mercoledì 7 marzo 2012

Biosassi.

BioSassi è una bio bottega a filiera corta che potete trovare a Torino in via Metastasio 4, zona Sassi.
Cosa significa "a filiera corta"?
Che vende roba – per lo più generi alimentari – che viene prodotta nel raggio di pochi chilometri dal negozio: accorciando le distanze fisiche che separano il produttore dal consumatore, si accorcia la filiera, non essendoci la necessità di intermediari del trasporto, di grossisti o dei mercati generali che poi ridistribuiscono a dettaglianti.

E i più svegli tra voi intuiranno i vantaggi di questa filosofia di vendita: la grande distribuzione organizzata rende disponibili per tutto l'anno frutta e verdura fuori stagione (o esotica) e carne straniera, il che significa che prima di finire nel nostro piatto questi prodotti hanno percorso migliaia di chilometri e sono stati responsabili di tonnellate di combustibile bruciato.
Va da sé che la co2 emessa, l'energia sprecata per il trasporto di merce che potremmo trovare nelle campagne circostanti scegliendo la stagione giusta o rimodellando le nostre scelte, incide parecchio sull'inquinamento e sul riscaldamento globale (appuntatevi queste cose, ché poi, quando le sfoggerete con la squinzia di turno, vi faranno fare una gran figura da tizio dotato di coscienza ecologica).
Quindi, scegliere prodotti a filiera corta (o a chilometri zero), significa in primo luogo contribuire alla causa ambientale... ma non solo.
La filiera accorciata porta a un'abbattimento (e in alcuni casi, all'azzeramento totale) dei costi di trasporto, e questo permette di tenere bassi i prezzi, con piacere delle nostre saccocce.

Perché sto parlando di queste cose?
Perché BioSassi, oltre a vendervi una quantità incredibile di alimenti (ma anche cosmetici) biologici e prodotti equosolidali, è il primo, coraggioso esperimento imprenditoriale di Stefano, che poi sarebbe quel capellone che vedete nella foto qui sotto... Stefano ha puntato tutto su questa attività e ci crede fermissimamente.
Quindi, fatemelo come un favore personale... se siete o passate da Torino, fate un salto alla sua bottega.
Fateci un giretto e vedrete che qualcosa da comprare, per voi o per qualcun altro, la trovate di sicuro.
Saranno soldi doppiamente ben spesi.
Grazie, ho finito.

9 commenti:

claudia ha detto...

non posso che essere assolutamente d'accordo con te, visto che Stefano e' anche un mio amico, e con grande coraggio si e' reinventato un lavoro visto che il suo l'aveva perso! lui e' una persona veramente carina, e i prodotti che vende, testati e ritestati, sono veramente ottimi!
provate le tisane e il succo di mela bio... e mi saprete dire!

barbara ha detto...

Ottima iniziativa...
Io non sono di Torino, ma qui a Milano bazzico spesso il negozio di prodotti naturali n via aselli 26 (ancora più avanti c'è l'erboristeria ape regina), e quando ne esco mi sento sempre di aver fatto la scelta giusta, in tutti i sensi ^^

Glauco Silvestri ha detto...

Adoro questi posticini... ma la loro filosofia va un po' a perdersi quando c'è gente disposta a fare 50km in auto per andare a fare la spesa in questi posti...

50 andare, 50 tornare, per 'n' clienti e addio filiera corta! :(

Dalle nostre parti, se non ricordo male, c'è uno spaccio organizzato dalla facoltà di agronomia dell'università.

Angel-A ha detto...

In questi negozietti mi ci perderei le ore... ^___^
E Torino non è tanto lontana da dove abito io, magari questo we organizzo con un'amica e prendo 2 pidgeons with one fava
uahahahahah sono fuori

Clara ha detto...

La cosa che mi piace di più di questi posti è il rapporto personale che si crea con il negoziante, che quando ti dice dove arriva la sua roba o come è stata coltivata, non ti racconta le solite palle, ma magari "parla" veramente con te e un po' è anche "amico" tuo.
Sarò all'antica, ma io tendo a privilegiare i negozi così, qui a Modena non ne restano molti, ma quei pochi me li coltivo... :-)

Stefano ha detto...

Ecco, un negozio a filiera corta ha un ottimo senso. :)
A patto che non si faccia appunto come dice Glauco.
Che è poi lo stesso motivo per cui, ahimè, il "chilometro zero" con la roba che prendi direttamente dal produttore per lo più non ha senso...

Alessandra ha detto...

Umh l'Elicina che vedo nella prima foto non e' proprio un prodotto vicino a noi dato che viene prodotto in Cile, ma mi sembra comunque un ottima iniziativa :)

Valerio ha detto...

Ottima iniziativa! Complimenti all'imprenditore che la sta portando avanti, gli auguro grande successo

Lady Simmons ha detto...

Ci passo senza dubbio. E domani spargo il verbo al lavoro!
Grazie per la segnalazione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...