giovedì 8 marzo 2012

iPad 3. Ops, scusate, nuovo iPad.


Velocemente, che tanto ormai non è più come una volta e dei nuovi prodotti Apple si parla anche sui free press che vi regalano per strada e nella metropolitana.
Ieri sera è stata presentata la terza generazione di iPad, il tablet più famoso e più venduto del mondo, denominato semplicemente new iPad.

Esteticamente indistinguibile dal precedente, il nuovo iPad monta lo schermo più avanzato sul mercato, con un'iperbolica risoluzione di 2048 x 1536 pixel... in pratica, 264 pixel per pollice quadrato, un milione di pixel in più rispetto alla TV HD che avete a casa.
Il che significa che è impossibile distinguerete i pixel a occhio nudo.
Il che significa che guardare lo schermo del nuovo iPad è come guardare attraverso una finestra: testo, video, grafica e fotografie sono dettagliati e definiti come nessun dispositivo portatile lo è mai stato finora.
Per gestire tutta questa grafica, è stato creato un chip quadcore, l'A5X, fino a 4 volte più performante rispetto ad iPad 2.

La seconda feature è una fotocamera iSight ereditata dall'iPhone 4S: sensore da 5 megapixel retrolluminato a cinque lenti, autoesposizione, autofocus, riconoscimento automatico dei volti e tutto il resto.
Il nuovo iPad registra video in HD a 1080p, e include un sistema di stabilizzazione dell'immagine e uno di riduzione del rumore digitale.

Un'altra cosetta simpatica è il supporto alla dettatura vocale, ma la feature più strombazzata (oltre il Retina display) è la piena compatibilità alle reti 4G LTE (Long Term Evolution), una nuova tecnologia che permette – sulla carta – di scaricare film di 700MB in meno di un minuto e visualizzare simultaneamente in streaming quattro film in HD (anche se non ho idea di chi vorrebbe volerlo fare) senza nessun tempo di attesa per il buffering.
In Italia le reti LTE sono ancora inesistenti, ma i principali operatori (Telecom primo tra tutti) si sono già spartiti sei lotti nelle frequenze degli 800MHz e hanno iniziato la sperimentazione.
Non esistono annunci ufficiali sull'avvio della prima fase commerciale, ma secondo alcune dichiarazioni, Telecom, 3 e Vodafone lanceranno il servizio in alcune città italiane entro la fine del 2012. Non si tratterà probabilmente di una copertura capillare, ma prevedo abbastanza facilmente che sarà solo l'inizio di un nuovo trend che porterà a trainare anche il mercato – di fatto ora assente – dei dispositivi LTE.

Il nuovo iPad è già disponibile negli Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Germania, Svizzera, Giappone, Singapore, Hong Kong e Australia. Noi dovremo aspettare il 23 marzo.
Come da policy Apple, la nuova generazione di iPad costa come quella vecchia: 499 euro, 599, e 699 euro rispettivamente per i tagli da 16, 32, e 64GB senza connettività 4G e 629, 729, e 829 euro con 4G.
Il "vecchio" iPad 2 è stato ribassato di 100 euro e da ieri è disponibile esclusivamente nel taglio da 16 Gigabyte.
Per quello che mi riguarda e per l'impiego che normalmente faccio dell'iPad, questo nuovo modello non offre niente che mi abbia fatto salire la scimmia.
Tutto quello che mi sentirei di chiedere al mio attuale iPad prima generazione è una maggiore velocità nel connettersi alla Rete, ma questo non è imputabile al device quanto alla qualità del segnale del mio operatore nel dato momento, e all'ampiezza di banda che mi mette a disposizione.

Disporre di una rete LTE ad alta velocità sarebbe indubbiamente una gran bella cosa, ma acquistare ora un nuovo iPad sarebbe un po' come prendere una Lamborghini per girarci esclusivamente in città a cinquanta chilometri orari e fermandosi non appena il semaforo diventa giallo.
Se invece vi accontentate di potervene bullare al bar, il nuovo iPad – ora come ora – è l'oggetto da avere.

11 commenti:

Pappagallino #1 ha detto...

Voglio anche io la Fotocamera con autoficus!

dandia ha detto...

Quando esce la versione che mi fa pure il caffè la compro. Promesso.

Glauco Silvestri ha detto...

Io preferirei avere la Lambo... o il T-rex dell'altro post ^^

LUIGI BICCO ha detto...

Eppure se me lo regalassero, giuro che sarei davvero contento. Per ora non riesco ancora a pensare di dover spendere quella cifra senza la possibilità di lavorare in vettoriale con un software come si deve :)

Novokane ha detto...

Non ho mai avuto un iPad, non perché non lo trovi un tablet appetibile, ma principalmente perché trovo irrinunciabile la presenza di uno slot SD e/o di una presa USB per espandere la memoria o trasferire velocemente dati senza per forza sincronizzarlo con Itunes ogni volta.
So che sono scelte precise di apple, ma che semplicemente io non condivido.

Stargirl ha detto...

Ma sono l'unica che non desidera l'iPad nonostante l'innata passione per tutto ciò che riporta una mela sopra?

BlackBox ha detto...

A me ha lasciata perplessa la scelta del nome... "Nuovo iPad" invece di 2iPad 3".
Il prossimo anno quando verrà lanciato il nuovo iPad, come lo chiameranno? nuovo iPad del nuovo iPad? nuovo iPad 2? nuovissimo iPad?

GiulioM ha detto...

All'inizio, appena uscì, pensai che solo i Mac-fan l'avrebbero comprato: quanto mi sbagliavo.
C’è chi piuttosto non mangia pur di avere una bella macchina costosa. Così farà chi vuole l’ipad anche se non può permetterselo. Io, se mi fosse in qualche modo utile un tablet, lo acquisterei subito, lo trovo fantastico, sia nell’hw che nel sw.

Junta ha detto...

Bah..io non saprei che farmene di un iPad, ma davvero quest’ultimo è appetibile per molti, con quello schermo e quel comparto tecnico.

L’era PostPc, quella vaccata di cui si blatera da anni, comincerà seriamente quando i tablet saranno all’altezza dei predecessori, almeno nella creazione di contenuti, piuttosto che nella banale fruizione.

Anonimo ha detto...

Sinceramente aspetterò fino a settembre/novembre per comprarlo. Voglio vedere se avrà Office e – soprattutto – se Siri potrà essere implementato.
La possibilità di dettare un testo non la trovo straordinaria, e neanche Apple a quanto pare le da tanta importanza. Sul sito online c’è giusto una frase a descriverlo.
Secondo me Siri funziona meglio attraverso internet e l’iPhone garantisce anche l’accesso al 3G. Un’articolo diceva che Siri era possibile anche grazie al microfono dell’iPhone in alto per togliere il rumore esterno. Sono deluso che non ci sia sull’ipad perché è vero che l’ipad non ha mai avuto un riconoscimento vocale ma Siri è quello che poteva fare davvero la differenza.
Spero che lo implementino magari con l’aggiornamento di iOS6.

CyberLuke ha detto...

@anonimo: su Siri la penso esattamente come te.
Ciò che suppongo è che, vista la capacità di calcolo del nuovo iPad, Apple si stia muovendo per realizzare una verisone di Siri che funzioni anche offline.
Ma è solo un'ipotesi.
Restano comunque tutte le mie perplessità legate al parlare ad una macchina in pubblico. Una cosa che si vede spessissimo nei film di fantascienza ma meno praticabile nella vita reale.