venerdì 12 giugno 2015

10 novità fighe di OS 9.


1) Inizio dalla più figa: si può tornare indietro. Proprio come fa Windows Phone fin dalla sua prima release. Una di quelle feature che, una volta che ti ci abitui, non torni più indietro: per esempio, aprite un link in una mail, leggete, e quando avete finito tornate alla mail. Con WP io vado e torno di continuo fra due (o più) applicazioni. Con iOS 9, quando un’applicazione vi porta in un’altra applicazione, ora c'è un piccolo pulsante “indietro”, in alto a sinistra.
Insomma, non è solo Microsoft che copia.

2) C'è un'app per accedere ai file salvati su iCloud Drive.

3) Share  adesso appare a fianco di copia e incolla.

4) Potete fare (finalmente...) l’upload di file da Safari.

5) La password per sbloccare il device diventa di 6 cifre (il che significa: milioni di combinazioni possibili).

6) Se poggiate l’iPhone con lo schermo rivolto verso il basso, tipo su un tavolo, questo capisce che illuminare lo schermo è inutile e quindi lo lascia spento, anche se arriva una notifica.

7) Sempre nell'ottica di risparmiare sulla batteria (invece di fare device sempre più sottili, nessuno sembra pensare a progettare batterie più performanti), iOS 9 introduce la modalità “Low Power”, che dovrebbe permettere di guadagnare fino a tre ore extra di energia. Dovrebbe.

8) L'app integrata Note è stata riprogettata ex novo e adesso permette di inserire immagini, disegni e anteprime dei link.

9) Ora si può fare una ricerca anche dentro le Impostazioni del Sistema... sembra una cazzata, ma là dentro è pieno zeppo di roba.

10) Adesso, su, Pad, è possibile avere davanti agli occhi due applicazioni alla volta, anche se questa funzionalità è riservata agli iPad più recenti (addio doppio click sul bottone home). Molto figo, anche se tutti gli Apple fanboy fanno finta di non sapere che sui sistemi Android si può già fare da un pezzo.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Beh, ma non hai parlato delle Mappe, iOS 9 aggiungerà dettagli riguardanti i trasporti su bus, treni e metropolitane, a me sembra la PRIMA cosa figa dell'aggiornamento!!

CyberLuke ha detto...

Caro anonimo, NON l'ho inclusa perché la feature sarà disponibile – per ora – solo per San Francisco, New York, Toronto, Londra, Parigi e Berlino.
Quando si degneranno di implementare anche qualche città italiana, la annovererò con piacere nell'elenco, ok?

Larsen ha detto...

a me pare che stiano arrancando, allineandosi piano piano a quello che tutti gli altri fanno da sempre.
per dire, il sensore che spegne lo schermo quando e' appoggiato a faccia in giu' c'era sull'htc hd, contemporaneo del primo iphone...

Glauco Silvestri ha detto...

A quanto ho letto in giro, più che copiare Android e MS, hanno implementato funzioni che erano disponibili grazie al Jailbreak... probabilmente per rendere meno interessante il Jailbreak stesso :-)

Quanto alla funzione per tornare indietro, in realtà era già possibile, anche se in modo indiretto. Basta cliccare due volte sul tasto home, appare la lista di App attive, e selezionare quella da cui si era partiti. E' una cosa che uso spesso. Ovvio che il tastino è molto più comodo. :-)

Batterie più efficienti? Questo è un argomento complicato. Ci sono molti studi al riguardo, ma il problema è l'affidabilità. Già quelle al litio, ogni tanto, quando le ricarichi prendono fuoco, o esplodono (per fortuna di rado, ma accade... han dovuto mettere a terra tutta la flotta di Boeing 787 Dreamliner per motivi simili, un paio di annetti fa...). Prima o poi ci arriveranno, o magari si troveranno altre fonti di energia. In passato si parlava addirittura di batterie a etanolo. Chissà!

CyberLuke ha detto...

Costruire batterie più efficienti dovrebbe essere prioritario, ma evidentemente tutti si sono "adagiati" sul fatto che, ogni sera, ciascuno di noi rimette lo smartphone in carica. Ed è ridicolo.
Non mi interessa se è difficile, non è un problema mio. Io sono solo quello che mette i soldi.
Se riesci a farmi uno smartphone veloce il doppio del precedente e spesso la metà, devi inventarti anche qualcosa di meglio per le batterie. Io alle undici di sera sto a zero, ed è inammissibile.

CyberLuke ha detto...

E, tanto per dirla tutta, me ne sbatto altamente se mi aggiungono un pulsantino share o torna indietro o qualsiasi altra cosa si affannino ad aggiungere Apple, Microsofot e Google.
La batteria.
Deve farsi almeno quindici ore, dalle nove di mattina a mezzanotte.
E, sì, con navigazione, telefonate e tutto... non è mica un cazzo di iPod.

