lunedì 21 gennaio 2013

I 10 film più attesi del 2013 (prima parte)

Tranquilli. Sono solo due parti.
È che avevo iniziato pensando di cavarmela con dieci film e poche note, e alla fine mi sono scritto addosso.
E, ad ogni modo, questo 2013 sembra decretare il grande ritorno alla fantascienza.
Era pure ora.

OBLIVION
Uscita italiana: 11 aprile.
La storia: Il comandante Ben Harper (Tom Cruise), è un veterano di guerra spedito dalla corte marziale sulla Terra per riparare droni da combattimento bloccati. È il 2015 (tra due anni? ma per favore), tutta l’umanità si è trasferita da tempo in città fighissime sopra le nuvole, e la Terra è ormai desertificata e semi invivibile. Cruise fa un po' Will Smith in Io Sono Leggenda e se la vede con quel che resta di una razza aliena, gli Scavengers, e una bellissima sconosciuta (l’ex bond girl Olga Kurylenko), unica sopravvissuta di una navetta che si schianta al suolo.
Il regista: è lo stesso Joseph Kosinski che ha diretto quel bellissimo giocattolo vuoto che era Tron Legacy, ma stavolta è coadiuvato alla sceneggiatura da Michael Amdt (Little Miss Sunshine), Karl Gajdusek (Trespass) e William Monaham (The Departed).
Aspettative: non è un remake, non è un sequel né un reboot, non è tratto da una serie televisiva o da un fumetto. È uno dei pochi soggetti originali scritti per il cinema, e questo basta per farmi sognare. Il manifesto mi piace, e dopotutto Cruise non è così malaccio. E poi è fantascienza, che cazzo. Respect.


IRON MAN 3
Uscita italiana: 23 aprile.
La storia:  terzo capitolo della saga del supereroe più sborone del mondo. A questo giro, gli autori gli mettono davanti lo storico nemico fumettistico il Mandarino, che lo prenderà a schiaffi di brutto e soprattutto lo spingerà ad acquisire una nuova consapevolezza: l'armatura non è tutto. L'arma assoluta è il cervello, come dicevano anche i Devo negli anni ottanta.
Sappiamo già tutti come va a finire, ma non è per questo che si vanno a vedere questi film, giusto?
Il regista: Favreau si è rivelato per quello che era: un fuoco di paglia, e dopo il mediocre Iron Man 2 (per tacere di Cowboys contro Alieni) l'hanno messo a fare la comparsa nel ruolo dell'autista di Stark, che fa meno danni. Dietro la cinepresa, la Marvel ci ha piazzato Shane Black, regista di quel Kiss Kiss Bang Bang del 2005 che io non ho visto ma di cui tutti dicono un gran bene. Che dire, stiamo a vedere.
Aspettative: È il primo film prodotto dai Marvel Studios a essere distribuito dopo The Avengers, e direi che gli conviene giocarsela bene. Ma sopratutto è stato scritto basandosi sulla graphic novel Extremis di Warren Ellis, per la quale mi sono sperticato QUI.
Se mantengono un terzo di quella storia, il film rischia di superare il primo. Ci credo poco ma ci spero.



