martedì 12 marzo 2013

[Recensione] Upside Down


Sono andato a vedere questo Upside Down con la speranza di vedere una fiaba fantascientifica con le inevitabili contaminazioni sentimentali ma supportata da un impianto visivo non meno che sontuoso, da una fotografia asservita alla poetica della storia –ma anche ai toni da fantasy sociologico – e da interpretazioni all'altezza.
Che cosa ho avuto?
Una fiaba fantascientifica con le inevitabili contaminazioni sentimentali ma supportata da un impianto visivo non meno che sontuoso, da una fotografia asservita alla poetica della storia –ma anche ai toni da fantasy sociologico – e da interpretazioni all'altezza.

E allora, tutto bene?

Neanche per sogno.

Perché Upside Down è sì tutto questo, ma anche una pellicola che non sta in piedi neanche a puntellarla con tutte le scenografie, la fotografia e gli effetti visivi del mondo.
La storia d'amore che travalica i confini dei due mondi e che dovrebbe costituire il cuore pulsante del film è talmente banale, malscritta e fiacca che il nostro coinvolgimento emotivo nei confronti dei due protagonisti, novelli Romeo e Giulietta che vogliono superare le correnti gravitazionali come Battiato nella sua smielata La Cura, è pari a zero.

Pazienza per le incongruenze sulle leggi fisiche che dovrebbero governare l'ingegnoso universo che costituisce la sola, vera (ma potente, va riconosciuto) trovata visiva del film: sempre di fantasy (più che di fantascienza vera e propria) si tratta, quindi non stiamo a fare troppo i rompicoglioni… ma in Upside Down manca chiarezza (nonostante i vari spiegoni della voce fuori campo), una costruzione drammatica, non c'è progressione per accumulo, un finale veramente risolutivo e soprattutto modestia per l’insistenza a cercare di mantenere stabile un mix di fantascienza, mélo e denuncia sociale da due soldi.

In poche parole, ho visto puntate di Fringe più movimentate e visionarie di questo Upside Down.
Lasciatelo perdere.
Fate finta che non ne abbiate mai sentito parlare o, se proprio non ce la fate, scaricatevelo.
Ma non dategli i vostri soldi.


Considerazione a margine.
Per quanto continuino a pomparla e a ripropormela a intervalli regolari, non riesco davvero a farmi piacere Kirsten Dunst. Lasciando stare che ormai comincia ad essere anagraficamente fuori tempo massimo per tutte le parti di post-adsolescente che le cuciono addosso, la trovo sexy quanto una maniglia e di certo non più brava, tanto per restare dalle parti di Fringe, di una qualsiasi Anna Torv.

18 commenti:

Lorenzo Imperato ha detto...

mi hai tolto un bel dubbio, mi sa che me lo vedo comodamente a casa!
Su Kirsten Dunst sono pienamente d'accordo.... a me infastidiva già ai tempi di Spiderman!

Ora mi è rimasto solo Looper... spero sia qualcosa di più di un semplice action!

barbara ha detto...

L'ho visto, intrigata dal trailer che me l'aveva fatto scambiare per una sorta di "Inception" romantico. E mi stava venendo il diabete. :P
Se non l'hai già visto, però, prova a consolarti con "Another Earth"!

Yeeshaval ha detto...

Grazie sette euri risparmiati.

Christian ha detto...

condivido la critica.. io sono casa in malattia...e mi sono beccato la visione del film da mulo... come dire il male in terra

Angel-A ha detto...

NOOOOOOOOOOOOOOO!!! non mi dire così!
Volevo andarlo a vedere proprio domani sera.... (cioè... quattro persone che erano riuscite a mettersi d'accordo sullo stesso film...nevica!). ^____^
Fa davvero così cagare?

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

non toccarmi kirsten dunst!! :)

CyberLuke ha detto...

È evitabile, Angela.
È un film tranquillamente evitabile.

CyberLuke ha detto...

@Marco: la Dunst mi era piaciuta parecchio in Elizabethtown. Ma lì era graziata da un ruolo che, per una volta, sembrava scritto apposta per lei.
Non è proprio il caso di Upside Down, credimi.

Luca Prandi ha detto...

...avevo il dubbio che fosse una puttanata...vabbuò, se passa su Sky ci do' un'occhiata...

@barbara: di Another Earth ne parlano bene in giro...

Lisa Costa ha detto...

Lui è sicuramente più belloccio di lei :)

Film che si salva (ma solo per pietà) grazie alla messa in scena e all'idea iniziale, per il resto dialoghi e sceneggiatura piattissimi!

Fra ha detto...

E' uno dei film che volevo andare a vedere, pensando di trovare "un impianto visivo non meno che sontuoso, una fotografia asservita alla poetica della storia ma anche ai toni da fantasy sociologico"! :)
In effetti, non so perché, avevo già il sentore che fosse una mezza cavolata... Mi sa che seguo il consiglio e me lo risparmio.

Larsen ha detto...

looper lo consiglio... questo mi interessava come ambientazione, ma la storia troppo melensa mi ci fa girare al largo :D

The_Joker ha detto...

Il film non l'ho visto... però io la Kristen me la terrei volentieri in camera come action figure vivente...

:P

Valeria Boffi ha detto...

Concordo in parte. Cioè il film l'ho retto abbastanza (anche se ho dovuto sforzarmi tanto). La fine mi ha lasciato senza parole. =,=" Comunque decisamente bocciato anche per me! :/

Dama Arwen ha detto...

A me non ispirava manco prima… però, più che Fantasy (visto che mancano Draghi, Elfi, Nani ecc) direi che il genere può essere il Fantastico

Ma solo xké ho voglia di rompere i coglioni! :-P

Il Moro ha detto...

Allora cercherò di convincere la mia signora a NON andare a vederlo... :-D

Elisa | Cooking Movies ha detto...

vorrei vederlo, perché ho un debole per James Sturgess, però sospettavo fosse una delusione.. Me lo scaricherò giusto per curiosità. Tra l'altro adoro Anna Torv (mi sono vista tutte le stagioni di Fringe) e se devo scegliere tra lei e la Dunst, voto per la Torv! :) molto più chic!

CyberLuke ha detto...

Ciao Elisa.
Spero davvero che la Torv riesca ad approdare a qualcosa di nuovo, dopo Fringe.
Pur essendo distante dai miei (beceri) canoni di bellezza, la trovo, come dici tu, molto raffinata.