martedì 14 luglio 2015

Consumare eticamente. Quasi sempre.


È bellissimo amare e rispettare il pianeta, e preoccuparsene ogni giorno che passa. 
Davvero.
Però, certe volte, la dicotomia tra etico e quotidiano si fa sentire più forte che altre.

Dalla rubrica I consigli di Leo Hickman (giornalista del Guardian che dà suggerimenti ai lettori sulle scelte migliori per rispettare il pianeta), ricopio testualmente:
Cercate le tavole da surf di ultima generazione, prodotte con nuclei in resine epossidiche e resine poliesteri che contengono meno composti organici volatili del poliuretano espanso.

Va bene.
– Pronto, buongiorno. Volevo sapere se avete tavole da surf di ultima generazione, quelle prodotte con nuclei in resine epossidiche e resine poliesteri, Sì, quelle che contengono meno composti organici volatili del poliuretano espanso.
–  Sì sì certo. Vie' nel pomeriggio, che te la dò in testa.

6 commenti:

Ariano Geta ha detto...

La chiamata sarebbe perfetta se eseguita con la voce di Verdone quando fa il personaggio superpreciso... A quel punto il commesso del negozio rispondere direttamente "Ma va a morì ammazzato, va!"

Ettone ha detto...

Ogni ipossidica scusa è buona per mettere una bella gnocca con una tavola da surf... :P

Anonimo ha detto...

se lo dice la bionda va bene tutto...


F

CyberLuke ha detto...

@Ariano: in effetti.
@Ettone: mi hai sgamato.
@F: maschilista.

Dama Arwen ha detto...

Ahahaahah! Quoto Ettone!! :-P

LUIGI BICCO ha detto...

In virtù dei poteri che mi sono stati conferiti dalla vista, dico che quando metti una ragazza del genere su una spiaggia, puoi tranquillamente mettere da parte la tavola "prodotta con nuclei in resine epossidiche e resine poliesteri" e andare a surfare a piedi nudi.

Per dire.