lunedì 6 maggio 2013

Apple. Futuro prossimo e meno prossimo.

Era un po' che non vi scassavo con Apple, vero? Ma è tornato il momento.
Qualche giorno fa è stata ufficialmente annunciata la World Wide Developer Conference che Apple terrà a San Francisco il prossimo 10 giugno.
L’evento avrà inizio con il keynote in cui verranno ufficializzate tutte le novità che l’azienda lancerà nei prossimi mesi.
Visto che esistono già zigallioni di siti e blog molto più preparati del mio dove potrete trovare tutte le analisi e previsioni che volete, io, tanto per distinguermi e tanto per cambiare, lascerò il campo alla mia fantasia.
Partendo dalle prossime release Apple talmente "telefonate" che anche i miei gatti le conoscono già a quelle futuristiche e semplicemente assurde.


iPad 5
La data più verosimile per il lancio del nuovo iPad 5 è il prossimo ottobre: Apple mantiene generalmente un ciclo annuale per il rilascio di nuove versioni dei propri prodotti. Fino alla terza generazione, iPad ha raggiunto il mercato nel mese di marzo, e la quarta generazione è stata invece rilasciata lo scorso ottobre.

Sarà più leggero, avrà uno schermo IGZO (una tecnologia creata da Sharp che permette di ottenere schermi più sottili, dal minore consumo energetico e dalla migliore resa dell’immagine). Sarà  più stretto e  meno alto, e lo schermo occuperà quasi tutta la diagonale del prodotto. Avete presente l'attuale iPad Mini? Stessa cosa, compresa la scocca posteriore in alluminio in finitura ardesia o bianca.

Probabilmente avrà una potenza di calcolo ancora maggiore, anche se con l’A6X un utente iPad ha già tutta quella che gli serve.




iPhone Mini

Chiamato anche iPhone low-cost o iPhone Colour.
Andrà a posizionarsi a mezza strada tra gli smartphone economici come i Samsung e quelli di fascia alta come l’iPhone 5.
Apple ha già seguito questa strategia con il lancio dell’iPod nano e dell’iPad mini, due dispositivi più piccoli ed economici rispetto al prodotto originale... ma non così a basso costo. Phil Schiller ha ribadito lo scorso anno che Apple non produrrà mai dispositivi a basso costo, sacrificando funzionalità e qualità. Tanto che le indiscrezioni su questo iPhone sono concordi nel ritenere che l’hardware sarà molto simile a quello dell’attuale iPhone 5, compreso il retina display da 4 pollici.
Magari la scocca in policarbonato al posto di quella unibody d'alluminio, quella sì. 
Nella solita arlecchinata di colori che tanto piacerebbe a Barbie e ne farà vendere fantastilioni tra le teenagers.




iPhone 6




La prossima generazione di iPhone potrebbe essere un dispositivo a tutto schermo, privo del tradizionale tasto home e con il display da 4 pollici e mezzo che si estende da spigolo a spigolo.

Inserire un display più ampio mantenendo invariata la larghezza del dispositivo rispetto alle dimensioni dell’iPhone 5 porterebbe ad un iPhone leggermente più corto e meglio proporzionato rispetto quella specie di telecomando che è l’attuale iPhone 5.

Il tasto Home fisico, una delle poche componenti ancora soggette a guasti meccanici, potrebbe venire sostituita da una superficie sensibile al tocco e in grado di gestire le gesture multi-touch.

Quanto al software, immagino che nel 2014, quando potrebbe venire annunciato, iOS7 sarà in giro già da un pezzo.



iTv


Apple iTv sarà un televisore ad alta definizione  con modelli che andranno dai quarantasei ai sessanta pollici. E di sicuro non ve lo regaleranno (ma tranquilli, vedrete che tempo un anno e comparirà l'iTV nana, quella da venti pollici per i poveracci).
iTv si collegherà al vostro Mac leggendone i contenuti multimediali senza fili (occhio quindi a nascondere bene la vostra cartella di filmati zozzi, sì, dico proprio a voi), a YouTube, avrà un sistema di navigazione sul web e parecchie altre features che vi inchioderanno definitivamente al divano, rendendo sempre più realistica la profezia portata da Pixar in Wall-E.
C'è chi dice che al posto del telecomando avrà una specie di anello, ma mi rifiuto di pensare a una cosa così kitsch.




