giovedì 10 settembre 2015

Il mio grosso, grasso iPad Pro.

Di Apple potete pensare e dire quello che volete, ma non che non sappiano come presentare i loro prodotti.
Il reveal video del nuovo iPad Pro è meglio del trailer di Age of Ultron.

12 commenti:

Chiara Rox ha detto...

A vederlo, sembra uno spettacolo... ma tremo a pensare a quanto costerà...

CyberLuke ha detto...

L'iPad Pro sarà commercializzato a novembre in tre varianti: due Wi-fi (32 e 128 GB) e una Wi-fi + LTE (solo da 128 GB).
I prezzi negli USA:
Wi-fi 32 GB a 799 dollari;
Wi-fi 128 GB a 949 dollari;
Wi-fi + LTE a 1079 dollari.
Considerato che da noi le reti Wifi free non sono numerose come altrove, l'LTE è quasi obbligatorio. E, sì, ti viene a costare come un portatile, o, se preferisci, come un iPhone 6 Plus.

Anonimo ha detto...

Mi piace molto il nuovo IPAD PRO: finalmente non 2, ma ben 4 altoparlanti. Ce ne è voluto di tempo per fare quello che altri produttori fanno da anni visto che non puoi essere costretto ad usare le cuffie per goderti un film in modalità stereo.

La penna sarà bella (nello stile APPLE il design è sempre impeccabile), ma rispetto a prodotti della concorrenza troppo cara. Sono curioso di vedere come funziona con l' ausilio di pellicole proteggischermo e se a lungo andare può provocare danni (graffi) allo schermo.
La cover è una copia della cover di surface (intesa come prodotto integrato ALL in ONE e non il concetto di cover + tastiera).

CyberLuke ha detto...

Per ora non ho alcuna opinione sull'iPad Pro.
Le sole informazioni che attualmente girano sono quelle di Apple, ed è più che ovvio che l'oste giuri che il suo vino è il più buono.
Mi piacerebbe tenerne in mano uno, ma da qui a mettere mano alla carta di credito ce ne corre ancora.

Comunque, sì, la cover-tastiera di certo non è un invenzione Apple.

Matteo ha detto...

Beh che dire, come prodotto è impeccabile e come presentazione anche meglio. In quello sono dei maestri. Ricordo ancora la voglia di comprarmi un nuovo macbook al solo vederne la pagina di presentazione sul sito apple...

LUIGI BICCO ha detto...

Dal punto di vista tecnico si presenta come un pezzo hardware niente male. Ma ieri, con ex colleghi, ci si è trovati per lo più a parlare della nuova matita. Un meraviglioso oggettino che a 99 dollari (nemmeno pochissimi, se vogliamo) dà la possibilità di sbizzarrirsi come si deve. I video che ne mostrano l'utilizzo fanno venire l'acquolina in bocca. Ma il problema è sempre quello: non c'è software proprietario di un certo tipo sul dispositivo e quindi non potrai utilizzare quella meraviglia con cose come photoshop o altro, ma solo con app che continueranno a non permetterti di salvare i tuoi disegni ad una risoluzione come si deve.

Tenendo poi conto del fatto che tra l'ipad pro e la matita, in Italia si andrà a spendere almeno tra i 900 e i 1000 euro, per chi deve "disegnare" ci sono soluzioni molto più "performanti" come il prossimo Surface 4 o il Cintiq Companion 2.

Sempre che tu ci debba disegnare, appunto.
Se ci devi fare altro, non fa una grinza :)

CyberLuke ha detto...

@Matteo: sì, quel meraviglioso e quasi inutile, costosissimo oggettino.
Però, devo dirti, ho provato la tastiera di nuova concezione, e ci si scrive che è un piacere.
@Luigi: dici che non puoi esportare in hi-res?
E, anche se non me ne intendo, sì, so che Cintiq ha in catalogo da anni macchine magnifiche per i disegnatori. iPad fa un mucchio di altre cose, però, e probabilmente è quello il suo valore aggiunto.

Stefano ha detto...

Chi mi conosce, sa che per lavoro disegno. tanto, troppo.
A suo tempo ho comprato un'ipad 4 per usare una sola app per disegnare che trovavo fantastica: Procreate.
Ho aspettato come la manna questo ipad. Ma due anni fa.
Difatti è una macchina uscita con due anni di ritardo.
Nel frattempo io stufo di vedere uscire ipad air, mini, tiny e così via ho capito che non era cosa e mi sono comprato l'anno scorso un Cintiq Companion, alla faccia di apple.
A ottobre ho dato anche via l'ipad e sono passato a qualcosa che pesava poco di più ma che è sì è davvero 'pro': un Surface Pro 3. La versione più base i3 4giga di ram.

Che lavorare con Procreate era fantastico. Penne a parte che non ce n'era una che fosse anche solo lontanamente paragonabile a quella del Surface.
Ma lavorare con iOS è un vero incubo. Una cosa che bisogna per forza di cose essere masochisti per costringersi a fare una cosa del genere. Ti porta a fare giri su giri assurdi per fare qualsiasi cosa che per un computer vero è veramente basilare.
A tutt'oggi gli sviluppatori di Procreate nonostante le mille richieste degli utenti non hanno ancora implementato un modo per importare file psd, costringendoti a fare i salti mortali esportando un livello alla volta come png trasparente da Photoshop per poi reimportarli tutti singolarmente in Procreate (ma passando prima dal rullino delle foto, beninteso). Che agli sviluppatori estremamente vicini al mondo apple come loro gli interessa fare le cose fighe come priorità, che ti fanno dire wow, mica le cose utili. Infatti hanno poi sviluppato Procreate Pocket per iPhone che mi dicono essere fichissimo, e anche l'app compagna da usarci assieme per iWatch. Ma di importatore di file psd ciccia. All'hipster medio non serve, noi professionisti non siamo abbastanza cool.
Poi ci si mette anche iOS e la sua totale impossibilità di gestire dei file in maniera tradizionale.
O anche solo di gestire dei file se è per questo.
Bisogna anche vedere se almeno su questa macchina hanno eliminato il blocco software/hardware imposto da apple per cui il sistema non può creare o gestire immagini di dimensioni superiori a 4096x4096. Mica per niente qualsiasi app ha quella dimensione massima...

