sabato 7 febbraio 2015

Un minuto e mezzo di buona pubblicità.

Difficilmente posto video su questo blog, perché tanti altri lo fanno con maggior continuità di me e, generalmente, inserendoli in un contesto più "specialistico" del mio, che parlo di pubblicità non troppo spesso (per più di un buon motivo che non starò ora a ripetere).

Oggi faccio un'eccezione perché, tra i tanti, questo spot per la Honda HR-V, diretto da Nathan Price per Leo Burnett Australia si merita un minuto e mezzo della vostra attenzione.
QUI la scheda coi crediti completi.


E, giusto per mostrarvi che non sono uno di quelli che vogliono fare quelli che le cose fighe le fanno sempre e solo all'estero, vi segnalo anche QUESTO, realizzato dall'agenzia The Richards Group e diretto dal regista Antony Hoffman per Filmmaster di Milano.

Ma quello Honda è più figo.
Respiro più ampio, più vendibile sugli altri mercati, più citazionista, più elegante, più tutto.
Meglio.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

uao...
bellissimo, grazie.


F

Simone ha detto...

Bellissimo. Però mi piace di più quello della 500 :)

Simone

Glauco Silvestri ha detto...

Io preferisco quello della Fiat 500X. Credo trasmetta meglio il messaggio... Considerando che 500X e la Jeep Renegade hanno la stessa piattaforma tecnica in comune (cambia solo la linea esteriore), lo spot 500X mostra l'italianità della vettura, la sua personalità. Lo spot della Renegade invece punta tutto sulle qualità tecniche, come del resto deve essere per una Jeep che si rispetti.
I due spot dovrebbero vedersi assieme, secondo me, per comprenderli meglio.

Quello della Honda HR-V è interessante, l'idea del sogno non è male, ma non è originalissima, così come il fatto che la vettura si costruisca attorno a chi la guida (già visto in ambito Audi se non ricordo male). Gioca sull'emotività, ma Honda non è mai stato un marchio capace di trasmettere vere emozioni... magari fa auto affidabili, ma le emozioni... ehm. Uno spot del genere per pubblicizzare una Honda, a mio parere, funziona a metà!

Questo, funziona meglio, secondo me (sempre honda)

Maryland ha detto...

Mah, io quello della 500 "pompata" a viagra lo trovo un po' becero, onestamente, forse il mio è un punto di vista femminile ma del resto i SUV sono destinati a un'utenza prevalentemente maschile quindi ci può stare... ;-)
Quello Honda lo trovo bello, anche se questa fotografia un po' desaturata l'abbiamo già vista tante altre volte...

Maura ha detto...

Resto sempre affascinata da quanto dietro gli spot ci siano così tante figure che 'costruiscono' il tutto per fa sì che tale prodotto rimanga impresso nelle menti umane.
I fattori sono tantissimi e vanno dall'età media del destinatario a cui è rivolto lo spot, al tipo di prodotto pubblicizzato.
Ci vuole una solidissima base di psicologia, e c'è qualcosa, in questo spot Honda, che colpisce.

LUIGI BICCO ha detto...

Molto carino quello della Honda, ricco anche di citazioni cinematografiche. Quello della 500 lo avevo già visto in tv e non mi era piaciuto un granché. Anzi, credo che concettualmente si sbagliato. Per non parlare ci certe connotazioni non del tutto positive (in fondo il viagra lo prendi quando vuoi pompare artificialmente un "motore" che altrimenti non è in grado di stare al passo coi tempi).

Anonimo ha detto...

d'accordo con Maryland sul fatto che il viagra è un'idea un po'... cheap... ma che i suv siano destinati ad un'utenza maschile è la prima volta che lo sento.
anzi, io direi il contrario: le mamme che prima andavano di station, ora suv a gogo...

f

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...