iWatch

L'anno prossimo, se al polso non sfoggerete al polso un iWatch, sarete guardati come poveri sfigati. Aspettate e vedrete se non ho ragione. Il prossimo oggetto inutile ma parecchio tech di Apple sarà un device da polso (chiamarlo solo orologio sarebbe riduttivo) pilotato dell’assistente vocale Siri e connesso via bluetooth ad altri dispositivi Apple, permettendo magari di utilizzare anche Passbook, il sistema di pagamento mobile sviluppato da Apple e integrato nelle ultime versioni del sistema operativo iOS.
Insomma, non un iPhone da polso (ciao, Dick Tracy), ma piuttosto un iPod ridotto ai minimi termini.
Voglio proprio vedere quanto durerà la dannata batteria.





MacPro

Ce lo stanno promettendo da anni, e intanto parecchi utenti pro stanno passando da Macintosh ad altre soluzioni hardware, visto che Apple sembra aver spostato il suo business dei computer da scrivania di fascia alta sullo scaffafe "poco remunerativo", preferendo fare i soldi (tanti) con iPad e iPhone. Chiamala scema.
Ad ogni modo, i tempi sono più che maturi per una nuova generazione di Macintosh ultraveloci, con uno chassis nel solito alluminio – magari cubico come quello immaginato qui da me che cita il vecchio Cube G4 – in grado di ospitare tutte le schede video, audio, i dischi aggiuntivi e il resto della pacottiglia tecnologica che un professionista della grafica, della musica e del video possa immaginare di aver bisogno.
Ci era stato promesso da quel beccamorto di Cook per quest'anno, ma ci credo poco.




iGlass

Google sta investendo un bel po' di quattrini sui suoi Google Glass. 
Che, se non sapete cosa sono, mi dispiace, ma siete davvero rimasti indietro.
Ma chi non può permettersi di restare indietro, perdendo un autobus importante come quello della Realtà Aumentata (una tecnologia sulla quale mi sento di scommettere forte, nel decennio che verrà) è proprio Apple.
Che mi mangio il cappello se non ha allo studio la sua versione di Google Glass, che sicuramente saranno più fighi, più leggeri e più performanti di quelli di Google (se non commettono puttanate come quella delle mappe).
Non mi sono mai messo in fila ad un Applestore per comprare un prodotto Apple il giorno della sua uscita, ma potrei cambiare idea per quando verranno commercializzati questi cosi che realizzeranno il mio sogno fin da quando ero un ragazzino: diventare un dannato cyborg.





iBike

Ok, sto scherzando.
Però...

13 commenti:

Christian ha detto...

Io voglio l'iBike!!!
Ma se tanto mi dà tanto, dopo un anno mi esce il modello più veloce... per non dire del bocchettone per la benzina che accetta solo benzina Apple... ;)

Angel-A ha detto...

Ma perché un'iWatch?? Non bastano già i nostri smartphone a ricordarci costantemente tutta la roba che dobbiamo fare e a tenerci connessi h24?? ^___^
Se poi voglio vedere l'ora mi basta guardare lo schermo del PC, il cellulare, il cruscotto della macchina... etc etc... forse l'orologio è l'oggetto meno indispensabile tra tutti!

D.M. ha detto...

Tra tutti questi prodotti, l'unico che comprerei immediatamente sarebbe il Mac Pro.
Imperdonabile che un'azienda come la Apple tenga in poca considerazione i suoi utenti "pro" che le hanno permesso di sopravvivere fino alla grande svolta dell'iMac prima e dell'iPod poi.
Io sono dovuto passare già da un po' all'Aspire E1-571 di Acer e devo dire che non rimpiango troppo il Mac...
Però il tuo concept ha un bel design.

