domenica 13 dicembre 2015

L'immigrato che cambiò il mondo.

Il figlio di un migrante siriano.
Così Banksy, probabilmente lo street artist più famoso al mondo, ha presentato sul suo sito il nuovo graffito realizzato nel campo profughi di Calais, in Francia: uno Steve Jobs vestito nella sua iconica tenuta (dolcevita nero, jeans e scarpe da tennis), con un vecchio Macintosh 128K in una mano e una sacca in spalla.
Il riferimento è alle origini del cofondatore dell'azienda di Cupertino: il padre biologico di Jobs, adottato da una coppia di armeni-americani, infatti è questo signore qui sotto,
Abdulfattah John Jandali, originario di Homs, uno dei crocevia dell'attuale protesta e della repressione di Assad in Siria. Fu proprio a seguito di una fra le innumerevoli turbolenze politiche del Paese che Jandali decise di piantare tutto per transumare negli Usa.

Banksy ha dunque utilizzato la figura di Jobs per evidenziare la recente crisi riguardante i rifugiati. 
Oltre al graffito, infatti, lo street artist londinese ha diffuso un insolito comunicato stampa: “Siamo inclini a pensare che l'immigrazione rappresenti un danno per le risorse di un Paese e invece Steve Jobs era il figlio di un migrante siriano. Apple paga circa 7 miliardi di dollari all'anno di tasse ed esiste unicamente perché l'America ha accolto un giovane uomo da Homs”.

Così, nel caso non lo sapeste.

2 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Massimo rispetto x Banksy, ma perchè Steve ha il cavallo basso ? Quello vero era un perticone magro e aguzzo come il Matt Modine degli anni ottanta. Sguardo di sir Biss e chassis da lead singer dei Curiosity Killed The Cat. Le gambe delle donne sono compassi con cui misurano il mondo, come disse il tale che le donne amava appunto. Le gambe dei creativi visionari sono sempre lunghe anche quando questi siano dei cuccioli che brontolano quando non pisolano.
Se Bangbang Banksy è in ascolto - so che segue questo blog come tutto quello che ha a che fare con i sogni dei designers - gli dico che ho cambiato idea e che non lo pagherò x il murale di fronte alla villa di King Kirby perchè la mia idea è che il Re deve avere le zampe da giraffa anche se qualcuno , errando, potrebbe dire che sembrava un cosplayer di James Cagney. Senza rancore, Banksy.

Anonimo ha detto...

Ma davero davero siamo sicuri sicuri che le invenzioni del siriano siano proprio proprio un bene bene per la società ??
Qualche domanda domanda è da un po' che me la "mela" pongo. Vedi vedi che, invece, ci hanno rifilato, zitti zitti chiatti chiatti, dei bei guinzagli di strass e di stress?
Comunque 7 miliardi son 7 miliardi: 1 dollaro a capo x essere umano. Prezzo equo.

Bye Bye.

Nn. Aa.