Larsen ha detto...

le batterie non hanno a che fare col sistema operativo... ed e' un problema di tutti.
certo, piu' e' sottile, piu' diventa un problema, piu' lo schermo e' grande, maggiore e' il problema, ma questo e' quello che vuole l'utenza: un padellone spesso come una sottiletta (e poi si lamentano che si piega :D).

le batterie sono il punto debole di qualsiasi aggeggio che ne fa uso, dalle auto agli smartwatch.

tra l'altro, progettare hardware e' decisamente piu' costoso e complesso che non limitarsi ai sistemi operativi: e' finita da tempo l'epoca in cui apple progettava da se' l'hardware (e si vede).
ovviamente se vuoi tutte le feature (vere o presunte tali) dei moderni smartphone, ti serve potenza di calcolo, e quella si paga in termini di autonomia.

Tommaso Crespi ha detto...

La batteria è il punto dolente di qulasiasi smartphone, anche il più "evoluto".
Recentemente Phone Arena ha effettuato dei test, e in cima alla sua classifica si è piazzato il BLU Studio Energy, uno smartphone Android presentato a gennaio, che riesce ad arrivare a quasi 15 ore di autonomia, ben 6 ore in più rispetto al Sony Xperia Z3, uno dei più performanti top di gamma in campo di linfa vitale.
Da notare che non c'è nessun iPhone nella calssifica. ;)
Se ti interessa, la trovi qui: http://www.phonearena.com/phones/benchmarks

Anonimo ha detto...

@Larsen:
che le batterie non abbiano a che fare col sistema operativo, perdonami, è una frescaccia.
ogni os gestisce le risorse con più o meno efficienza, e l'effetto più immediato è una maggiore o minore durata di batteria.
per dire, osx da almeno 5-6 anni mette in idle i processori tra una battuta di tasti e l'altra mentre scrivi.
altri non riescono ad arrivare ad una tale integrazione hw/sw.
l'effetto è che il mio stesso air, stesso hw, con osx fa 7 ore di batteria, con windows me ne fa 4,5, con linux 3,5-4

@Luke:
IO SONO TUO PA...
ah, no, scusa...
dicevo, vuoi che ti faccia 15 ore di batteria? no problem. ti accatti un 6 pollici cinese spesso 1 dito, con display 640x480 e pesante un kilo.
certo che se cominci a pretendere schermi 4k a 800 lumen e 3 mm di spessore...
il problema delle batterie è probabilmente la cosa più studiata del mondo al momento insieme alla cura per il cancro.
chi arriverà primo sistemerà i nipoti fino all'ottava generazione...

F

CyberLuke ha detto...

@F: Tommaso ha postato un link dove un Android arriva alle fatidiche 15 ore di funzionamento: ho fatto un paio di ricerche, si tratta di questo modello qui, ha una batteria da cinquemila mAH e lo vende anche Amazon a un prezzo contenuto.
Insomma, un altro mondo è possibile.

EtaBetty ha detto...

CIAO!! Ho appena scoperto il tuo blog e vorrei contribuire nel commentare questa risposta enunciando gli smartphone su cui ho avuto modo di operare. :-)

Ho un HTC one M7 e mi trovo bene con questo dispositivo se non fosse per la durata assurda (in senso negativo) della batteria.
Ho la necessità di tenere il traffico dati sempre acceso e per colpa della mia fame d'informazioni il mio smartphone viaggia spesso con carica batterie attaccato. Per mandare in assistenza il mio dispositivo per far sostituire la fotocamera (famosi aloni viola), mi sono messa alla ricerca di qualche "muletto" ed ho trovato una linea di smartphone cinesi che offriva una serie di 3 dispositivi con tagli di batterie da 4000, 4400 e 5000 mAh. Per l'appunto.. i 3 dispositivi si chiamano esattamente come i tagli batteria. Le specifiche sono normalissime e vanno sulla fascia media-bassa, quindi non si sente quel WOW di sottofondo nel cervello, soprattutto il prezzo non lascia a pensare niente di buono.. basti pensare che il 4000 lo trovi a meno di 100 euro compreso di tutte le spese.
Ora.. nonostante una fotocamera scadentissima, il dispositivo presenta 1 gb di ram, 8 gb di rom + microsd fino a 32gb, display da 4,7 pollici, dual sim 3g e come processore abbiamo un quadcore della mediateck a 1.3mhz. Naturalmente.. android 4.4 kitkat

Risultato?
Display sufficiente per vedere video, smartphone reattivo e senza troppe incertezze (pochissimi lag), pochissima personalizzazione da parte della casa e durata della batteria di 2 giorni con un utilizzo molto intenso.
Rapporto qualità prezzo da 9 su 10 secondo me.
Il gps è valido e prende veramente bene il segnale con H3G.

Ho provato un giorno a fare un viaggio con Bluetooth acceso collegato all'autoradio della macchina (riproduzione audio continua) + tethering hotspot attivato (per far connettere il mio ragazzo col tablet) + google maps + display al massimo della luminosità. Ho ricevuto pure qualche chiamata durante il viaggio... ho fatto 8 ore.