martedì 17 aprile 2012

[RECE] Battleship

Dopo un paio di suggerimenti ricevuti da gente che stimo nonché da cinque minuti di attenta riflessione, ho deciso che le mie prossime recensioni – ammesso che io abbia titolo per scriverne degne di queste nome – saranno particolarmente concise e andranno dritte al punto.

Visto che la soglia d'attenzione media (su Internet ma anche su altri media) è in costante diminuzione, teoricamente questo blog non potrà che giovarne e anzi diventerà un faro illuminante e un punto di riferimento per tutti quelli che pensano di dover dire la loro su qualsiasi cosa guardino, ascoltano o leggano (e siamo un bel po', qua fuori).
/Ah, sì, questo voleva essere ironico, mi sa che non si è capito bene.)


Recensioni che da venti righe si riducono a due periodi striminziti, poi a una frase lapidaria, e poi a un unico aggettivo (si potrebbe oscillare dalla "cagata pazzesca" di fantozziana memoria al "capolavoro" che soleva starnazzare un mio vecchio conoscente di qualsiasi stronzata appena più guardabile di un qualsiasi Neri Parenti), e infine a un secco "sì" o "no".
Anzi, potrei abolire pure questi stantii monosillabi e mettere direttamente una faccina. Cosa ne dite?

Vabbé, facciamo che per ora sfrondo e basta.
E inizio proprio con Battleship, film che mi sono visto in sala con altre dieci persone che nel pomeriggio di venerdì scorso a Torino hanno trovato un facile rifugio alla pioggia che ha martellato la città.
Avevo la Canon a tracolla e niente per coprirla, e sorpreso da uno scrollone più violento dei precedenti mi sono rifugiato sotto una pensilina che mi sono accorto essere quella di un cinema.
Ho passato in rassegna le locandine attaccate al vetro e ho dato una scorsa agli orari degli spettacoli, e proprio nel giro di cinque minuti sarebbe iniziato Battleship.
E, lo so, sembra che mi sto giustificando per averlo visto (e in parte è proprio così), ma in realtà questo fa parte della mia recensione.

Perché Battleship è davvero un ottimo film se un temporale vi sorprende e non sapete dove aspettare un'ora o due che finisca, ma anche se siete in casa, fuori diluvia e di uscire proprio non vi va e su Italia Uno sta per iniziare una cazzata come questa anzi tra cinque minuti, giusto il tempo di passare per il frigo e fare una piccola provvista di junk food da consumarvi davanti.
Battleship non ha nessuno spessore, nessuna pretesa e non introduce nessuna nuova idea.
Troverete tonnellate di effetti speciali spettacolari al punto giusto, alieni brutti e cattivi che vogliono il nostro pianeta, capitani coraggiosi, biondine anoressiche, militari tutti d'un pezzo, i soliti dialoghi scritti da un quindicenne, un cast che se era in computergrafica era esattamente la stessa cosa, quindici minuti iniziali del tutto insopportabili e l'happy end di rigore.

Niente di più, niente di meno.
Un film costruito su misura su un certo target, e perfetto e godibile proprio per costoro. Risibile e dimenticabile per chiunque altro.
Ecco.
Decidete chi siete, e saprete se Battleship fa per voi.
Se poi sta diluviando, siete senza ombrello e senza troppa fretta, va bene per chiunque. Ultimamente, le poltrone dei moderni multisala sono diventate parecchio comode.


17 commenti:

Mauro ha detto...

Io mi metto tra quelli cui è piaciuto, ma anche tra quelli che lo considerano dimenticabile: sono entrato in sala aspettandomi un film ignorante da vedere a cervello spento, ho avuto un film ignorante da vedere a cervello spento. Ho visto film meno onesti, sotto questo aspetto.
Per il resto: scene degne di memoria? Poche, e anche quelle poche solo all'interno del genere proprio del film (che non è la fantascienza, ma l'ignoranza, nel senso detto sopra); in assoluto, decisamente dimenticabile.

LUIGI BICCO ha detto...

>> Un film costruito su misura
>> su un certo target

Ecco. Sarebbe interessante capire questo certo target da che gente è composto.
Di film leggerini del genere ce ne sono sempre di più e poi si parla dell'industria cinematografica in crisi. Qualcosa, da qualche parte, deve sfuggire ai più.

P.S.: E, nel bene o nel male, non hai nemmeno menzionato Rihanna, pensa.

Stefano ha detto...

Sì ma, la storia?? :3

CyberLuke ha detto...

La storia?
Arrivano gli alieni, vogliono la Terra.
Un giovane ufficiale cazzone oltre ogni dire e che nella vita reale non sarebbe durato in marina neanche mezza giornata li sconfigge con una gran botta di culo.
Ecco. Soddisfatto? :D

Lory84 ha detto...

Eh! Ma Rhianna?
Non la nomini neppure?
Pensavo fosse del tuo tipo... :)

Count Zero ha detto...