ROBOCOP
Uscita americana: 9 agosto.
La storia: è l’anno 2029 e la multinazionale OmniCorp è al centro della ricerca e sviluppo di tecnologie applicate alla robotica. I loro droni stanno vincendo per gli Stati Uniti d'America guerre in tutto il mondo, e ora hanno deciso che è arrivato il momento di farci i soldi anche in casa, vendendo la loro tecnologia alle forze di polizia.
Come nell'originale del 1987, Alex Murphy è un bravo poliziotto, marito e padre affettuoso. Un giorno gli dice malissimo e viene ridotto in fin di vita, ma viene resuscitato di forza trapiantandolo in un corpo robotico, il primo di una serie di poliziotti-cyborg prodotti dalli OmniCorp.
Ora, avere un corpo semi-indistruttibile può fare comodo in un mucchio di occasioni, ma qualcuno dovrebbe pensare anche ai risvolti psicologici della faccenda. Perché far tacere la scintilla di umanità rimasta accesa in un mucchio di protesi robotiche può rivelarsi una faccenda complessa e dolorosa.
Il regista: Il film ha avuto una gestazione lunga e travagliata. Aveva iniziato ad occuparsene nel 2008 Darren Aronofsky, prima di sfanculare tutto il progetto e mettersi a girare Il Cigno Nero (non smetterò mai di chiedermi come sarebbe stato un Robocop filmato da lui). La MGM ha scelto il cineasta brasiliano José Padilha, che ha al suo attivo un Orso d'Oro a Berlino per il suo Tropa de Elite, e il suo sequel è finito in concorso per il miglior film straniero per il Brasile l'anno scorso. A quello che leggo, Tropa de Elite aveva tono, adrenalina, violenza e sadismo in quantità... il che, per un soggetto tutt'altro che tenero come Robocop, potrebbe essere esattamente quello che ci voleva.
Aspettative: Robocop è il remake di uno dei più riusciti, violenti e scorretti film di fantascienza fine anni ottanta, e toccarlo è quasi un sacrilegio. Ma, come mi avete sentito spesso dire, non ho niente a priori contro i remake... dipende esclusivamente da come sono fatti. Avvicinarsi alla potenza dell'originale sarebbe già un grandissimo risultato.



AFTER EARTH
Uscita italiana: 5 giugno.
La storia: Siamo alle solite: la Terra è stata devastata da innumerevoli cataclismi e l'umanità, dopo aver combinato il casino, ha dovuto abbandonare il pianeta. Mille anni dopo, Nova Prime è diventata la nuova patria del genere umano. Il leggendario generale Cypher Raige (Will Smith) fa ritorno a casa dopo un lunghissimo turno di servizio, pronto ad assumere il ruolo di padre nei confronti del tredicenne Kitai (Jaden Smith, sì, suo figlio, lo stesso odioso ragazzino che abbiamo odiato tutti nel remake di Ultimatum alla Terra). Una tempesta di asteroidi danneggia la loro navicella, e i due sono costretti a un atterraggio di fortuna sull’ormai inospitale e pericolosa Terra. Cypher nell’impatto rimane gravemente ferito e Kitai deve attraversare territori ostili nel tentativo di raggiungere il faro che, attivato, gli permetterà di richiamare i soccorsi. L'occasione perfetta per il marmocchio, sognata da sempre, di diventare un eroe come suo padre.
Il regista: M. Night Shyamalan non è esattamente il regista più affidabile sulla piazza, ma diciamo che tra cose ottime come Unbreakable, interessanti come The Sign, passabili come E venne il giorno e imperdonabili come L'ultimo Dominatore dell'Aria, un'ultima chance gliela si dà, via.
Prego solo il mio dio di non assistere una versione sci-fi di Alla ricerca della felicità.
Aspettative: Sento odore di tremenda cazzata, ma potrei anche venire piacevolmente sorpreso. Potrei.


WORLD WAR Z
Uscita italiana: 27 giugno.
La storia: Liberamente tratto (così liberamente che dell'opera originaria non resta praticamente un cazzo) dal romanzo di Max Brooks, World War Z racconta la storia di Gerry Lane (Brad Pitt), un dipendente delle Nazioni Unite con moglie e due bimbe che si ritrova, da un momento all'altro, immerso fino al gomito nel caos, nella violenza e nel panico generati da orde di zombie che si riversano per le strade. 
Il buon Gerry decide di combattere questa guerra in prima persona, per tentare di bloccare l’epidemia prima che la Terra diventi Zombieworld.
Il regista: Marc Forster è tedesco, giovane e con un discreto curriculum alle spalle (anche se ha firmato uno dei peggiori 007 della storia, Quantum of Solace), e, tutto sommato, non è la peggiore scelta che Paramount poteva fare... anche se, messo a confronto con un romanzo che è un mito già per ben più di una generazione, potrebbe fare un capitombolo da non rialzarsi più. 
Però alla sceneggiatura c'è J. Michael Straczynski, che, chi tra voi legge fumetti, conoscerà per aver firmato serie come I Fantastici Quattro, L'Uomo Ragno, Supreme Power, Silver Surfer ,Thor e Bullet Points. Non proprio l'ultimo arrivato.
Aspettative: Non sono un fan del genere zombie e serie come The Walking Dead non le guardo manco se l'alternativa è passare l'aspirapolvere per casa. Ma il richiamo di un'opera così seminale come World War Z è sufficientemente potente persino per me. Diciamo che sono piuttosto curioso.

