sabato 18 agosto 2012

Post da ombrellone, 3.

Non ha mai avuto una risonanza internazionale, neanche in un mondo e in un periodo storico dove persino una miss nessuno come Patsy Kensit viene ricordata come icona.
Eppure, Joan Severance, 54 anni a dicembre, era una di quelle che turbavano non più la mia adolescenza, ahimé, ma la mia giovinezza (chi ha detto "perduta", là in fondo?) fin da quando la vidi ritratta da Helmut Newton in un fatale bianco e nero e vestita di un solo sassofono.
Eccettuato il primo Arma Letale e Non guardarmi: non ti sento con Gene Wilder, la sua carriera come attrice non è costellata di indimenticabili successi... ma proprio in "quella" scena con Wilder (che vi posto qua sotto e che vi suggerisco di guardare subito, perché sul Tubo prosperano video di adolescenti idioti che fanno cose idiote ma fanno presto a rimuovere filmati di donne appena uscite dalla doccia) io passai dall'ammirazione all'adorazione.

Insomma, era una statua fatta donna. In tempi dove la chirurgia estetica si limitava a raddrizzare qualche naso.
Se vi interessa sapere che fine ha fatto la Severance, potete trovarla ancora in qualche produzione televisiva non memorabile... uno dei tanti cimiteri mediatici dove vanno a finire le starlette decadute.
In queste calde giornate d'agosto, mi piace ricordarla così.

13 commenti:

Larsen ha detto...

finalmente una bella donna e non il tuo "solito" puttanone biondo e di plastica :D

ilpalcodellalce ha detto...

Uh, cosa hai ripescato!!!
Era il mio sogno erotico di ragazzino!

io me la farei anche adesso....

Ferruccio Gianola ha detto...

Non la ricordavo più... grazie:-)

Angel-A ha detto...

^___^ quotone x Larsen!!!!

Planetary ha detto...

E quando ancora la depilazione alla brasiliana non aveva monopolizzato le giovani menti femminili ^_^

Valerio ha detto...

Beh, evidentemente la chirurgia ai tempi non si limitava ai soli nasi... la tipa ha le tette rifattissime, passano però inosservate con quello splendido corpo.
Comunque sempre una spanna sopra le zoccolone a cui ci hai abituato! :)

CyberLuke ha detto...

Zoccolone? Bada a come parli.
Ho un debole per le donne un po' vistose. Quanto al seno rifatto, che prove hai per sostenere la tua affermazione?

Stefano ha detto...

nella foto con le braccia alzate si vede bene che le bocce son diventate di caucciù: troppo perfettamente a forma di palla. :p


p.s.
che bella topa...

Ariano Geta ha detto...

Gran bella donna, davvero.

JanQuarius ha detto...

O è bella la donna, o è bella la topa, o è bello il corpo... o sono storti quelli che la guardano XD

Per me son sempre gusti...
Comunque, mi piace un altro tipo.

Yeeshaval ha detto...

Bella patonza anni ottanta, nulla da eccepire.
E in effetti la roba che ha attaccata al petto potrebbe anche essere roba sua. Ce ne sono, di donne così fortunate.

JanQuarius ha detto...

Fortunate? :D
Ma che ci fai con quei mandarini, te li mangi?
Io ne conosco parecchio che si lamentano di non poter neanchè correre con quel bagaglio - dono della natura... poverine...

dandia ha detto...

Questa sembra carina.
Anch'io ho suonato un sassofono come quello e mi ci sono pure divertita parecchio.
Quella foto mi ricorda il caldo afoso di certi pomeriggi estivi passati a casa a suonare, quando per potersi esercitare senza rischiare di sciogliersi completamente in un bagno di sudore era necessario progressivamente alleggerire l'abbigliamento fino a livelli assai poco presentabili.
Unica precauzione... Stare lontana dalle finestre! :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...