martedì 11 giugno 2013

Mac Pro 2013, la recensione.

Allora.
Pare che Apple ce l'abbia fatta a tirare fuori un nuovo MacPro.
Che, dopo anni (e anni) che avevamo questo
il cui design era rimasto fermo a un decennio fa ed era figlio – sia nelle dimensioni che nel caratteristico pannello frontale d'alluminio traforato – della tecnologia dell'epoca (vedi alla voce: processore Motorola G5, grosso come uno Stephen King edizione tascabile e bisognoso di più aria fresca che un intero centro commerciale a fine luglio) ha deciso di svecchiare ad aggiornare la sua proposta Pro.
E giusto ieri, ha presentato questo:

Uhm, no, aspetta.
Questo:
Abbiate pazienza... volevo dire, questo:Va bene, ok.
Diciamo che l'aspetto non mi fa impazzire, ma magari lo vedo dal vivo e cambio idea.
Anche se il MIO mi piaceva di più, ma non voglio certo passare per quello "io lo facevo meglio per trentamila lire".

Sotto lo chassis nero come la notte (chissà le ditate) ci sono due CPU a 12 core basati su Intel Xeon E5, nuove memorie ultrafast DDR3 a 1866 MHz e 60 GBps, dischi a stato solido SSD ultraveloci, una doppia scheda video formata AMD FirePro che offre sino a 6GB di VRAM dedicata, 20 Gbps di banda (volendo, con una doppia GPU con bus di 348 bit e 528 GBps di banda totale il nuovo MacPro può gestire in simultanea più monitor con risoluzione 4K, pari al doppio dell’attuale full HD), quattro porte USB 3.0, sei Thunderbolt 2 (due volte più veloci della prima generazione), Gigabit ethernet e l'uscita HDMI.

Non è ancora disponibile (in autunno, forse), costerà come uno scooterone e per ora non ho altri elementi per parlarne bene o male... se non la considerazione che, per gente come me il nuovo MacPro è un tale concentrato di potenza e velocità da rendermelo appetibile quanto un martello pneumatico per piantare un chiodo nel muro.

Per tanti altri là fuori, invece, magari è esattamente la macchina che serviva... anche se:

a) non so quanti utenti ha perso Apple nel frattempo per non aver aggiornato per lungo tempo quello che – per ora – resta l'attuale Macpro, tra l'altro rimosso dai listini già settimane fa. E fino all'uscita ufficiale del nuovo?

b) le dimensioni ridottissime (circa 25 centimetri d'altezza) si pagano – come sempre – in espandibilità forzosamente indirizzata da Apple.
Inoltre, ancorare tutto a Thunderbolt, con i prezzi che ha, taglierà fuori un'ulteriore fetta di clientela che, facendo montaggio video (e facendolo seriamente) con una workstation PC attualmente spende molto meno.

Ma, ripeto, discuterne ora è inutile.
Vedremo come reagirà il mercato.
Del nuovo iOS magari parliamo più avanti.

16 commenti:

Larsen ha detto...

mi ricorda il cube... ovvero un'idea buona con il target sbagliato.

il fatto di avere l'hardware letteralmente avviluppato al dissipatore centrale lo rende certamente non comune... ma... un'hardware cosi' e' proprietario e strettamente legato ad apple.

nessuna espandibilita' storage, solo una specie di ssd ma su pcie, forse l'unica cosa "standard" saranno le memorie, e quindi l'unica cosa upgradabile.

il vecchio pro aveva un'aria pro, questo sembra uno di quegli allinone da salotto da 200€...

iSDC ha detto...

Eh, io aspettavo il commento su iOS 7!
;)

LUIGI BICCO ha detto...

L'ho visto stamattina sul sito della Apple:

http://www.apple.com/mac-pro

A me ha lasciato poprio un po' così. Si vede anche solo dalle apertura a raggiera che ci sono sotto, che Jobs se n'è andato (non credo l'avrebbe permesso. Né quello, né il colore nero per un desktop computer).
Il prezzo è altissimo, ma le prestazioni sono davvero altissime, se sei disposto a pagarlo come un'auto.

Questa cosa che è alto solo 25 cm però non l'ho letta da nessuna parte. E' davvero così piccolo. Nel video di presentazione non sembra.

Glauco Silvestri ha detto...

