venerdì 30 marzo 2012

Tecniche di sopravvivenza sui mezzi pubblici (infografica).

Ho scoperto, purtroppo solo di recente, le belle infografiche di Linkiesta.
Ce ne sono di serie e meno serie, come quella qui sotto, che è una delle mie preferite, pur essendo una delle meno riuscite graficamente.
Sul loro sito ne trovate parecchie altre, comprese QUESTA che vi farà ridere molto meno di questa.

7 commenti:

Angel-A ha detto...

Non uso un granchè i mezzi pubblici, ma queste tecniche me le segno, hai visto mai un domani mi tornano utili... ^____^

Marcus ha detto...

Eccomi, sono un "aspirante"... quando salgo io sul tram è sempre invariabilmente strapieno... e riesco a sedermi solo una volta su cinque... magari ora che conosco queste tecniche la mia media si alza...

barbara ha detto...

Sapevo che non avrei dovuto farmi del male di prima mattina... e invece ho cliccato sull'altra infografica... quella del prezzo della benzina.... X(

pa ha detto...

ed è tutto vero!

tranne per il fatto che è troppo faticoso controllare così la situazione.
di solito mi isolo da tutto e leggo in piedi, poi mi distraggo, non mi tengo ben salda e frano rovinosamente addosso a qualcuno che mi guarda con odio. anche se non cado vengo guardata con odio lo stesso perchè sto leggendo e - quindi - occupo più spazio - braccia piegate e libro - anche se poi lui magari è un ciccione sudato e io sono piccoletta... e mi lavo.

Glauco Silvestri ha detto...

Non sono d'accordo col primo punto. Non so se sia una italica abitudine o capiti solo a Bologna, ma dalle mie parti, tutta la gente tende a concentrarsi all'ingresso dell'autobus, di fianco all'autista, per intenderci. Anche quelli che salgono da dietro, o dalle uscite, alla fine avanzano verso l'anteriore come fossero attirati da qualcosa di magnetico. Il centro dell'autobus, la cerniera delle due carrozze dei filobus, spesso è quasi vuota e molto confortevole! ^^

La firma cangiante ha detto...

Per fortuna non uso più i mezzi pubblici negli orari di massimo affollamento (unico vantaggio dei miei turni deliranti).

Davvero simpatico però il vademecum per l'accattone di posto a sedere su mezzo pubblico :)

Uapa ha detto...

Da -ahimé- assidua frequentatrice dei mezzi pubblici (almeno finché non riparo la bici), posso testimoniare che queste tecniche, affinate con l'esperienza, sono validissime e le applico con successo ogni giorno :-)
Un unico appunto, mi pare di aver capito che il signore in questione sia Londinese... Mwahahah! Dilettante: qui a Roma sì che ci sono autobus affollati su cui cimentarsi in battaglie all'ultimo sedile!!! XD