Prima o poi lo "recupero" per qualche serata alcolica. Senza fretta

Yeeshaval ha detto...

Non appartengo a nessuno dei target da te inquadrati, quindi mi sa che non lo vedrò mai.
Sabato c'era pioggia pure da me, mi sono chiusa in libreria, ordinato caffè americano alla caffetteria interna e finito il mio Cimitero di Praga.

Stefano ha detto...

ok, dev'essere un filmone!
e poi mi dicono che c'è rihanna che buttala via... :3

Alex McNab Girola ha detto...

Sincero?
Lo vedrei solo per Rihanna :D
Le foto di lei in uniforme mi attizzano proprio!

CyberLuke ha detto...

Rihanna ce l'hanno messa giusto per mettere un nome in cartellone. Pensa come stava messa la produzione.

paolo-saccuzzo ha detto...

Io l'ho trovato un ottimo film, visivamente stupendo e con una grande colonna sonora.
Statico in alcune fasi (quelle che, a mio avviso, celebrano il gioco Hasbro) e finalmente una figura femminile non ingombrante come megan fox e l’altra che in TF stavano sempre in mezzo ai piedi.
Difetti? Liam Neeson, usato col contagocce, la trama buona ma poco approfondita (sequel) e un finale tirato per i capelli. Per il resto un buon prodotto di intrattenimento, con 120 minuti tiratissimi e mai pesanti da digerire.

Angel-A ha detto...

Io le tue recensioni anche se solo di due righe me le leggo sempre! ^___^
Ahhahaha.. sai che anch'io ci sono andata causa pioggia??
Cmq ottima recensione che non fa che confermare la mia opinione..Transformers (che mi ci hanno portata a forza i miei amici nerd) l’ho odiato e da questo non mi aspettavo nulla di meglio ed infatti….

Axeloth ha detto...

Ma Cyberluke nn starai generalizzando un po' troppo le cose? Mi sembra di vedere degli otaku che dicono che one piece naruto e dragonball siano uguali... x via di nemici sempre piu' forti che vengono battuti dai protagonisti che tornano dalla morte altrettanto piu' forti e bla bla bla... queste cose le vedono solo le persone superficiali che ormai , dopo aver visto centinaia di film nn riescono piu a vedere cn gli occhi di un novello cineamatore. Io ho trovato il film divertente sin dall'inizio, con alieni molto realistici e armature ben fatte. Poi qualcosa di innovativo ci sarebbe, tempo fa girava un video su youtube di un ladro imbranato e ubriaco cercava di rubare dentro a un supermercato... bè, le stesse scene riprese dalla videocamera di sicurezza sono state utilizzate nel film, naturalmente reinterpretate dall'attore protagonista :) il video lo trovate qua:
http://www.youtube.com/watch?v=g-uo13CrRq4
dopo questo vi posso solo dire di nn fare i pecoroni, provate sulla vostra pelle, nn lasciate che siano gli altri a pensare x noi, se pensate che una cosa possa piacervi nn fatevi abbindolare da altri e provate voi stessi.

elgraeco ha detto...

Uelà, bentornato. ;)
È in programma e sai una cosa, credo tu abbia ragione. Inutile chiedersi il perché di certi film. È evidente, il perché. Per fare soldi, per intrattenere a prezzo facile, standardizzato. Almeno chi li fa non ha nessuna altra pretesa di vendere il film per ciò che non è. ;)

CyberLuke ha detto...

Axeloth: generalizzare?
Io vedo un film, e dico cosa ne penso. Punto.
Come ho detto, probabilmente io non sono nel target pensato per questa minchiata, pensata per intrattenere e divertire un certo tipo di pubblico.
Mea culpa per aver scelto un tipo di film non adatto a me, ti suona meglio così?

Anonimo ha detto...

Beh io le tue "rece" le leggo anche se non penso che guarderò mai il film di cui parli, e non mi preoccupo di avere o meno la tua stessa opinione... e sapevo che te ne saresti uscito con qlcosa di non troppo gentile su Battleship...
scherzi a parte io rispetto la tua recensione, questo è il tuo blog, e i punti di vista sono infiniti…la gente s’infuria se le cose non vanno come dicono loro…fregatene io sono per il libero pensiero..
P.S. non guarderò mai questo film perchè se voglio vedere fuochi d’artificio e alieni mi guardo Aliens…;)

Kaneda ha detto...

Io sono tra i moltissimi che è andato a vederlo appena è uscito (e no, non pioveva).
In parte concordo con te: Film d'azione bellica, puro piacere infantile (e decerebrato) per la distruzione realizzato con mestiere, violento quanto basta per esaltare i ragazzini, edulcorato quanto basta per essere visibile da tutta la famiglia.
In confronto GI Joe è un problematico film di fantapolitica.
Prodotti del genere è ovvio che servano a veicolare, insieme al''intrattenimento, il merchandising e i valori patriottici/militari (in questo caso, e nella maggior parte dei casi, americani).
Io gli dò un bel "sette meno".