martedì 26 aprile 2011

Bondage Syndrom.

Solo questa e poi basta.
Giuro.
Per un po'.
La tipa bionda, essendo un patchwork di almeno una dozzina di parti diverse, non esiste, quindi non iniziate a menarmela. Nessuna modella è stata maltrattata per creare questa illustrazione.
Dimensioni originali: 1097x3118 pixel. Livelli... non so, stavolta ho davvero perso il conto.

18 commenti:

Maddux Donner ha detto...

Bel lavoro... tutto in photoshop?? O____o

Maura ha detto...

Beh al di là del soggetto che può piacere o meno (e in genere a me non piace), l'illustrazione, se così si può chiamare essendo tutta digitale (credo... no?) è molto ben fatta, belle le luci, la composizione e tutto il resto...
Una cosetta più pasquale no? ;)

Raziel ha detto...

Notevole.
Quanto ci hai messo, se posso chiedere?

LUIGI BICCO ha detto...

Ellapeppa! Belle luci. Per aver preso e assemblato parti di corpo diverse come un novello Frankenstein dei giorni nostri, non te la sei cavata affatto male :)

Forse la coscia risulta più corta di quanto dovrebbe, ma forse anche no. Forse è solo una questione di papille gustative interrotte (Elio docet :)

Taka ha detto...

eh insomma, diciamo che qualche problema anatomico e con le luci ce l'ha cyb. ;)

ma bell'idea.

BlackBox ha detto...

Ma te sei matto! :D :D :D
Stamattina arrivo in studio, accendo il computer, mi collego, vado sul tuo blog... e a tutto schermo mi appare 'sta tipa appesa come un salame!
M'hanno vista almeno due colleghi e forse pure il boss... ahahahahah chissà che avranno pensato....
Cmq bel lavoro!

NeverEndingStory ha detto...

Mi piace molto. Ma proprio tanto.

L'effetto "vintage" con la desaturazione è voluto o è un problema del mio schermo (o della mia immaginazione)?

Simone ha detto...

Mi pare un ottimo lavoro. Però come immagine è un po' forte, non so se tutti i tuoi lettori (ormai ne hai tipo 10 volte più di me) l'apprezzeranno ^^.

Simone

CyberLuke ha detto...

È tutta in Photoshop, e ha richiesto qualche sera di lavoro... forse quattro, in totale, senza fretta.

Non volevo che avesse un aspetto volgare o particolarmente perverso, quindi ho accentuato la desaturazione di soggetti e ambiente e ho cercato di accentuare i toni ironici di tutta la composizione...
mi chiedo se ci sono riuscito. ;)

lasacerdotes ha detto...

A me non sembra volgare, semmai un po' forte come dice Simone, ma considerando che è un fotomontaggio ci sta, non credo neppure che una donna possa stare così perfettamente perpendicolare e composta appesa in quel modo!

claudia ha detto...

boh...che ti devo dire ? per quello che puo' valere il mio giudizio, a me ste cose continuano a non piacere, chiamami puritana se vuoi, ma proprio non riesco ad appassionarmi a vedere una appesa cosi', anche se posso capire che c'e' qualcuno a cui piace farlo/vederlo.
ovviamente sul lavoro artistico non ci capisco un granche', ma mi piacciono molto di piu' altre cose che hai fatto in passato.

dandia ha detto...

Ho perso un po' di tempo a cercare di capire come nella realtà il corpo di questa poveretta si sarebbe posizionato.
Il problema non è dei più semplici: un corpo non rigido ma parzialmente irrigidito, vincolato a più punti esterni... Il tronco non sarebbe verticale, le gambe meno piegate, il viso gonfio e paonazzo.
Capisco che dal punto di vista estetico questi aspetti possano essere secondari, ma servirebbero per farmi sembrare la scena più credibile.
Per il resto posso dire solo che il salame col caffè mi risulta indigesto e che spero che tu tenga fede al tuo giuramento!

Andrea_Pettini ha detto...

Solo per intenditori!

Angel-A ha detto...

Uahahahah Felix sulla tazzina da caffè è un dettaglio fighissimo ^_____^

Nicla ha detto...

il corpo è un po' sproporzionato...es più lampante coscia gigante e caviglia stecchino?? :)

carlotta ha detto...

mai e poi mai mi farei incaprettare come la poveretta (seppur virtuale) dell'illustrazione.
ma ammetto che col corpo umano si possono creare vere e proprie sculture e capisco chi è affascinato da questo aspetto.
per il resto, capisco poco di photoshop e mi avresti potuto dire che era una modella vera e ci avrei creduto senza troppi problemi.

Yeeshaval ha detto...

A me le bondaggiate del Cyber garbano assai, e questa spacca.
La tipa appesa e bondata sembra parlare nonostante il bavaglio, e lo sguardo dell'altra vale più di mille discorsi.
Poi la carta da parati, il quadro, il dettaglio della tazzina fumante, la bruna e la bionda, il taglio superverticale, tutto.
Va letto con gli occhi giusti, è un gioco.

Nussy ha detto...

Ti dirò, la spalla mascolina mi inquieta... con tanto di vena alla Stallone! ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...