale lato dello spettro politico si vede.

16 commenti:

laFra ha detto...

...almeno nn ci e' andato pesante su come vede l'italia..."mamma mia" e' molto soft...considerando le ultime denuncie ;p

Ariano Geta ha detto...

Tutto vero, ma resta il fatto che la nostra classe politica (anche prima di Silvio) non ci hai mai ben rappresentato all'estero. Lui è l'apice negativo, ma anche Andreotti (per dirne uno) l'ho sentito definire in termini poco lusinghieri da vari politici famosi.
Diciamo che i nostri politici sono ambigui, ed è una vecchia tradizione. Non è un caso che l'Italia nella I Guerra Mondiale combattè contro l'Austria pur essendo legata da un'alleanza proprio a quel paese, e nel corso della II fece una repentina giravolta passando dalla Germania agli Stati Uniti...

Uapa ha detto...

L'Italia è un paese splendido.
Ma amministrato da schifo.
Se un giorno troverò anche un solo parlamentare in grado di rappresentarmi, uno solo che creda nelle sue idee e nel suo amore disinteressato per questo paese, diventerò la sua schiava ben volentieri.
Ma per il momento mi danno tutti la nausea!

Gloutchov ha detto...

No comment... è meglio.

Larsen ha detto...

la classe politica di una civilta' democratica ne e' la sua diretta espressione.

i mali dell'italia son ben piu' profondi di un qualsiasi berlusconi, anzi, berlusconi non e' altro che un figlio di questi mali.

e' inutile continuare ad additare "lui" come fonte di ogni male, quanto piuttosto prendere atto che sono gli italiani la rovina dell'italia.

e attenzione, l'inettitudine dell'attuale opposizione e' anch'essa emblema di questo stato di fatto.

qualsiasi altro popolo, con sotto i piedi la storia del mondo (occidentale), sarebbe degno... noi, gli italiani, ormai siamo un popolo di indegni.
che scendiamo in piazza per due zoccole, ma non per la disoccupazione, che scendiamo in piazza per difendere fantomatici diritti, quando la fonte stessa di quei diritti ormai scarseggia, che scendo in piazza per l'orgoglio di qualsiasi cosa/gruppo, ma che non sono in grado di farlo per il proprio di orgoglio.

e' un paese da barzelletta, e' vero, ma la colpa non e' della classe politica/dirigente, quanto di quelli che hanno permesso, aiutato, appoggiato e realizzato l'attuale sistema paese.
e, no, non e' stato il tuo vicino, oppure quell'altro che non conosci tanto bene, no, sei stato proprio tu che leggi, chiunque tu sia, ed io che scrivo.
quindi se devi proprio ringraziare qualcuno, o prendertela con qualcuno, per la situazione odierna, trovati uno specchio, e sfogati pure, prenditi anche a manganellate se pensi che questo aumenti la tua autostima... ma non dare la colpa ai frutti: se son cattivi la colpa e' della pianta, e prima ancora, del contadino.

Simone ha detto...

Berlusconi (o qualsiasi altro politico vi stia antipatico) e' un sintomo e non la malattia. E finito lui (il 6 Aprile?) io ho paura che staremo anche peggio.

Simone

Matteo ha detto...

Sono perfettamente d'accordo con Larsen. E aggiungo che l'Italia con Berlusconi ha un'occasione unica: quella di vedere in modo inequivocabile tutti i suoi mali, come fossero sotto una lente di ingrandimento. Se questa occasione verrà sfruttata per liberarsi dei mali (cosa di cui dubito) allora il Paese ha una speranza. Ma se si pensa che una volta eliminato Berlusconi i mali cesseranno, allora la fine sarà definitiva.

claudia ha detto...

non per niente il buon franco battiato scrisse una (bellissima) canzone chiamandola "povera patria".
mi sento in disarmo...
l'unico anelito di vita l'ho visto nella manifestazione "se non ora, quando?" che, per quanto anacronistica e forse anch'essa del tutto inutile, se non altro mi ha fatto sentire viva e parte di un movimento che non ci sta.
che poi questo movimento possa avere anche un peso politico, e' tutt'altra storia.

CyberLuke ha detto...

È che io mal tollero di essere squadrato in un certo modo (quando non mi ridono apertamente in faccia) quando mi avventuro oltre gli italici confini, a causa di un colluso manipolatore puttaniere che ha definitivamente sputtanato l'immagine del mio Paese.
E, sì, anche se a farlo è gente che ha governi coi loro pannucci sporchi da lavare.

LUIGI BICCO ha detto...

Beeeeeello!
E bravo Tsvetkov! Bellissime le sue matrioska. Sulla cartina vista dal Berlusca, ahimè, anch'io sono costretto a timbrare il mio "no comment".

Luca B ha detto...

Che Berlusconi sia stato "democraticamente" eletto è tutto da vedere.

Intanto, come ha ricordato Umberto Eco propreio in Israele pochi giorni fa, anche Hitler è stato democraticamente eletto.

Poi la concentrazione dell'informazione, o meglio, della comunicazione in Italia è anomala. Abbiamo un unico soggetto proprietario di televisioni private e che controlla di fatto televisioni pubbliche, nonché proprietario di giornali a tiratura nazionale e agenzie di pubblicità.

Ce lo vedete Obama proprietario di CNN, Fox, New York Times, annessi e connessi? O la Merkel proprietaria di televisioni nazionali tedesche o Sarkozy di quelle francesi?

