venerdì 18 novembre 2011

Il telefonino definitivo.


I meglio informati sapranno che il mio iPhone ha tirato le sue cuoia elettroniche dopo tre anni di onorato servizio (batteria a parte, ma lo sapete, per me ha sempre avuto una durata ridicola).

Mi sono trovato così a decidere con cosa sostituirlo, e giusto in questi giorni veniva commercializzato anche in Italia il nuovo iPhone 4s... con processore più veloce, fotocamera iperbolica, antenna migliorata e la promessa di una specie di intelligenza artificiale che capisce quando gli parli.

Ma:
1) è troppo caro: 660 euro per il modello più economico. Non che gli smartphone di euguale livello come i Samsung Galaxy o un Nokia N9 costino meno, ma in questo momento non sono disposto a corrispondere ad Apple il solito "plus" in termini di quattrini in cambio del solito mix di design, tecnologia e affidabilità (quest'ultima pure un po' in calo, ultimamente).
2) il design continua a non attirarmi più di tanto.
3) la feature che mi interessa di più, Siri, non è ancora stata implementata nella lingua italiana.
4) se proprio devo aspettare qualche mese per poter dialogare con Siri, allora preferisco aspettare una nuova release di iPhone, la 5 di cui si è favoleggiato per mesi e la cui presentazione potrebbe avvenire entro la prossima estate.
5) tutto quello che fa l'iPhone, esclusa la possibilità di telefonare, scattare fotografie (e, ovviamente, Siri) lo fa il mio iPad, e su uno schermo più grande.

E quindi?
Visto che – purtroppo – pare non si possa più condurre un'esistenza socialmente accettata senza possedere un telefono cellulare, ho aperto il mio cassetto e ho tirato fuori un piccolo pezzo d'antiquariato:
Un Nokia 8850, un cellulare vecchio di un decennio e che a lungo si è fregiato del discutibile titolo di telefonino più caro del mondo.
Era uno dei primi dual band, includeva la vibrazione, la chiamata vocale e il T9. Aveva una qualità audio davvero buona ed era talmente piccolo e bello da apparire lezioso.
Appena uscito costava una cifra vergognosa, che in confronto oggi l'iPhone te lo regalano. Qualche anno fa, ne acquistai uno su eBay a settanta euro per il puro piacere di tenere in mano un oggetto così ben disegnato, e per un po' lo usai anche... oggi lo prendo, lo riaccendo e provo ad usarlo.
Lo schermo, naturalmente in scala di grigi, è minuscolo. E la mia vista, signori miei, non è più quella di una volta.
La tastiera è progettata per le mani di un bambino o di un pigmeo, e scrivere un SMS è una specie di gioco di pazienza.
Il volume delle suonerie e la vibrazione sono praticamente inavvertibili.
Dopo un paio di giorni in cui l'impulso di sbatterlo fortissimo contro il muro più vicino si ripresenta sempre più spesso, considero l'eventualità di comprare un cellulare nuovo.
E sono fermamente deciso a spendere il meno possibile. Voglio telefonare e spedire qualche messaggio, niente di più.
Entro nel primo mediastore che incontro e passo al setaccio le vetrine del reparto telefonia, dribblando gli iPhone, i wannabe iPhone, gli smartphone che vorrebbero essere più intelligenti di me e che in effetti a leggerne il manuale di istruzioni ti danno esattamente questa impressione, e cerco una sezione "per poveracci".
E trovo questo:
È il Nokia 1616, ed è il cellulare all'estremità più bassa dell'offerta della casa finlandese.
Per i poveracci, appunto.
È molto più bello in fotografia che dal vivo.
Dal vivo è un cosino di plastica da poco, non particolarmente ricercato sotto il profilo del design, senza fotocamera, senza bluetooth, senza connettività web, senza mp3 di Lady Gaga come suonerie.
E costa 29,99 euro.
È perfetto.
Lo compro, lo porto a casa, lo metto in carica e inizio ad usarlo.
È uno schifo.
Il software è più lento di una lumaca zoppa.
Consultare la rubrica dà un nuovo significato alla parola "pazienza".
La tastiera è la cosa più economica e imprecisa che abbia mai usato. È praticamente impossibile non sbagliare a premere i tasti o il pulsantone centrale.
Inserire la punteggiatura in un sms ti fa venire voglia di scrivere tutto senza punti e senza virgole.
La radio FM di cui è dotato si ascolta a un volume che potrei definire subliminale.
Sì, la batteria dura anche quattro giorni... ma è il suo unico pregio, sul serio.
Mentre fisso il coso di plastica seminutilizzabile, sento ronzare nelle mie orecchie la voce di mia nonna che chiosa: chi più spende, meno spende.
Sì, ma tu non sei qui, nonnina del cazzo, grido rivolto al nulla (come avrete intuito, non ho questo gran ricordo di mia nonna, ma questa è un'altra storia).
Riapro il mio cassetto, e stavolta frugo meglio.
E, come un novello figliol prodigo, riesumo un vecchio Nokia 6230.
Non l'avevo preso in considerazione perché la sua batteria dura qualcosa come mezza giornata, si spegne in momenti imbarazzanti – tipo quando ricevo una chiamata – e la scocca sembra stata masticata da un cane e risputata via.
E non è di certo figo come un iPhone.
Ma, sapete cos'ha questo Nokia meglio di un iPhone? Che potete cambiare tutto quello che volete da soli e con minima spesa.
Mi faccio un veloce giro su eBay, e scovo una batteria originale Nokia nuova venduta a cinque euro. E poi una scocca nuova per altri cinque.
Compro. Smonto, riassemblo, metto in carica.
E mi ritrovo con un telefono con un ottimo display attivo TFT, una piccola fotocamera, una tastiera del tutto usabile, una batteria che adesso dura due giorni, un software reattivo, ottimo audio, e che si collega al vivavoce della Toyota in modo parecchio meno snob di quanto non facesse l'iPhone.
Il 6230 gestisce gli mp3, ha una radio FM e accetta persino schede di memoria aggiuntive.
Lo sto usando da qualche giorno... ed è proprio come ritrovare un vecchio amico.
Quindi, sapete che vi dico? Che il telefonino definitivo è uscito già nel 2004, ed era questo 6230. Io non lo capii, e sprecai il mio denaro e la mia pazienza in tanti altri telefoni chiudendo questo in fondo al cassetto.
Ecco, adesso potrei anche mettermi a fare delle analogie con le persone, ma credo che mi rattristerei. Arrivederci.

