mercoledì 24 aprile 2013

Creative lab


Roba di qualche anno fa.

Partito da uno schizzo a penna che chissà dov'è finito – perché la carta muore, il digitale resta (ma voglio vedere quando, in uno dei millemila scenari postapocalittici dove la corrente elettrica non c'è più o è rara e costosissima come si ribalta la faccenda), passato allo scanner, ricalcato con Illustrator (è un'icona di Illustrator CS, quella?) e completato in Photoshop.

Ricordo che giurai che non avrei fatto mai più illustrazioni vettoriali, almeno finché la gestione dei gradienti non fosse diventata più intuitiva e snella (e sto ancora aspettando).

L'illustrazione doveva servire per un'attività di autopromozione che rimase al palo a tempo indefinito (fortunatamente, aggiungo ora).
A riguardarla oggi, mi piace ancora e vorrei rimetterci le mani, ma non ho neanche più i livelli, per non parlare del file Illustrator.
Spariti per sempre nel crash di un vecchio hard disk.

Ecco tutto quello che ne resta.

9 commenti:

Cervello Bacato ha detto...

Noto il talento ma di ste cose non capisco na mazza xD
Comunque sia, non centra nulla, ma stanotte ho sognato d'essere in un aula di scuola, e che prendevo il libro (parlava di un papa mi pare...) che avevo nel banco vuoto davanti. Ad un certo punto arriva il proprietario tutto incazzato e si riprende il libro e dice che non mi dovevo permettere assolutamente di toccare le sue cose. Il proprietario eri tu!... o.O Sogno strano direi... Ti chiedo scusa per il libro comunque.. Eri visibilmente irritato e mi dispiace xD

Larsen ha detto...

pensare che adobe s'e' comprata macromedia e dismesso freehand... che aveva una gestione dei gradienti sfumati veloce ed intuitiva.
con tutte le limitazioni del caso dovute all'eta' dell'ultima versione di fh (la mx), pero' ancora oggi e' decisamente avanti rispetto ad illustrator... piu' fogli di lavoro nello stesso "desktop", diversi formati nello stesso file (comodissimo quando si preparavano carte da lettere+busta+bv: avevi tutto davanti agli occhi nello stesso momento, ed era piu' facile rendere omogeneo il "pacchetto").
misteri di adobe...

Matteo ha detto...

Mi è sempre piaciuta questa illustrazione, saranno passati almeno 8 anni da quando la mostrasti la prima volta su psd.it e devo dire che regge benissimo alla prova del tempo (magari aggiornando le iconcine :D). Complimenti!

Ettone ha detto...

mi piace moltissimo l'idea alla base del concept... BRAVO e ottima realizzazione... Peccato averlo perso... Son sempre i migliori che se ne vanno.

Leonardo ha detto...

Notevole costruzione, bravo!

BlackBox ha detto...

Complimenti, ottimo lavoro!
E solidarietà per i file perduti. :-(

La firma cangiante ha detto...

Bella l'immagine, ma il tizio seduto sei tu? Sbaglio o un po' ti somiglia?

LUIGI BICCO ha detto...

Da appassionato del vettoriale, non posso che apprezzare. Gran bel lavorone. E pensare che da illustrator te ne vuoi tenere iil più lontano possibile :D

Anonimo ha detto...

@LARSEN
Non gliel'ho ancora perdonata a quei cornuti della adobe! Pettegolezzi non ufficiali dicono che Freehand è stato affossatto per meschine questioni familistiche: il team di sviluppo di Illustrator è (era) diretto dalla moglie di Warnock. Spero che sia solo una fola, ma non mi stupirei troppo del contrario.
Comunque sia FH è sempre stato anni avanti rispetto ad AI e solo con le ultime versioni di AI sono state introdotte funzioni che FH gestiva da un pezzo. Ma in che maniera!?
Chi usa entrambi sa benissimo che FH era molto più "snello" nella gestione dei compiti e molto più flessibile nelle procedure. AI resta tutt'ora rigido e controintuitivo.
Naturalmente chi non conosce FH e non può fare il confronto e, soprattutto, è abituato alla farraginosità di AI, non si orienta con FH e non può dare che un giudizio negativo su FH. Il quale, però, risale al 2003 nella sua ultima release. Riesce comunque a tenere testa ad AI di 10 anni più giovane.
Quel che veramente non sopporto è l'atteggiamento di Adobe che nega recisamente gli argomenti che porta Larsen, che non solo sono veri ma sono "feature" di un LORO programma.
Questi cazzoni non hanno nemmeno capito che FH e AI non sono concorrenti, anzi! Io uso (soprattutto ACQUISTO) entrambi i programmi da più di 20 anni e non mi sognerei mai di fare a meno di uno dei due, non considerandoli sovrapponibili.
Purtroppo, ormai, non c'è più niente da fare. Anche il comitato freefreehand.org non è riuscito a spuntare nulla da adobe (chiedevano il rilascio o la vendita dei codici di FH per favorire una versione Open Source). Mi sono rassegnato ma ho tagliato drasticamente le spese a favore di adobe e alla prima alternativa, migro. (http://www.stagestack.com/en_US/)

a sostegno:
http://www.youtube.com/watch?v=6f8CKjsYS9k
http://www.youtube.com/watch?v=2qZgT3fnwOU

Nonu Aspis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...