giovedì 1 settembre 2016

E abbiamo anche la Canzone dell'Estate 2016.



Ma che bello il litorale, piante grasse tra le dune,
le farfalle e l'erba in fiore. Il paesaggio bacia il mare.
Vado sulla spiaggia pe riavvicinamme a Dio,
‘ndo ce sta la gente, ce sta il reggae, bella zio!
famose ‘sto bagno tra i pesci assorbente,
diventamo neri co la crema abbronzante.
Se Ostia non è Rio, Capocotta non è Kingston,
poi dici che vomiti e te piji pure er gin lemon.
Sotto questo sole che coce,
più che Zion sembra ‘na croce.
Bevi n'artra birra, fa figo…
Te sei fatto i dreadlocks, te chiami Ciro.
Ma che bello il litorale, quanno ariverà l'estate.
Basta solo parcheggiare, s' hai da perde ‘n paio d'ore.
Yaman rastafari con il crocifisso al collo,
dopo cento canne nun ce stai a capì più un cazzo.
Africa Africa Africa Africa
A fica A fica A fica A fica
Donne in perizoma a fa contenti dù cojoni,
dù cojoni in posa a fa contenti dù troioni.
" Culanine, braciale, amigo, facio prezzo bòno! "
Cocco bello noccioline! se vòi c'ho pure er fumo!!
Nun stamo in Giamaica!
se guardi la cartina stai vicino Torvajanica!
Dimme ‘n po' che hai detto: che te serve ‘na cartina?
Lascia perde guarda avevo detto n'artra cosa.
Questo qui non è roots!
pijate ‘n artro spritz!
Sapore di sale, sapore di mare,
odore de merda che viè dar canale!
Ma che bello il litorale, co le tende tra le dune.
Basta solo campeggiare, co l'amici e quarche cane.
Io vengo da Babylon, cor lettino e co l' i phone,
condivido foto e poi faccio er fricchetton,
gioco a racchetton… bambarabambambom!
Sòno la chitara e der falò sarò er banton.
I tal I tal Italiano,
l'abissinia è lì, nella benzina che paghiamo.
I tal I tal Italiano,
canti peace & love ma sei filoamericano.
Sai che restà uniti nun vordì sta appiccicati,
co la sabbia dentro all'occhi nun semo cambati.

Nessun commento: