giovedì 8 settembre 2011

Brutto. Orrendo. Anzi, meraviglioso.

Trenta euro (o poco meno) al mese per godere dell'offerta cinema di Sky possono essere una cifra ragionevole, anche considerando che un certo numero di canali sono in alta definizione e danno un senso ai televisori che si fregiano di tale sigletta appiccicata con un adesivino metallizzato sullo schermo quando lo avete comprato.

Non per fare quello che dice "una volta i treni arrivavano in orario", ma chi usufruisce della piattaforma satellitare di Murdoch già da qualche anno si ricorderà che tale offerta cinema si meritava tale nome ben più di quanto non accada oggi.

Ma, nella misura in cui ne usufruisco io (e cioè davvero poco, pochissimo), diciamo che di questo calo qualitativo me ne posso anche fregare, ricordandomi al massimo di appuntare su una lavagnetta sul frigo ricordarsi di non rinnovare il contratto con Sky.

Poi, arrivano sere come quella di martedì scorso… e ti rendi conto che, oltre a non guadagnarseli meritatamente, quei trenta euro al mese, ti pigliano anche per il culo.
Perché quello che Sky Cinema Max non trova di meglio che propormi in prima serata è una roba indefinibile che trascende la vergogna stessa, al punto che dopo venti minuti di incredula visione, cambio completamente il mio registro nella visione e mi godo Dinocroc vs Supergator (Gesù, salvaci) per quello che è: una spassosa, ignobile cialtroneria che mai avrebbe dovuto vedere la luce e invece ha meritato persino un doppiaggio in italiano, un'edizione in blu-ray e una serie di passaggi televisivi in alta definizione e in prima serata sulla pay-tv.

Dinocroc vs Supergator è da oggi il mio nuovo punto di riferimento (negativo) per qualsiasi produzione cinematografica e non meriterebbe neanche questo post se non fosse che appartiene a quel tipo di film talmente brutti da rasentare il sublime, chiudendo e completando così un ideale cerchio dove incredibilmente bello e incredibilmente brutto si toccano.


Il soggetto? Un coccodrillo gigante con la cresta di dinosauro e un alligatore con le zampe da T-rex, frutto sfortunato di un programma di ricerca genetica su un isoletta delle Hawaii, che se ne vanno in giro a mangiare un po' di gente.
La sceneggiatura? AHAHAHAHAHAHAHAH!
I personaggi? Un manipolo di sconosciutissimi attori televisivi (con l'eccezione di uno svogliatissimo David Carradine, in una delle sue ultime apparizioni prima di farsi trovare morto in una camera d'albergo in Thailandia) senza credibilità, senza mestiere e che sembrano reclutati a casaccio dall'agenzia più a buon mercato che si è riusciti a trovare.

Gli effetti speciali contano su una CGI così scadente che suscita un unico sentimento (subito dopo l'incredulità): la tenerezza.
Il montaggio è peggio che amatoriale e non riesce a nascondere, in nessun momento, la pochezza dei mezzi impiegati.
Ci sono personaggi che appaiono e scompaiono senza ragione, sottotrame assolutamente inutili e risibili, dialoghi (dialoghi? AHAHAHAHAHAHAH!) che danno un nuovo significato alla parola "imbarazzo", sequenze che sono la brutta copia della fotocopia sbiadita della carta carbone di Jurassic Park (e sono stato di manica larga, parecchio larga), tizie in bikini scritturate per le loro tette e per essere divorate dopo pochi minuti di (AHAHAHAHAH) recitazione, un combattimento finale tra i due mostri della durata di circa venti secondi e – nientemeno – un finale che lascia aperta la strada ad un sequel… cosa tutt'altro che improbabile, considerato che il regista è un figuro di nome Jim Wynorski, con all'attivo qualcosa come settantacinque film, tutti film di merda e che potete esaminare con calma sulla sua pagina Wikipedia. E, sì, già i titoli la dicono lunga su cosa aspettarsi.

Che altro aggiungere?
Che dovete proprio vederlo, questa porcata.
E che almeno un paio di mie conoscenze (ciao, Hell! ciao, Massimo!) potrebbero apprezzarlo profondamente come ho fatto io (anzi, grazie ad Arianna che mi ha convinto a restare seduto fino ai titoli di coda, intuendo prima di me la portata di quanto stava passando sullo schermo), abbandonando a priori ogni pretesa di "cinema"… in qualsiasi accezione vogliate declinare questo termine.

