lunedì 29 agosto 2011

Reload.

Il tempo di reinstallare tutto.
E torno.
Mi sono accorto che un sacco di roba, nel mio hard disk mentale, non serve più, anzi, fa casino e basta.
E quindi: sposta nel cestino. Vuota il cestino. Sei sicuro di voler cancellare gli elementi contenuti nel cestino? Non puoi annullare questa azione.
No che non sono sicuro.
Ma un po' di azzardo, nella vita, ci vuole, giusto?

17 commenti:

Yeeshaval ha detto...

Sì, ci vuole.
La sensazione che si prova subito dopo è euforizzante.

Christian ha detto...

Ti riferisci a tagliare i "rami secchi"?
Se è così, sono pienamente d'accordo con te.
Spero che il blog non sia tra questi, egoisticamente. ;)

BlackBox ha detto...

Depressione da rientro?
Scherzi a parte, credo di poterti capire.
La vita è una sola, sprecarla dietro cose e persone che non ci danno nulla ma anzi ci tolgono è una cosa da evitare.
I cambiamenti richiedono coraggio, ma come dice Yeeshaval poi ci si sente meglio! ;)

elgraeco ha detto...

Bentornato, Luca! ;)

Ariano Geta ha detto...

Se scopri il sistema, dimmi come si fa. Ce ne sono di cose che vorrei cancellare dalla mente ma continuano a girare e a impallare l'hard disk del mio cervello...
Comunque welcome back in our web lives :-)

Leonardo ha detto...

Bentornato.
Evviva il ripulire l'hard disk, l'armadio dalle vecchie cose che non ci stanno più bene, la vita dalla gente-zavorra e dalle abitudini che a nulla portano se non allo sclerotizzarsi in una vita da macchine.
E macchine non siamo.
E, in ultimo, viva le prese di coscienza.
Facci sapere.

laFra ha detto...

{e' fuori luogo, e quindi lo metto tra perentesi [l'immagine e' (veramente) esaustiva]}

Anonimo ha detto...

resettare il proprio Hard-Disk mentale o di vita .

ottimo.
io l'ho fatto per tre volte cambiando città e vita , intesa come conoscenze , amicizie o presunte tali.

è stata un'ottima esperienza , naturalmente ci sono aspetti positivi (estraniare dalla propria vita persone indesiderate) e negativi ( il salto nel buio del dover ricominciare da zero, più dura quando si è single o meglio SOLI)

ci si rinforza , perchè tutto cade sulle proprie spalle, senza nessuno che ti lanci un salvagente...

Beppe

Uapa ha detto...

E io che non ho neppure il coraggio di pensarlo...
bentornato, mi stavo preoccupando :-)

Anonimo ha detto...

"...un sacco di roba, nel mio hard disk mentale, non serve più, anzi, fa casino e basta.", le tue parole le interpreto col filtro personale della mia esperienza, che potrebbe essere simile se intendi i costrutti mentali, i condizionamenti, i vecchi loop, maschere incrostate addosso da antiche esperienze... la fatica iniziale, poi il senso di leggerezza, e via per questo bivio inaspettato e alternativo che ci scegliamo come nuovo modo di vievere le cose inetriormente. So, you're "CyberLuking"... ;) stai per manifestare un nuovo CyberLuke!
Chs

claudia ha detto...

....pffff, i soliti buoni propositi del post vacanza, a settembre tutto deve ricominciare in maniera del tutto nuova....
non ci credo. per quanto resetti e sfrondi di qua e di la', la vita ti riprende esattamente la' dove l'hai lasciata. piu' o meno.

CyberLuke ha detto...

Si cambia anche se non lo si vuole.
Tanto vale cambiare nella direzione che vogliamo noi.
Come in un Alternate Universe di fringiana matrice.

@Claudia: dici?

claudia ha detto...

dico, dico ..... a meno che tu non decida di trasferirti in Australia o luoghi similarmente lontani...

LUIGI BICCO ha detto...

Immagine esplicativissima e affascinante. Bentornato, Luke.

Maura ha detto...

Macché Australia.
Si può fare senza cambiare neanche quartiere.
E lo dice una che di svolte, alla sua vita, ne ha date ben più di una, quando era il caso.
Anche se l'ho capito dopo che era davvero il caso.

Ferruccio gianola ha detto...

Giusto:-)

Uapa ha detto...

No, l'Australia decisamente non mi piace... Magari la Nuova Zelanda :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...