martedì 4 dicembre 2012

Comunicazione di servizio.


Ho chiuso il mio account Facebook, quindi questo blog e al massimo il mio Tumblr restano gli unici canali dove troverete ancora cose mie, ammesso che anche questo blog resti attivo nei prossimi mesi.



La mia iscrizione al social network più pasciuto del mondo era nata per segnalare e pubblicizzare gli aggiornamenti al blog, ma poi, quasi inevitabilmente, è diventata qualcos'altro, portando in dote cose buone e altre meno.

Diciamo che le cose meno buone hanno superato quelle buone, quindi chiudo.


Se avevo questioni aperte con qualcuno (uh, Daniela? avevi un'intervista a cui dovevo rispondere, o sbaglio?) su quella messaggeria che non ricordo, invito gli interessati a usare il mio solito indirizzo email.

L'esperienza mi ha insegnato, credo, qualcosa in più sulla natura umana e di quanto le interazioni tra gli individui possano portare a risultati imprevedibili, e per ora mi ritiro a riflettere su questo.

Grazie a chi mi ha seguito finora e deciderà di continuare a farlo.

PS Per chi decidesse, ora o un altro giorno, di seguire le mie orme, basta seguire questi pochi, semplici passi:

26 commenti:

Simone Longarini ha detto...

Addirittura? Peccato, vorrà dire che continuerò a seguirti solamente su questo Blog.

Lorenzo Imperato ha detto...

mi faceva piacere "vederti" su facebook... ma ho sempre preferito il blog che seguo da anni ormai :D

Lory84 ha detto...

Naaahh non ci credo proprio ora che mi ero decisa a chiederti l'amicizia... XD
Cmq sì è vero FB può rivelarsi incasinante...

Uapa ha detto...

Una parte di me in un certo senso aspettava questo post da quando hai detto che avresti aperto un profilo Facebook :-)
Spero di poter continuare a seguirti qui :-)

Allez ha detto...

Ma sì, nemmeno io ho facebook, e mi piace pensare che quel tanto di energie che avresti potuto disperdere lì si concentreranno qui; il tuo è uno dei miei blog preferiti, e spero resti aperto ancora molto ma molto a lungo.

(non so se ti ricordi, sono quello strano che ti ha avvicinato a Lucca e che sul momento, preso da una inaspettata confusione, non ha saputo cosa dirti :-)

LUIGI BICCO ha detto...

La correlazione tra il fatto che tu abbia chiuso il tuo profilo su facebook e il fatto che anche questo blog è a rischio, non esiste, giusto?

Sarà sicuramente accaduto qualcosa per la quale facebook ti ha rotto le scatole. O forse ti sei reso conto di non voler più perdere troppo tempo.

Su facebook non ci ho mai messo piede. Ancora oggi non me ne pento, se non per una mera questione di contatti di lavoro diretti che lì avrei trovano (purtroppo) e altrove no.

Comunque spero vivamente sia una roba di passaggio, la tua. E per quanto mi riguarda, il tuo blog mi basta ;)

Maura ha detto...

Mi unisco al coro di chi si rallegra: la mia presenza sul faccialibro è durata abbastanza poco, qualche mese... poi l'ho mollato là e non mi è mai mancato.
Non credo mancherà neanche a te. ;-)

Larsen ha detto...

peccato... l'interazione era sicuramente piu' diretta ed immediata via fb... mi spiace.

Alessandra ha detto...

:( Peccato mo te li mando via mail i link di paris? :p Sapevo pero' che era difficile cancellarsi da facebook, confermi?

CyberLuke ha detto...

@Alessandra: no, è facile. Sono due click.
@Larsen: fin troppo diretto, fin troppo immediato.
@Maura: beh, richiedimelo tra un po'.
@Luigi: invece esiste. E cmq non dò certo la colpa a FB di niente. FB è solo uno strumento.
@Allez: grazie di esserti manifestato, a Lucca. ;)
@Uapa: è la tua giornata, allora! ;D
@Lory: ho dato l'amicizia a persone con cui non ho mai scambiato manco una parola. E manco questo è troppo normale, mi sa.
@Lorenzo: beh, il blog è un'altra cosa.
@Simone: addirittura "addirittura"? :D

ivO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ivodelo ha detto...

La tua scelta è condivisibile. "bisogna sempre scegliere di che morte morire" tu hai scelto quella senza social network. Poco male, tanto questo blog è l'icona a fianco quella di gmail. CMD+click ed il gioco è fatto... ;)

Alex McNab Girola ha detto...

Beh, sì, alla lunga Facebook può venire alla nausea, specialmente se si incontra la gente sbagliata.
Io lo uso meno rispetto al passato, e per promuovere i miei articoli è sempre ottimo.
Per il resto assai meno...

Jack ha detto...

basta che continui a scrivere qui; io sono uno di quelli che ti seguiva anche su fb e con cui non hai mai scambiato due chiacchiere... ma solo perché il tuo blog per me ha la dimensione migliore.
mi piace leggere quello che scrivi e intervengo solo se ho qualcosa di vagamente sensato da dire

Ettone ha detto...

Ti stimo molto... A volte penso che i MI PIACE di FB stiano fuorviando la mia produzione e la mia libertà artistico-creativa. Anche se devo ammettere che mi sta portando molti contatti positivi, per cui al momento nel mio caso, serve... ;)

sommobuta ha detto...

"mmesso che anche questo blog resti attivo nei prossimi mesi."

Ti tiro la cupola di San Pietro addosso nel caso contrario in cui... ;)

pa ha detto...

spero che questo blog duri a lungo! è un blog davvero bello!

Lady Simmons ha detto...

Io spero vivamente che questo blog continui ad esistere, mi mette di buon umore ed è pieno di creatività e spirito artistico, oltre che critico.
Riguardo Facebook...ben fatto!

La firma cangiante ha detto...

Io su Fb non ci sono mai entrato però forse è più giusta la tua di esperienza. Si prova, si valuta, si decide. Però al momento ancora no.

Ariano Geta ha detto...

Io non ho mai avuto un account su fb, e sentire un'opinione del genere da una persona qualificata come te rafforza la mia scelta di non facebookarmi.

erik ha detto...

Mi faceva piacere poter interagire su FB, ma è uno strumento che può rivelarsi tanto comodo quanto deleterio, visto che si sopravviveva prima, penso riusciremo a sopravvivere anche adesso.

Glauco Silvestri ha detto...

Conoscendo le tue avversità iniziali, credevo cedessi anche prima.
A ogni modo FB, con tutte le buone intenzioni, tende a inquinare le proprie intenzioni. Non è un caso che di recente io abbia fatto un bel taglio dalle amicizie FB (da 250 e passa a 165). Non è stata "cattiveria", bensì il desiderio di ridimensionare il mio uso del social network per ciò che erano le mie intenzioni iniziali, ovvero mantenere i contatti con conoscenti che non vedo spesso.
Ma è dura...

Marvin ha detto...

Ben fatto.

Dalailaps ha detto...

Mi pare che tu abbia sempre fatto le cose così come te le sentivi, quindi non devi "giustificazioni" a nessuno. :)
Per quanto mi riguarda: se ti va ancora di partecipare al progetto trovi tutto qui, domande e mail a cui mandarmi le risposte. :*

Ferruccio Gianola ha detto...

Capisco:-(

Hell ha detto...

Ehi, io ti seguo sempre. Sono solo stato lontano da internet per un po'. ^^