17 commenti:

elgraeco ha detto...

Che bello! *__*
Non vedo l'ora! :D

Fra ha detto...

Su Sky concordo in pieno. Disdico, poi mi fanno offerte irrifiutabili e ci ricasco. Adesso sono nella fase: devo rifare la disdetta.
Quel film io non lo guarderei nemmeno sotto minaccia... ma che piacevole recensione la tua! :)

glorfindel ha detto...

Uahahahahah ma come cammina quella specie di coso? Fluttua??? :D :D :D :D

Uapa ha detto...

Nota per me: mai leggere le recensioni di Luca su film orribili durante l'orario di lavoro...
E' stato difficile convincere chi stava dall'altra parte del telefono che non mi stavo sganasciando dalle risate per lui, ma per Dinocroc VS Supergator :'D
Mannaggia, devo vederlo e aggiungerlo alla lista dei film involontariamente comici :-D

Uapa ha detto...

Ho appena guardato il trailer... In effetti su Youtube dei ragazzini dotati di fotocamera e programma per effetti speciali rubato chissà dove riescono a far di meglio :-D

Ferruccio gianola ha detto...

Be' dài non ti sei buttato dalla finestra e quindi non è proprio brutto LOL

Angelo ha detto...

Ci sono delle volte che proprionon riesco a capire come funzionano queste cose. Voglio dire, prima di girare devono aver trovato i finanziamenti per questo film, giusto? Per poco che abbiano speso, sarà costato qualche milione di dollari. Ma chi glieli ha dati? Chi è l’investitore che si mette in un progetto del genere? Poi rileggo il tuo post, la parte dei numerosi passaggi televisivi. Mi arrendo davanti al mistero, lo ammetto. E tengo la TV spenta, non si sa mai.

CyberLuke ha detto...

Ma no, Angelo, Ferruccio, guardate, non avete idea.
Il Brutto che diviene Sublime.
Trovate un amico che ha Sky. Fatevi invitare a cena. Portate la birra. Non ve ne pentirete.

Alex McNab Girola ha detto...

Suono scemo se dico - e lo dico: Meglio questa stronzata apocalittica che i soliti psicodrammi italiani fatti di 40enni traditi e depressi?

Susanna ha detto...

ahahah ricordo le mitiche serate trash a casa tua dove questo genere cinematografico era il clou della serata... direi che su sky allora hai trovato pane per i tuoi denti: non lo puoi disdire un abbonamento che ti propone film cosi! :-D

Gloutchov ha detto...

Oh mamma! Cosa mi sono perso... ora vedo di dimenticarlo in fretta, non vorrei mai che mi venisse la stramba idea di vederlo.

A ogni modo, il bello di Sky è proprio questo: Puoi vedere film che in tv non passano mai... anche se a volte sarebbe meglio non farli passare proprio! ^^

Maura ha detto...

La penso come Angelo: la cosa folle non sono tanto questi film e chi li concepisce, quanto che c'è chi li produce e ci mette i soldi.
Se poi penso che ci sono tanti film che meriterebbero e non vengono neanche doppiati/distribuiti...

Simone ha detto...

Ma se questo film è addirittura arrivato sul tuo blog (che personalmente leggo sempre, a differenza di sky max che non guardo mai) ovvio che sia un successone e che ci sarà un seguito, no?

Certo meglio il film con lo squalo gigante che salta fuori e mangia gli aereoplani che volano ad alta quota... però non si può sempre avere il massimo ^^.

Simone

spino ha detto...

ti prego....dimmi che lo hai registrato :)

Taka ha detto...

Ma le attrici le hanno scelte perchè portatrici sane di attaccapanni umano?

La firma cangiante ha detto...

C'erano una volta Godzilla, Mothra e Rodan.

(D)evoluzione?

dandia ha detto...

Non mi convinci. Se è vero che l'esageratamente brutto rasenta il sublime, perchè non viviamo in un mondo meraviglioso?
Riuscire a suscitare curiosità per un film del genere non è facile. Tu ci sei riuscito benissimo, ma non intendo cedere alla tentazione di vederlo...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...