(continua)

21 commenti:

Dama Arwen ha detto...

WORLD WAR ZETA lo vuol vedere Diego… -.-

Lisa Costa ha detto...

Uhm... di questi l'unico che mi intriga un po è World War Z, anche se il genere zombie ultimamente è un po' troppo presente!

Yeeshaval ha detto...

Io, Tom Cruise non lo farei recitare nemmeno all’oratorio.
Gli altri tre mi sembrano un po' le solite americanate fantascientifiche tutta effetti speciali (Aftrer Earth e a occhio attinge a piene mani da Avatar, che a sua volta attinge… bè lo sai meglio di me).
WWZ è un zombata ad alto budget, magari per Brad la si vede, via.

pa ha detto...

sbavo per World War Z - ho adorato i libri - sai che amo gli zombie.

poi, a parte i film di fantascienza, chiaramente, sta uscendo molto altro!!!!!

Anonimo ha detto...

Su Shyamalan sei stato fin troppo buono... ha sbagliato tre film uno dopo l’altro in un down generalmente associabile alla perdita della propria credibilità. Prima Lady in the Water (salvabile solo per le musiche ma detestabile nella sceneggiatura), poi E venne il giorno (detestabile sceneggiatura e protagonisti completamente sbagliati) e infine L’ultimo dominatore dell’aria. Tutti ad altissimo budget. Innegabile che dopo Unbreakable (che ho adorato) e Signs ha cominciato a perdere colpi con The Village. Quindi penso che sia un vero miracolo se qualcuno ancora gli mette in mano una produzione da decine di milioni di dollari solo perchè ha fatto il colpaccio iniziale con Il sesto senso. Personalmente lo trovo un regista senza più idee da almeno tre/quattro film fa. E pure molto sopravvalutato.

Ariano Geta ha detto...

"Robocop è il remake di uno dei più riusciti, violenti e scorretti film di fantascienza fine anni ottanta, e toccarlo è quasi un sacrilegio".
Appunto. Io adoravo Robocop, sono uno dei pochi che vedeva pure il telefilm. Se lo rovinano giuro che invio un pacco bomba al regista.

Kaneda ha detto...

x Ariano e Luca: temo che per vedere il remake di Robocop dovremmo aspettare ancora, tipo il 7 febbraio 2014, data in cui è slitatto assieme a parecchie altre uscite Sony Pictures... almeno così leggevo. :(

Angel-A ha detto...

Di questi il primo che andrò a vedere è Iron Man 3, teaser fighissimo, cupo, molto più in stile nolan rispetto ai toni scanzonati dei due capitoli precedenti....
hype a mille già da ora, si prospetta il capitolo più interessante della trilogia! ^____^

BlackBox ha detto...

Per me M. Night Shyamalan è un bravo regista, del resto ha girato grandi cult come Il Sesto Senso, Unbreakable e Signs ma poi…. il vuoto.
Un insieme di film pessimi senza capo ne coda e per questo mi mantengo cauta su questo After Earth.
Ma il trailer mi è piaciuto molto e la sinossi mi pare intrigante. Grandi paesaggi, scene di grande impatto, un bel monologo di W.Smith (che difficilmente sbaglia film) ma anche una certa mancanza di un “nemico” vero. O forse il nemico è la stessa natura del pianeta Terra?
Comunque, di tutti i film della tua lista mi sa non mancherò uno perché il mio boy ha più o meno i tuoi stessi gusti e... ahimé, mi ci trascinerà! :-D

TheProv ha detto...

Wish list che ricalca da vicino la mia.
Spendo due parole per Iron Man 3: credo che Nolan abbia davvero ridisegnato la strada dei cinefumetti. Dopo Superman, anche Iron man è diventato più serio e preoccupato. Impossibile poi non notare il parallelismo sul terrorismo con il terzo Batman.
Di solito è giusto ispirarsi ai vincenti (non posso definire altrimenti la saga di Batman), ma in questo caso un piccolo timore che si snaturi l’Iron Man che abbiamo conosciuto e apprezzato, dai “Tony” più leggeri, ce l’ho.
Bè, aspettiamo l’uscita e vediamo, che vi posso dire! :)

Maura ha detto...