In una situazione del genere, cioè senza informazione libera, ma sommersi di comunicazione televisiva, dubito che si possa parlare di democrazia, così come non si può parlare di economia di mercato se c'è monopolio.

Quanto al fatto che Berlusconi sia stato votato dalla maggioranza degli italiani, parliamone.

Alle ultime elezioni l'astensione è schizzata al 40%.

Si è mantenuta costante dal dopoguerra ai primi anni '80 intorno al 6-7%, poi quando è cominciato a venire fuori il malaffare craxiano, tangentopoli ecc. è cresciuta costantemente fino al 20% del 2008, ancora un livello accettabile.

Adesso abbiamo che una coalizione votata dal 30% degli aventi diritto ha occupato il 60% dei posti in Parlamento (grazie anche ad una legge elettorale truffaldina con premi di maggioranza sproporzionati di cui nessuno parla, legge votata, ahimè, anche da quegli imbecilli che si fanno chiamare opposizione che pensano di essere furbi e intelligenti, e invece collezionano prese per i fondelli da che hanno provato a "dialogare" con Berlsconi.

Abbiamo un presidente del consiglio che, evidentemente ignorante di matematica, afferma di essere stato votato dalla maggioranza degli italiani, quando sì e no un elettore su cinque avrà votato per il suo partito.

Poi vabbè, abbiamo una opposizione che si oppone più che altro a sé stessa, che non sa mettersi d'accordo nemmeno sul colore dei calzini, alla quale, come a Berlusconi, sta benissimo il 40% e più di astensioni, così comunque conserva qualche posticino in Parlamento e non deve nemmeno rendere conto agli elettori.

Ma insomma, non si vada in giro a dire che Berlusconi è stato democraticamente eletto dalla maggioranza degli italiani.

Anonimo ha detto...

...ok "Illo" non è stato eletto con metodi democratici, ha le televisioni e gli ItaGliani sono Tele-rinco .....
ma il Circo Barnum chiamato Oppo+sizione ha capito che ruolo ricopre ?
o aspettano TUTTI di finire la Legislatura per la Pensione !!???

non diamo solo la colpa alla legge elettorale Porcellum..!!

...

CyberLuke ha detto...

La questione della presunta "maggioranza" che avrebbe eletto a furor di popolo il premier è stata messa in luce altre volte.
Eppure il messaggio che passa, e che lui vuol fare passare, è che a più della metà degli italiani sta benissimo che lui stia dove sta: vox populi, vox dei.
E invece è solo l'ennesima cazzata che rivende al Paese con lo stesso sorriso di un venditore di macchine usate.
Il guaio, come dite in parecchi, è che noialtri, in fondo ma neanche tanto, ce lo meritiamo e, peggio, ce lo teniamo.
E, tra l'altro, non sperate nel processo Ruby.
In Italia ci sono tre gradi di giudizio che porteranno la cosa a trascinarsi per anni, ben oltre la fine di questa legislatura, durante i quali "lui" continuerà a proclamarsi vittima di un complotto e parecchi, anche se non tutti, gli crederanno.
La fede è fede.

La firma cangiante ha detto...

Non ci sono più speranze ragazzi, è quasi inutile star qui a parlarne. Anche io mi interrogo su cosa si possa fare ma non riesco a trovare risposte.

Sono d'accordo con Larsen. E' colpa nostra. C'è chi ne ha di più e sicuramente chi ne ha di meno, l'onestà ha ancora il suo peso e gente quantomeno onesta ce n'è ancora. Ma avremmo dovuto tutti svegliarci prima.

La politica ce la possiamo scordare. Non esiste. Le maggiori forze politiche della sinistra appoggiano e vengono appoggiate a loro volta da gente che è la copia sputata di Berlusconi.
E qualcuno ancora li vota pensando che siano dalla parte dei deboli, dei lavoratori. Cazzate, non gliene frega niente a nessuno.

L'unica soluzione lontana anni e anni può venire dalle masse stufe.

Qui ancora non si muore di fame e quindi niente... aspettiamoci il peggio.

Lo so, sono un inguaribile ottimista, non so che farci :)

Anonimo ha detto...

l'italia, come tutta l'europa, e gran parte dell'occidente, è controllata dalle lobbies bancarie, le quali altro non sono che il braccio economico dei trafficanti (d'uomini, donne, organi, armi, droghe). non serve indignarsi nè tentare patetiche manifestazioni. la dittatura si stende su tutto il mondo, noi siamo fortunati perchè, almeno e per ora, abbiamo il piatto pieno e il riscaldamento d'inverno. berlusconi (e le sue scenette) è utilissimo per distogliere l'attenzione nostra e dell'opinione pubblica europea dai veri tiranni che fanno il bello e il cattivo tempo indipendentemente da chi ricopre la carica in un dato momento. vale la pena di farsi valere singolarmente piuttosto che arrabbiarsi per come è stata usata un bandiera che porta tutti i segni di una salvietta da toilette.

Fra ha detto...

mamma mia, quando penso che ci accomunano tutti a lui, mi viene il voltastomaco! oltretutto ho appena scritto una cosa su di lui, quindi il voltastomaco ce l'ho già!!
comunque non so cosa accadrà quando riusciremo a sbarazzarci di quest'"uomo", però credo che uno che mi fa vergognare di essere italiana tanto quanto lo fa lui non possa esistere.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...