21 commenti:

Nicla ha detto...

I (vecchi) Nokia non deludono mai!! ^.^

ps solo Nokia nella mia vita telefonica...l'unico che mi ha deluso è l'ultimo che ho avuto che però mi hanno rubato...-_-" forse sentivano le mie vibrazioni negative...

Larsen ha detto...

benvenuto nel club (il mio :D visto che sono stato il primo tra quelli che conosco a procedere per un downshifting tecnologico).

al momento son tornato ad un sony ericsson a conchiglia (w300i) di piu' di un lustro fa.
batteria che dura una settimana (non esagero, e' incredibili), bt che s'attacca a qualsiasi cosa (l'htc era come l'icoso: solo alcune periferiche gli "piacevano"), ha una minicamera (pessima al confronto con le moderne), lettore mp3, radio, infrarossi, vivavoce (che si sente!!)... ed e' piccolo!!! e leggero!

ovviamente al confronto con i moderni "tutto schermo" e' anche indistruttibile: non mi sento in colpa se e' in tasca con chiavi o accendini e se mi cade lo raccolgo e finisce li.

insomma, un telefono cellulare... vero che la specializzazione estrema porta all'estinzione, ma di avere forni a micronde che telefonano, ti fanno vedere la tv digitale, fanno video, ci puoi giocare mentre sta scaldando la pizzetta... insomma... basta... :D

p.s: rimpiango di aver venduto all'epoca il mio fantastico 8210... che alla fine era l'8850 solo con una scocca diversa, pero' in effetti leggendo il tuo commento non mi spiace piu' di tanto :D

Marco ha detto...

Io ho un Ipod Toch adattato a telefono tramite apple peel, ma credimi tutt'ora sono tentato di sostituirlo con il mio vecchio Nokia 6630! È stato uno dei primi smarthphone, solo solo per la batteria che la qualità dell'audio che sono a dir poco Magnifici.