Quando ho visto i filmati di questo iPad Pro con lo schermo grande, la penna e Procreate una parte di me ha pensato di vendere il Surface (che nel frattempo siccome mi ci trovavo così bene è diventato il modello i5 con 8giga di ram) per accattarsi questo.
Poi memore dei limiti di Procreate e dell'assurdità indegna che è iOS son rinsavito in fretta.
Dovesse morirmi il Companion, che è la mia macchina principale, mentre aspetto che ritorni posso comunque svolgere tutto il mio lavoro col Surface.
Con un iPad no, ha sempre bisogno di appoggiarsi pesantemente su un computer.
Per quanto sarà bello, figo e tutto quanto.

Sicuramente sarà un successone. Soprattutto tra i manager e le persone che devono prendere tanti appunti.
E tra gli hipster a cui si rivolge apple: quelli che si definiscono creativi ma poi nella vita magari fanno i baristi.
Chi invece nella vita deve produrre veramente, salvo rare eccezioni, lo vedrà come un bel gadget. Di quelli con cui potrai indubbiamente farci un sacco di cose, ma che alla fine rimane un accessorio piacevole.
E a 1000 euri la versione scrausa è un po' troppo per un accessorio.
Poi magari almeno a questa macchina hanno tolto il limite di risoluzione delle immagini. E magari hanno dato alla versione di iOS che monta un vero file system invece di quella buffonata.
Ma conoscendo Apple ne dubito.


Un discorso a parte può essere fatto per il creativo che utilizza un Mac: utilizzando Astropad a quella cifra potrebbe essere una valida alternativa a una Cintiq 13hd, ma che diventa anche tablet e mini computer con cui realizzare qualche lavoro o fare bozze e schizzi.

Insomma, mi sa che per me è un no.

CyberLuke ha detto...

Grazie, Stefano, era quello che volevo sapere.

BlackBox ha detto...

A me gusta assai. :)
Al momento non c'è nulla di simile tranne il futuro Surface Pro 4 da 14 pollici. Il Companion è una mezza ciofeca, l'Helix è una ciofeca completa. Il Surface 3 è decente ma piccolo. E poi c'è la penna che hanno mostrato, che sembra del tutto inedita.

Anonimo ha detto...

ho varie opinioni al riguardo...
1- il video di presentazione è, da buona scuola apple, una figata atomica. (si dice ancora "figata atomica" o fa troppo XX° secolo?...)
2- avere un ipad senza 4g è una pirlata, qui molto più che negli usa, ma cambia poco. e siccome stai spendendo 1100 euri (al classico cambio apple) tanto vale non fare i pezzenti e spenderne altri 250 per pencil (che sarà molto fica) + tastiera (che farà molto schifo, temo ben più di quella dell'ultimo macbook...)
3- a 1300 e fischia euri ti trovi con qualcosa che assomiglia ad un trasformabile, ma senza un sistema operativo decente. la cosa mi scatena crisi di angoscia terribili, sia perchè apple stessa ha candidamente dichiarato che questo, secondo lei, è il "futuro del personal computing", sia perchè come ho imparato in uno scambio di commenti al riguardo sul "post", a tutti pare andare bene così, visto che chi si preoccupa del filesys è solo un nerd del cavolo ininfluente dal punto di vista del mercato.
io invece la penso come Stefano, ed ogni giorno che mi sbattono in faccia l'iossizzazione di osx e l'iphonizzazione dei miei mac mi viene un travaso di bile, ancor più perchè, nonostante ripetute ricerche, continuo a non trovare valide alternative...
4- sulla pennetta ho dei dubbi. potrebbe sembrare un oggetto interessante, ma dai video non riesco a capire se la sua UX sia sufficientemente smart da capire quando tener conto della matita tralasciando il palmo e quando considerare le dita. in pratica, a mio parere, se non ti permette finalmente di disegnare poggiando la mano sullo schermo in maniera umana e senza doverti inventare i draghi, per me è un'occasione persa. di disegnare con la mano a mezz'aria mi sono rotto le balle io, che non disegno per lavoro, immagino i professionisti...

(5)- considerazione a latere: ormai i keynote di apple sono sorprendenti quanto un film porno... il momento più emozionante è stata la presenza sul palco dei ragazzi di microsozz...

F

Stefano ha detto...

Riguardo al palm rejection gli sviluppatori di Procreate mi assicurano che si, è presente.
E non solo, il sistema riconosce distintamente penna, palmo e dita, per cui si può per dire tenere il palmo appoggiato e interagire contemporaneamente con la penna e le dita su schermo.
Ammetto che nonostante la mia ritrosia l'annuncio della versione 3 di Procreate un po' mi ha fatto venire la voglia di vendere il Surface Pro 3 per prendermelo.
Conscio però del fatto che l'ipad ha una marea di limiti scomodi e che per gestire il lavoro e inviare i file ai clienti serve comunque un computer vero.
Quindi se sei in giro per il mondo ti dovrai portare comunque dietro altro oltre all'ipad.