Se la funzione "vaso per i fiori" fosse vera si potrebbe ipotizzare anche una variante raffreddata a liquido (l'acqua dei fiori!) ^_^

La mia sensazione è che questo "Cylinder" detterà le linee stilistiche dei prossimi mac commerciali. Tu che dici? In fondo quando arrivò il MacPro in alluminio gli iMac e iBook erano ancora bianchi, e in breve tempo divennero anche loro alluminio. Poi la AppleTV è nera. Soprattutto non comprendo perché invece le Airport, e le Time Machine, siano rimaste bianche come ai tempi del mio caro vecchio iMac G5.
Forse nel giro di un annetto avremo il MacMini nero e di forma cilindrica, mentre l'iMac cambierà colore nel "di dietro", visto che davanti il display appare già tutto nero.

A ogni modo, ogni giorno che passa, rimango sempre più titubante per il momento in cui dovrò rinnovare il mio parco macchine. E giusto un paio di giorni fà mi è morto il Magic Mouse. Un anno e una settimana esatti di vita.
Funzionano i tasti ma il laser rimane spento e non muove il cursore. Ovviamente la riparazione è impraticabile, e io son stanco di buttare decine e decine di euro in device che promettono tanto ma durano poco. Ora ho un logitech da 9 euro, e funziona benissimo. E se si rompe tra un anno, altri 9 euro e passa la paura!
Senza contare che già avevo dovuto buttare un iPod touch perché mi si erano rotti in sequenza il connettore Dock (sostituito), i tasti del volume (sostituiti), e al jack audio fuori garanzia l'ho cestinato! Neanche due anni di vita ed era sempre in riparazione...

Poco illuminato sono io che poi mi son preso un iPod Classic, e ora un ipad 4, che era talmente scontato che ho risparmiato persino sui tablet android, mentre il tanto agoniato surface costava troppo (32giga a bordo di cui usabili solo 16 perché il resto è occupato dal sistema operativo??).

La qualità è scaduta parecchio. Le scelte tecnologiche sono discutibili, il design è dubbio...

Quando sarà il momento di cambiare il MacBook che faccio? Boh, mah, chissà!

(scusa lo sfogo).

Glauco Silvestri ha detto...

@Luigi Bicco:
E' alto 9,9 pollici (ovvero 25,1 cm). Nel video di presentazione è indicato assieme al diametro di 6,6 pollici (16,7 cm circa). ^_^

CyberLuke ha detto...

@Luigi: QUI magari ti fai un'idea più chiara delle dimensioni.

@Glauco: è quasi matematico: se aumenti i volumi di produzione, la qualità ne risente. Il nuovo MacPro, ad ogni modo, verrà prodotto non in Cina ma negli Stati Uniti. Se è una garanzia di maggior qualità, non saprei.
Ah, e gli iMac del 2008 erano neri, dietro. Ma davanti alluminio. Una livrea bicolore che, almeno a me faceva schifo.

Angel-A ha detto...

Uahahahahah io ho un portapenne uguale!!!!! ^____^

michelangelo giacomelli ha detto...

A me sembra un ibrido tra un portaombrelli plastico da anonimo ufficio e la "Morte Nera" di Star Wars.

Rivoluzionario? Non esageriamo. Utile? Perché no. Ma io non lo comprerei, al solito, per i soliti motivi: estrema (ancora di più) chiusura, non-espandibilità, equivalenza del giocattolo ad altri equivalenti home-made. E del SO mi frega una cippalippa.

Io comprerei un Mac solo se cambiassero di nuovo l'architettura delle proprie CPU, che ne potrebbe giustificare il prezzo. Altrimenti tanto vale farsi un assemblato.

Matteo ha detto...

Beh, la forma è intrigante, bisognerebbe vederlo da vivo per giudicare meglio. Effettivamente può sembrare un portacenere da aeroporti :D

Ovviamente è potentissimo e non so se lo sia addirittura troppo, ma probabilmente c'è una ristretta fascia d'utenza che cerca proprio questo. D'altronde non è certo il prodotto di punta della Apple.

Interessante la virata sul nero, evidentemente si preparano ad abbandonare anche l'alluminio...

Demian77 ha detto...

Questo nuovo Mac Pro dal punto di vista bimbominkia che posta la foto su FB per far vedere quanto è bella la sua scrivania è fantastico... ma dal punto di vista del professionista che ci lavora è ridicolo!
Perde esattamente quello che lo rendeva appetibile per l'utenza PRO: l'espandibilità. E' completamente blindato, così nasce e così muore, a parte la RAM (e ci mancherebbe). E trovo ridicolo che insieme al Mac Pro vanno subito comprati HDD esterni: thunderbolt ovviamente. E' un giocattolo supercostoso, un Mac Mini ultrapompato, ma di PRO non ha più nulla. Il Mac Pro è morto nel 2010, piano piano migreremo tutti a windows, purtroppo.

BlackBox ha detto...

Potente, ORA COME ORA, è potente, su questo nulla da dire. Ma... aspettiamo uno o due anni, quando usciranno processori e GPU più performanti e non sarà possibile aggiornarli se non ricomprando tutto il Mac Pro... poi, mentre prima c'erano 8 slot per aumentare la RAM, adesso io ne vedo solo 4. :-/

Di base monta un disco SSD ultraveloce (e ultracostoso) da quanto, 128, 256, o 512gb al massimo, ma io che lavora su grafica che ha grossi archivi, o su video quanti box esterni dovrò avere?
In studio sul nostro Mac Pro ho: 1 disco SSD da 256 e 3 dischi da 2tb l'uno, più altri 4 dischi esterni da 3tb l'uno (questi ultimi come backup dei dati).
Se passassi al nuovo Mac Pro dovremmo comprare insieme al mac un box da 3 HDD tb, solo per continuare a fare quello che facciamo adesso.
E poi fra 1 anno dovremmo ricomprare il Mac Pro con le nuove schede video visto che su quello appena comprato non potremo sostituire né quelle né il processore.
Ha senso un Mac Pro, veloce quanto ti pare ma con queste limitazioni?

Leonardo ha detto...

xblack box: scusami, quindi stai dicendo tu stessa che già attualmente, sul tuo Mac Pro, hai solo (relativamente) 6 tb interni, e hai comunque necessità di ben 4 dischi esterni...

dov'è il problema, se devi attaccarne altrettanti al Mac Pro nuovo?

in più con le porte USB e Thunderbolt2 che hai a disposizione, non devi necessariamente svenarti e ricomprare tutti hd Thunderbolt...anche se volendo puoi.

Non vedo poi tutte queste limitazioni...

BlackBox ha detto...

E' una questione di costi: i dischi esterni, essendo di backup li utilizziamo all'occorrenza, "nudi" con un dock firewire800 (pagato una 50ina di euro). I dischi dentro al Mac invece devono essere veloci, si impone quindi uno o più box TB (con altrettanti cavi ed alimentatori in giro).

Ho appena avuto una visione: cavi impolverati ovunque con in Mac Pro che spara polvere ovunque raccogliendola dal basso verso l'alto.. :-)

Scherzi a parte è una questione di costi, a sto punto se proprio doveva essere non mi sarebbero dispiaciute porte eSata.

the_devil_88 ha detto...

Oggi do un occhio al tuo blog, scopro che è arrivato un nuovo mac pro e mi ricordo del WWDC di ieri!!
Erano sono 5 anni che non lo aggiornavano!!
Solo che sono rimasto interdeto.
Quello che vedo è un nuovo powermac G4 cube. Macchina bellissima, niente da dire, ma mi aspettavo qualcosa di pià simile ad una workstation che ad un desktop cool.
Tipo lo storage: Gli ssd che monti saranno anche più veloci di un normale disco sata, ma in una workstation attuale io vedo dischi sas da 10k o 15K rpm, che garantiscono velocità senza cagionare di capienza e pesare enormemente come prezzo.
Espandibilità: Dire che è espandibile equivale a dire che lo è anche un mac mini!!!!!
Uno slot PCI Express era troppo? Un adattatore Thunderbolt <> pci-e costa tipo 800 dollarucci, il che non è proprio uno scherzo.
La cosa divertente è che fanno i confronti con il precedente macpro, che non è stato toccato dal 2009. Per fare un paragone avrebbero dovuto prendere un prodotto attuale di un concorrente, sarebbe stato pià reale come confronto.

Tirando le somme, IMHO, molto figo ma sicuramente è molto distante dal mio concetto di workstation.

Anonimo ha detto...

Non so. La cosa che rendeva attratente il mac pro era l'espansibilità, che in questo modello è poco superiore a quella di un iMac (il 27' ha 2 porte thunderbolt mentre sto cilindro ne ha 6).
Spiegatemi perché un professionista come uno studio di registrazione dovrebbe prendere un nuovo mac pro se per usare le schede di acquisizione/dischi veloci deve prendere dei accessori thunderbolt? Se state per dire che il macpro avrà le thunderbolt2 mentre gli attuali iMac hanno "solo" la prima versione, teniamo presente che anche gli iMac verranno aggiornati.......
Se sei uno che cerca la potenza bruta posso capire, ma al attuale livello raggiunto dai personal computer, il distacco fra questi ultimi e le workstation a livello prestazzionale è davvero minimo.

Dama Arwen ha detto...

Beh, dai è un recensione decisamente più lunghetta delle ue righe che ci siam scambiati ieri su Skype! :-P

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...