Di questi, credo vedrò Worl War Z. Il trailer mi è piaciuto, magari anche perché non sono proprio una patita degli zombie.
Questo World War Z lo trovo più simile a Io sono Leggenda, e punta (oltre allo spettacolo e all’azione) anche ad un certo realismo, cioè epidemia, persone impazzite che si comportano come animali, e tanti morti. I tempi degli zombie che camminano lentamente per strada e si fanno impallinare con una certa facilità è finito... per me può ripetere l’exploit, contando anche su Brad Pitt che ha sempre un certo seguito, del film con Will Smith del 2006.

CyberLuke ha detto...

@Dama e BlackBox: per una volta, date retta ai vostri boyfriend. Così, tanto per pareggiare le volte che li avete costretti a vedere quelle commedie americane di merda. Magari vi divertite pure. ;)

@Lisa: guarda, degli zombie personalmente me ne frega meno di zero. Non so neanche perché faccio un'eccezione per WWZ.

Questione Shyamalan. Per come la vedo io, tra cose buone e meno buone, la chiude in pareggio. Quindi, figlio di Smith sub judice, questo After Earth farà oscillare l'ago della bilancia definitivamente da una parte o dall'altra.

@Ariano: sì, diciamo che hai ragione. Ma magari questo remake è ben fatto, chi te lo dice.

@Kaneda: 2014? e che cazzo.

Alex McNab Girola ha detto...

WWZ si rivelerà la cazzata del secolo, stravolgendo bellamente il romanzo, così bello e riuscito da piacere anche (soprattutto?) a chi non ama per niente gli zombie.
Ecco, il film a quanto pare sarà tutta un'altra cosa.
Una cosa brutta.

The_Joker ha detto...

Quoto Alex. A prescindere dal fatto che di horror nel trailer di WWZ non c’è nulla (e in un film sugli zombie l’elemento horror DEVE essere in primo piano, a mio modesto parere) il film sembra comunque una grandissima f**ata!! :)

LUIGI BICCO ha detto...

Perché ho paura che la maggior parte di questi film, nonostante io aspetti trepidante l'uscita di tre o quattro di essi, possa rivelarsi una sonora cazzata?

Su Oblivion e After Earth voglio proprio sperare. Robocop mi fa tanta paura, invece.

Neliel ha detto...

Se devo pensare male: Shyamalan non trovava nessuno che gli desse una lira x fare un film dopo le ultime pippe colossali fatte, Will Smith e la sua overbrook cercavano qualcuno disposto a far recitare quel raccomandato del figlio pagando barcate di soldi, ed il resto è storia…. :D

Valeria Boffi ha detto...

Forse Oblivion...forse però...Io sono legenda mi terrorizza (vedi scena morte cane) quindi eviterei.

Di questi abbiamo in comune solo Iron Man 3....ahahahahahaha!

:D

Barbara Jurado ha detto...

Sinceramente, non ne attendo manco uno.
Per il 2013 mi disegno "The Great gatsby" e il seguito di Hunger Games "Catching Fire", sicuramente sarano due film esplosivi... :)

Alex McNab Girola ha detto...

Ah, ovviamente aspetto con ansia il terzo Iron Man *_*

Lady Simmons ha detto...

Direi che si preannuncia un 2013 interessanteeee!
Io aspetto WWZ perchè sai che adoro gli zombi (detto così è un po' sinistra come affermazione...), Iron Man 3 ovviamente per vedere il Tony Stark più strepitoso mai esistito, e soprattutto (spero sia nella seconda parte) Star Trek Into Darkness.
Anche After Earth mi incuriosisce, Robocop ho paura di andare a vederlo, Oblivion mi intriga nonostante la mia antipatia viscerale per Cruise.

ANCORA!!!

OT: Torino Comics?

La firma cangiante ha detto...

In quello di World War Z hanno dimenticato una i e messo una t di troppo nel nome dell'attore :)