Glauco Silvestri ha detto...

ahahhah... iBike voglio proprio vederla. ^_^

Quanto al MacPro, sperem!

Neliel ha detto...

A me invece sfiziano un casino gli iGlass... o, se non dovessero arrivare, anche i Google Glass mi andrebbero lo stesso bene ♥
Mi interrogo solo sul prezzo di un tale giocattolino... quando I ricconazzi avranno finito di giocarci e sarà scaduto il brevetto, il prezzo scenderà per i comuni mortali... Costerà 500-600 euro a mio parere, più o meno come uno smartphone di gamma alta....

Gianna ha detto...

secondo me con i Google Glass (o gli iGlass se Apple entrerà nel business) sarà la fine delle calunnie ... poiché registreranno tutto ciò che vediamo e sentiamo nella nostra vita!
più che alla versione indossabile mi riferisco alla versione biocompatibile su lente a contatto... ne hanno pubblicato i brevetti su Gizmodo.
esempio: ti arriva una denuncia per molestie falsa e tu puoi andare là e dire: fermi tutti, la mia vita è registrata su server google e ovviamente la bugiarda viene smentita... Ma che figata sarebbe?!! Wowowowow!

Maura ha detto...

Questo post dimostra come in molti casi la tecnologia (in questo caso, quella firmata Apple ma abbiamo visto come poi tutti gli altri produttori tendano ad imitarla) è esageratamente inutile, fatta solo per vendere gadget costosi che poco o nulla aggiungono alle nostre vite...

Ricordo che quando ero piccola la tecnologia era strumento di lavoro solo per pochi "eletti"...ma ora è stata letteralmente sdoganata, semplificata e sminuita per attirare chiunque possa permettersela, anzi, spesso facendo anche le rate pur di infilarsi in tasca lo smartphone più all'avanguardia che neanche si riesce a utilizzare appieno.

Mi chiedo quando la tendenza si invertirà... mah.

LUIGI BICCO ha detto...

Sulla moto non ci sono cascato nemmeno per un attimo :D

Sulla tv sono curioso. Ho letto che come fascia prezzo andrà dai 1500 ai 2000, che a me sembrano anche pochi per la Apple. E sulla questione telecomando anello, ho cercato di capire come possa funzionare una roba del genere dopo aver letto qualcosina QUI. Comunque si, sembra una roba un po' sciocchina anche a me. Una cagata, diciamo.

iSDC ha detto...

Approvo tutto ma tre appunti:
1. iPhone6 senza scocca laterale vuol dire che si rompe al primo sussurro; inoltre, il tasto fisico dovrebbe essere sostituito da una superficie touch.
2. iWatch funzionerà probabilmente abbinato a un altro iDevice (iPhone in tasca o AppleTv)
3. Ti sei dimenticato l'iPad Mini Retina

Ma è sempre bello sognare...

Alex McNab Girola ha detto...

Tutto bello, tutto intrigante, forse tranne l'iphone.
Solo io conosco un sacco di persone che si sono buttati - con soddisfazione - su brand alternativi?

Dama Arwen ha detto...

Io voglio il nuovo Mac Pro!!! *_*

Matteo ha detto...

@Gianna il tuo commento è bizzarro, io di fronte a quella prospettiva inorridirei, non sarei felice... punti di vista immagino, ma avere la mia vita "su server Google" non so perché ma non mi entusiasma.

Io poi sapevo che il MacPro non li commercializzavano più in Europa. Sbaglio?

CyberLuke ha detto...

@Matteo: esatto, sono fuori produzione. Anche per questo, ce ne vorrebbe uno nuovo. E alla svelta, pure.
@iSDC: infatti, quel concept di iPhone 6 ha un piccolo touchpad al posto del pulsante home. E il MiniRetina lo dò praticamente per scontato.
@Luigi: infatti, quell'anello mi fa un po' troppo tecno-pappone. Confido in un telecomando a impulsi cerebrali.
@Maura: sottoscrivo gran parte di quello che scrivi. Non tutto.
@Angel-A: forse proprio perché l'orologio, come il walkman o il cellulare, ha bisogno di essere reinventato.