mercoledì 20 aprile 2011

EOS400, primi passi.

Devo ancora prendere la mano con un sacco di cose, i valori di apertura del diaframma per me sono solo numerini che cambiano nel mirino, non ho capito perché le foto con luce artificiale vengono gialle anche se imposto il bilanciamento del bianco, perché gli ISO certe volte li posso cambiare e altre no, e parecchio altro ancora.
Per il momento, ringrazio Maria per essersi prestata al mio primo shooting con la nuova Canon su esseri umani (il precedente era sui miei gatti, che di stare fermi non c'era verso) e ringrazio – naturalmente – Photoshop che mi permette di sistemare un sacco di roba a scatto avvenuto.
Restate nei paraggi per vedere qualche progresso.

13 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Attendiamo e vediamo cosa riesci a elaborare... (ricordati che siamo molto esigenti ;-)

Christian ha detto...

Insomma un classico shooting, se non fosse per pistole e katane che spuntano qua.e là... ma che aggiungono carattere! :D
Continua a mostrarci i tuoi scatti.

Ettone ha detto...

FINALMENTE... Se prima o poi farai un giro da queste parti ti farò un corso accellerato di "numerini vari"...

Maura ha detto...

Mi aspettavo donnine "in distress" e invece mi stupisci con pose aggressive e seducenti... un esperimento interessante, ma per affinare la tecnica hai provato a leggere il manuale? ;)

barbara ha detto...

Complimenti al fotografo e alla modella.
Aspettiamo nuovi scatti!

Vale ha detto...

Molto belle, e bello anche il nuovo header lost-style.
Si vede che hai un sacco di cose da dire, a livello visivo, è sempre un piacere passare da queste parti.

Anonimo ha detto...

Puoi sempre lasciare in automatico la gestione degli ISO, non salire mai sopra gli 800 e molto più facilmente utilizzerà i 640 o i 500 piuttosto che il massimo della gamma, sempre che le luci lo consentano, l'obiettivo sia sufficientemente luminoso e la lettura esposimetrica sia corretta.

Davide Mana ha detto...

Belle foto.
Ti invidio la modella più della macchina ;-)

Se posso permettermi un suggerimento - la documentazione della Canon è buona ma su certe cose (tipo il bilanciamento del bianco o altri "dettagli") è un po' carente.
Io ho trovato molto utile la "Expaded Guide" della PIP... la si trova su Amazon per una decina di euro.
Di fatto, è il manuale che hai trovato nella scatola, ma ampliato, annotato ed illustrato, e di dimensioni tali che non ci si deve cavare gli occhi per leggerlo.
Molto molto utile.
Ne esistono altre versioni ed edizioni, ma l'idea di base è - procurati un manuale "serio" e specifico per la 400.
Solo, non sperare di trovarlo in italiano.

raziel ha detto...

Avevo la tua stessa macchina, e all'inizio avevo un po' di problemi...specie con l'esposimetro che mi impazziva con i cambi di luce, ad esempio se il soggetto ha un vestito BIANCO (sottoesponi tutto) se ha un vestito NERO (ti fa scattare con dei tempi da 2-3 secondi)...
Poi, se entrava un FARO nel campo visivo l'esposimetro impazziva del tutto...

quindi rimane solo lo scatto completamente MANUALE e anche gli ISO li devi fissare per le stesse ragioni...il guaio è che con la 400 devi scegliere di scattare tra 400 e 800 ISO ma la qualità cambia parecchio... se si potesse a volte impostare 600 sarebbe perfetto!

ma non si può avere tutto dalla vita giusto! se non le professionali per cosa le fanno??? ehhe
Baci

Ettone ha detto...

Visto che altri parlano di iso, lo faccio anch'io...

Come dice raziel essendo una relfex piccina picciò ha qualche problemino di precisione nell'esposimetro per cui effettivamente lo scatto manuale rimane il migliore e che ti consente insieme a quello con la priorità di diaframmi o di tempi di gestire sempre tutte le regolazioni (iso, etc...). Le altre impostazioni auto e semi auto a volte ti limitano nella scelta...

Io che ho una 450D scatto normalmente a 100/200 iso con flash o se c'è una bella iurnata e sole, mentre con faretto (professionale o da campeggio) vado sui 400 e personalmente i 400 già hanno troppo disturbo... Figuriamoci gli 800 e compagnia bella...

L'ideale rimane il 200, ma ovviamente contano molto anche gli obiettivi perché ad esempio quello 18/55 mm di base se non erro è f 3.8 a 18 mm ma va a f4 e qualcosa se lo porti a 55 mm e ovviamente in un luogo chiuso e con poca luce i tempi ti si allungano...

Quindi per evitare tempi lunghi devi alzare gli iso...

Ps, riguardo al bianco il mio consiglio è, dato che hai photoshop, di scattare in raw e non in jpg, in questo modo anche se i file sono pesanti e ogni volta dovrai sbatterti un'oretta a salvarli in jpg (ammesso tu non voglia tenerli in raw e riempirti subito l'HD) avrai comunque la possibilità di modificare la tonalità della luce senza perdere qualità nell'immagine...

La mia è abbastanza precisa nei bianchi e non mi ha mai dato problemi. Stai attento alle fonti luminose di diversa natura. Un neon con una incandescenza non si sommano bene... Idem se ci metti pure il flash... o la luce che entra da una finestra... La fonte è meglio se è sempre uguale a meno che tu non ci voglia appositamente giocare...

CyberLuke ha detto...

"L'ideale rimane il 200, ma ovviamente contano molto anche gli obiettivi perché ad esempio quello 18/55 mm di base se non erro è f 3.8 a 18 mm ma va a f4 e qualcosa se lo porti a 55 mm e ovviamente in un luogo chiuso e con poca luce i tempi ti si allungano..."
Ecco, fino a questo paragrafo ti avevo anche seguito.

Ettone ha detto...

se ti va, ci becchiamo una sera su skype, con voce e video e ti spiego un po' di cose...

dandia ha detto...

Con certe luci non c'è verso di tirare fuori uno scatto decente nè col bilanciamento del bianco automatico nè con quelli preimpostati.
In quesi casi ti conviene affidarti al bilanciamento manuale: è molto semplice e veloce da impostare e ti evita parecchie scocciature.
Buon divertimento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...