Glauco Silvestri ha detto...

Io sono particolarmente legato ai telefonini targati Morotola! ^^

Ancora bramo il mio vecchio Startac... che mi faceva concludere la telefonata anche quando la batteria era a secco, staccando tutto ciò di inutile che consumava energia. Adoro la sensazione tattile nell'accarezzare il piccolo U6 Pebl... un grande compagno di viaggio.
Mi sono lasciato tentare dal Backflip, con android, uno smartphone molto costoso per l'epoca, e che è morto in fretta... il mio, ha avuto grossi problemi sin dalla nascita, tanto che l'ho rispedito alla casa e ci ha messo ben sei mesi per tornare nelle mie mani bello e riparato. Nel frattempo... ho ceduto alla tentazione di un Wildfire dell'HTC. Onesto... per essere uno smartphone low cost, ma il Pebl è sempre lì che attende. Dovrei giusto comprare una batteria nuova, che quella originale ormai è alla frutta! ^^

Domanda: Perché non prendere un 3GS usato? E' forse l'iPhone che più mi è piaciuto come design. Quello attuale è una mattonella così anonima...

iSDC ha detto...

Vedo che, come ogni buongustaio tech, hai cambiato lo screen subito...
Io l'ho fatto pure per il mio TomTom ;)
Aspetto pure io l'iPhone 5 e poi si vedrà.

Maura ha detto...

Sottoscrivo tutto.
In mezzo a tanta tecnologia attuale,mi stia tornando la voglia di usare il vecchio telefonino... tra bluetooth, mms, mp3, navigatori satellitari, fotocamera, videochiamata, registratore, televisione, sky, infrarossi, suonerie, mi sta quasi venendo la nausea.
Io poi, di tante cose, ne userò il 5%.
E il 95 restante è solo per telefonare e mandar messaggi.
La mia collega si è appena comprata un vecchio motorola (motafone...bellissimo, piatto e semplicissimo) spendendo l'astronomica somma di 60 euro.

Quasi quasi rispolvero il mio vecchio e amato Samsung 2200 dual band argentato....
8 anni fa, lo pagai 600 000 lire e quello prende la linea anche nelle catacombe.

Novokane ha detto...

Io sfrutto il mio smartphone htc al 100%, ma so benissimo che se riprendessi il mio vecchio siemens c45 farei un'affare...

Angel-A ha detto...

Pensa che io fui tra le gonze che si comprò un videofonino Tre...
Ho videochiamato solo una volta un mio collega che si trovava di fronte a me... solo per vedere come funzionava! ^_____^
Adesso ho un Nokia 5800 Music qualcosa, è un "wananbe Iphone" ma alla fine uso solo chiamate, messaggi, sveglia e a volte agenda. Raramente la macchina fotografica...

LUIGI BICCO ha detto...

Post che capita a fagiolo. Sono mesi che mi riprometto di cambiare il mio LG touch. Perchè mi sta facendo impazzire. E' lento come un bradipo, la chiamata si interrompe solo se sfiori il tasto di chiusura e tante altre cosine.

E le soluzioni sono due: O riesumo il mio vecchio Motorola Startac III o me ne compro uno con i pulsantoni grossi come pugni, tipo uno dei tuoi :)

E probabilmente opterò per la seconda. In attesa di comprare qualcosa di meglio? No, in attesa di non dover stare più dietro a un telefonino.

Lorenzo ha detto...

anche il mio 3GS sta per passare a miglior vita e per un attimo stavo considerando l'idea del 4S... ma poi ho pensato "chi me lo fa fare, uscirà il 5" e sto tirando avanti, appena finirà la sua esistenza e l'iPhone 5 ancora non è uscito riesumo dal cassetto il mio nokia 6630!

il problema è che l'iPhone, come anche gli altri smartphone, ci ha portato nuove abitudini che sarà difficile abbandonare (anche temporaneamente) quindi (almeno per me che non ho un ipad) prima o poi ricomprerò uno smartphone, perché se lo si usa al 100% è difficile fare dietrofront, come sensazione, sarebbe come passare dalla Xbox 360 all'atari 2600!

