giovedì 17 novembre 2011

Quadrophenia director's cut.

Esce giusto oggi una lussuosa riedizione di Quadrophenia, indimenticabile opera rock degli Who e, probabilmente, il loro capolavoro assoluto.
Il disco del 1973 è stato rivisto e prodotto da Pete Townshend, ispirandosi, parole sue, "all'attuale e continuo interesse nei confronti del progetto".
Il che, a voler essere cinici, significa: finché vende, noi lo ristampiamo.
L'edizione superlusso contiene tutta la roba che vedete nella foto qua sopra, studiata per azzerare la salivazione di qualsiasi fan degli Who e del rock in generale: un libro di cento pagine hardcover, una guida brano per brano ai pezzi scritta da Townshend in persona, foto inedite e un poster. Manca solo un kit di personalizzazione per fare della propria Vespa uno scooter Mod e ci hanno messo proprio tutto.

Di primo acchitto, mi viene da dire: queste sono le ultime chicche "allo stato solido" che ci capiterà di vedere accompagnate alla musica, diretta irrevocabilmente verso lo stato "liquido" (non date retta a quelli che profetizzano il Ritorno Del Vinile - Il Vinile 2: la Vendetta. Sono e resteranno mercati di nicchia, com'è giusto che sia), sono le ultime eco di un'era che sta estinguendosi e non andrebbero perse.

Poi, dando uno primo sguardo ai contenuti dei quattro cd e del dvd inclusi nel cofanetto (a fine post, la tracklist completa), mi pare che quello che abbiano fatto Townshend e compagni sia stato tirare fuori dai cassetti ogni demo che fosse anche solo appena ascoltabile per riempire due cd, e anche il dvd con alcune tracce codificate in surround mi fa pensare che siamo dalle parti di un'operazione commerciale – guarda caso messa su una manciata di settimane prima di Natale.
E, già che ci siamo, potevano fare qualcosa in più per quella vecchia copertina... ma non importa. A quello posso pensarci io (qua sotto la copertina originale e la mia rivisitazione).

Quindi? Quindi non credo che, a questo giro, metterò mano al portafogli per ricomprare per l'ennesima volta musica che già possiedo... ma diciamo che se qualcuno dovesse regalarmi il cofanetto, farebbe comunque cosa gradita.

Questa è la tracklist per l'edizione limitata super-deluxe:
Original album - 2011 Remaster
Disc One:
1. I am the sea
2. The real me
3. Quadrophenia
4. Cut my hair
5. The punk and the godfather
6. I'm one
7. The dirty jobs
8. Helpless dancer
9. Is it in my head?
10. I've had enough
Disc Two :
1. 5:15
2. Sea and sand
3. Drowned
4. Bell boy
5. Doctor Jimmy
6. The rock
7. Love reign o'er me

Disc three - the demos
1. The real me (demo)
2. Quadrophenia - Four overtures (demo)
3. Cut my hair (demo)
4. Fill No. 1 - Get out and stay out (demo)
5. Quadrophenic - Four faces (demo)
6. We close tonight (demo)
7. You came back (demo)
8. Get inside (demo)
9. Joker James (demo)
10. Punk (demo)
11. I'm one (demo)
12. Dirty jobs (demo)
13. Helpless dancer (demo)

Disc four - the demos
14. Is it in my head (demo)
15. Any more (demo)
16. I've had enough (demo)
17. Fill No. 2 (demo)
18. Wizardry (demo)
19. Sea & sand (demo)
20. Drowned (demo)
21. Is it me (demo)
22. Bell boy (demo)
23. Dr Jimmy (demo)
24. Finale-The rock (demo)
25. Love reign o'er me (demo)

Disc five - DVD - 5.1 surround-sound mix
I am the sea
The real me
Quadrophenia
I've had enough
5.15
Dr Jimmy
The rock
Love reign o'er me

7" single
Side one: 5.15
Side two: Water

5 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Quadrophenia, il ritratto di una generazione inglese. L'unica cosa che mi ha sempre lasciato perplesso nel film è Sting versione mod, un po' troppo impalato, soprattutto nella sequenza in cui balla e tutti lo ammirano.

La firma cangiante ha detto...

Ottimo modo questo per farsi fare regali di Natale allettanti.

Cazzo, quasi quasi ti rubo l'idea e faccio qualcosa di simile anche io, magari più spudorata :)

LUIGI BICCO ha detto...

Mamma mia, quanta bella roba, in quel pack. Bello.

Larsen ha detto...

il lettering originale non mi piace granche', e preferisco il tono di blu che hai usato tu per la foto... ma il blocco titolo l'avrei messo piu' piccolo, e non a coprire le loro facce riflesse negli specchietti.
magari in basso a dx, a coprire giusto la targa della vespa, sempre se non ha un qualche significato :D

per il resto, solite operazioni commerciali...

CyberLuke ha detto...

@Ariano: conosco uno che ha la sua personale visione dell'inferno: essere costretto a replicare quel balletto di Sting davanti a tutti, per l'eternità. Fai tu.
@La Firma Cangiante: uh, è un po' presto per la mia solita wish list. Ma per questo coso, vogliono qualcosa come 75 euro. Mah.
@Larsen: in effetti, hai ragione. Ma era solo uno schizzo, ho flattato i livelli, quindi sticazzi. ;D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...