CyberLuke ha detto...

@Nicla: Nokia ha una grande tradizione di apparecchi onesti, solidi ma poco entusiasmanti. Perfetti, insomma, per chi vede il telefonino per quello che è, e non un assistente digitale personale come è diventato negli ultimi anni.
Poi, è vero anche quello che dice Lorenzo: uno si abitua ad avere il meteo, internet, Shazam e millemila altre robe che quando poi gli si tolgono, ti manca l'aria.
Ma poi fai due respiri profondi, e ti accorgi che non è così.
@Glauco: sì, ci ho pensato… 200 euro per un telefono fuori garanzia, che può rompersi il giorno dopo? Considerate le mie ultime fortune, anche no. ;)
@Angel-A: sei perfettamente nella media, pochi usano tutto quello che c'è nel loro smartphone. Quanto al videofonino, è il bluff del decennio. Salvo qualche eccezione, la videochiamata non interessa a nessuno. Per più di un buon motivo.
@Luigi: stare dietro alle cose… ecco, questo sì che è folle.

laFra ha detto...

il tuo ost ha risolto un mio problema: grazie :)

BlackBox ha detto...

Cyber... ti dico solo na cosa: mi si è rotto il cellulare da qualche mese e, siccome al momento i clienti non pagano quai non si vede una lira, invece da farmelo nuovo, sono tornata al vecchio Nokia 3330... e con questo ti ho detto tutto.
Però devo dire che è un cellulare che anche se lo butti dal quarto piano non si rompe mai! :)

Mathias ha detto...

io da quando ho scoperto l'esistenza dei cellulari uso solo nokia...il caro vecchio 3310 ha da poco tirato le cuoia, ma e65 e il mitico n97 mini vanno che è una meraviglia!

dandia ha detto...

L'unico aspetto della tecnologia che non sopporto è la dipendenza che può indurre.
Qualche anno fa per testare il mio livello di assuefazione ho optato anch'io per una regressione tecnologica alla Ubik. Ho acquistato quindi un Motorola Motofone F3, cellulare piacevolmente spartano ed assolutamente economico, con un display che anche un cieco sotto il sole di ferragosto riuscirebbe a leggere senza troppa difficoltà.
Unico lato negativo: con il Motofone è quasi impossibile riuscire a inviare un sms senza prima impazzire.
Passare da quello al mio attuale cellulare è stato come scendere da una carriola e salire su un'astronave... Da cui, per altro, al momento non intendo scendere. Per il prossimo viaggio si vedrà.

Nicla ha detto...

@Cyb: No no. A me invece, a parte l'ultimo mi hanno sempre entusiasmato. Ci ho scritto anche un post nel mio blog tempo fa.
......
Adesso sono in giro con un telefono baracchino-antidiluviano(sempre Nokia). Ma sto pensando di comprare uno smartphone. Soprattutto perchè mi hanno rubato la fotocamera digitale (e sull'attuale telefonino non c'è :-O) e senza una fotocamera mi sento come senza un braccio. ^.^
Però spero che la Nokia passi a Windows dopo che io compro il nuovo telefonino. :-P

Simone ha detto...

Io ormai sono dipendente, maledetti smartphone con Facebook e tutti i giochini.

Aggiungo però a mia discolpa che nel telefono ho il prontuario farmaceutico e quello in reparto è una bella "salvata", specie quando capita che nessuno sta lì a spiegarti nulla e non sai dove guardare.

Simone

Matteo ha detto...

Io ho un Nokia di 6 anni fa. Ha la fotocamera ma non l'mp3... Tutti mi prendono in giro e mi invitano a cambiarlo, ma sinceramente finché non ne vedrò un vero motivo non vedo perché dovrei sciupare i miei soldi...

Curioso che nel blog di un maniaco della tecnologia si scoprano tanti "retrofili" :)

mAs ha detto...

;)
Grazie per le risate in questa domenica uggiosa

mAs ha detto...

grazie per le risate in questa domenica uggiosa

Anonimo ha detto...

Peccato che il6230 non accetti le nuove simili della tre!!!